Le banche svizzere fregano gli evasori italiani: per il fisco non c'è lo "scudo"

%svizzera.jpg

Articolo su Il Fatto Quotidiano del 27-7-2016 a pag. 17

Sono convinti di essere furbi. In realtà sono creduloni, che le banche svizzere continuano a fare fessi. Non pochi vecchi evasori o, più spesso, loro eredi sono convinti di avere oltre confine il loro patrimonio e per questo accettano esose commissioni e balzelli vari.

Anche recentemente m'è capitato di sentir dire: "Ho i risparmi in Svizzera, grazie a uno scudo, così i tribunali italiani non possono sequestrarmeli". Tutto falso. Quei soldi sono facilmente aggredibili in Italia. "Ma io una volta l'anno vado in banca a Lugano!", mi ha obiettato. "Piacevole gita sul lago - ho risposto io - e ulteriore presa in giro".

Come stanno le cose? La storia comincia con lo Scudo Fiscale Ter del 2009, che per la terza volta offrì una scappatoia a chi aveva capitali clandestini all'estero. Con un modesto 6% ci si poteva mettere a posto. Ma nel caso di soldi in Svizzera, bisognava farli arrivare in Italia, perché allora era fuori dalla cosiddetta white list. Leggi tutto...

18
Mag
2016

I tanti inganni di cui sono vittime i risparmiatori

ore 13:00
Lezione-conferenza di Beppe Scienza nel corso di Diritto Commerciale del prof. Gianni Mignone
12
Mag
2016

Banche che falliscono e rendimenti nulli

ore 20:45

Lezione-conferenza di Beppe Scienza all'Unitre.

Ingresso libero.

24
Feb
2016

Contrasto bancario e difesa dei risparmiatori

ore 21:00
In Val di Susa
Conferenza con Beppe Scienza (ingresso libero)
All'auditorium Cav. Mario Magnetto
19
Feb
2016

Pensioni e Fondiss (fondo pensione). Come gestirli al meglio, minimizzando i rischi

ore 21:00
Gestione dei fondi e sicurezza degli investimenti per una gestione centralizzata monitorata.

In evidenza

I Libri

I Libri del prof. Beppe Scienza

Video

Mutui: parola d'ordine non fidarsi delle banche
Tutti i video