Com'erano belli i buoni fruttiferi postali. Li rimpiangeremo molto

22 Febbraio 2016 :: Beppe Scienza :: Attualità

Giovedì scorso è venuta meno la più sicura fra le alternative per i risparmiatori italiani. Non infatti vengono più emessi i buoni fruttiferi postali (BFP) indicizzati ai prezzi al consumo, introdotti il 16-2-2006. Nel corso del decennio non pochi hanno saggiamente approfittato di tale soluzione, offerta dalla Cassa Depositi e Prestiti (CDP), che può andarne fiera. Alcuni anni ne è stato sottoscritto anche il doppio, rispetto ai buoni ordinari a tasso fisso. Ma è inevitabile che un debitore decida lui a che condizioni indebitarsi.

Chi li ha, ovviamente può tenerseli. Anzi, se odia il rischio, farà bene a non riscattarli finché può. È infatti vero che l'aumento dei prezzi non spaventa più e anzi ora desta preoccupazioni il fenomeno contrario. Però nella grammatica degli investimenti non esiste solo il presente e il futuro prossimo. È tutto da vedere se l'inflazione non ripartirà in un futuro neppure troppo lontano. Non dimentichiamo che l'obiettivo dichiarato della Banca Centrale Europea è proprio farla risalire vicino al 2%.

I BFP indicizzati all'inflazione non hanno goduto di buona stampa, spesso denigrati da incompetenti e imbroglioni, a sentire i quali erano inutili. Secondo costoro conveniva prendere altro (magari fondi comuni!) per spostarsi su titoli indicizzati all'inflazione, solo quando essa eventualmente rialzerà la testa.

Nel caso migliore questo è un ragionamento semplicistico. Dovessero infatti manifestarsi fiammate inflattive o anche solo loro avvisaglie, potrebbe essere troppo tardi. Si potranno comprare Btp-i o Btp Italia, ma facilmente i loro prezzi di mercato si saranno già impennati, riducendone l'efficacia contro l'inflazione.

Certamente un investitore prudente può comprare già ora tali Btp. Ma nulla esclude che abbia poi bisogno di smobilizzarli in un momento in cui le loro quotazioni sono scese, se non addirittura precipitate, come nel 2011. Il vantaggio di tutti i BFP, indicizzati o meno, è l'assenza di flessione dei prezzi. Funzionano alla stregua di un conto deposito non vincolato, dove uno recupera in ogni momento tutto quanto ha versato, maggiorato degli interessi già accreditati e capitalizzati. Alcune serie di BFP indicizzati offrono poi rendimenti che ora mandano in solluchero: la serie J19 dà sino al dicembre 2021 qualcosa come il 2,5% annuo composto, a parte l'inflazione (e le imposte).

Beppe Scienza

I Libri

I Libri del prof. Beppe Scienza

Video

Vogliono salvare le banche con le casse previdenziali
intervista del 18-7-2016 per il Movimento 5 Stelle al Parlamento Europeo.
Video itervista di Beppe Scienza per il Movimento 5 stelle al parlamento europeo
Tutti i video