Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

BTP CCT BOT - Titoli italiani sicuri ma attenti ai fondi

Pubblicato giovedì 14 luglio 2011

Intervista di D. Vaninetti su L'ECO DI BERGAMO, 14-7-2011, pag.3

Il rischio che lo Stato non ottemperi agli impegni presi con i suoi creditori, cioè che non paghi gli investitori italiani che hanno nel loro portafoglio Bot e Cct, è bassissimo, ma bisogna stare attenti a non compiere errori, anche se non siamo la Grecia. Intanto, è meglio stare alle larga dal risparmio gestito e affidarsi, invece, a prodotti sicuri come i Buoni postali. E soprattutto non è l'ora di indebitarsi ma semmai di provare a ridurre la rata del mutuo, se si ha qualche risparmio da parte. Cautela e consigli arrivano da questa intervista con Beppe Scienza, docente di Matematica finanziaria all'Università di Torino e autore di un libro degli anni Novanta dal titolo attualissimo: «Il risparmio tradito» (Edizioni Libreria Cortina Torino).

Risparmiatori e famiglie tra l'incudine della crisi e il martello della paura per i propri risparmi. Come uscirne?
«La prima considerazione da fare, per tranquillizzare i risparmiatori, di qualsiasi tipo essi siano, ma in particolare gli investitori in titoli di Stato, è che il rischio d'insolvenza della nostra Italia nei loro confronti è molto improbabile. Non avrei timori, a questo riguardo. Non siamo la Grecia, un Paese che conosco molto bene. Quindi, il rischio che Roma non ottemperi agli impegni presi con i suoi creditori, cioè che non li paghi, è bassissimo. Altro discorso va fatto sul valore dei titoli e sull'oscillazione del loro prezzo».

Allora, come mettersi bene al riparo dal rischio di perdere parte del valore del proprio investimento?
«La soluzione migliore sono i buoni fruttiferi postali, la cosiddetta Cenerentola degli investimenti ma che poi finisce per accasarsi col principe».

Questa convenienza da dove arriva?
«I buoni postali garantiscono il loro riacquisto in qualsiasi momento senza che il risparmiatore perda nulla del capitale investito. Non sono soggetti ad alcuna oscillazione di prezzo perché non sono quotati ma emessi, tramite le Poste, dalla Cassa depositi e prestiti con il suo impegno di riacquistarli in qualsiasi momento al prezzo di emissione».

Anche il giorno dopo la sottoscrizione?
«Sì, anche il giorno dopo. Segnalo, poi, che questi titoli non sono gravati da nessun costo né da nessuna commissione. Addirittura alcune serie sono legate all'andamento del carovita, un po' diverse di mese in mese. Così chi ne avesse acquistati a giugno, con l'inflazione più bassa, fa un affare se li cambia con quelli di luglio, indicizzati meglio e con interessi più alti. Difficile, se non impossibile trovare un investimento più sicuro per un risparmiatore italiano».

Ma c'è anche chi resta disposto a rischiare. O no?
«Se qualcuno è disposto a rischiare seguendo le oscillazioni di prezzo dei titoli di Stato (italiani, tedeschi o altri, anche greci) può farlo. Avviene anche in questo periodo di tempesta finanziaria».

Indebitamento: in questa fase è meglio che le famiglie stiano lontane dagli sportelli delle banche o, invece, la richiesta di un finanziamento potrebbe risultare, alla fine, conveniente, ammesso che lo si riesca a ottenere?
«Io non sarei contento se in questi mesi le famiglie fossero costrette ad accedere al credito bancario. È il momento in cui non fare debiti. Ma questa è una regola che valeva prima della crisi e che resta un precetto ancora adesso. Anzi, forse è meglio ragionare nel modo opposto».

Cosa vuole dire?
«Voglio dire che se una famiglia ha in corso il pagamento di un mutuo, sarebbe saggio utilizzare parte dei propri risparmi, ove disponibili, per ridurre questo debito. Non la sua durata ma il suo peso mensile sul bilancio familiare».

Facile a dirsi, di questi tempi...
«Ma è necessario. Faccio un esempio: se io ho da parte 20.000 euro su un conto corrente e pago anche il mutuo, forse potrei utilizzare metà dei miei risparmi per ridurre l'importo delle rate del mutuo stesso, tenendo sul conto solo la liquidità necessaria. Così facendo, investo su me stesso, che poi è sempre la cosa più saggia. Quello che va assolutamente evitato è l'acquisto di prodotti finanziari consigliati come ad alto rendimento, ma dalle prospettive incerte».

Quindi dobbiamo stare lontani dai fondi comuni d'investimento o offerte simili?
«Assolutamente sì. Molte persone avevano acquistato da banche, finanziarie e Poste fondi comuni ritenuti poco rischiosi, come quelli monetari, ma già nel 2010 avevano scoperto che "dentro" questo investimento c'erano dei titoli greci. Bisogna rifuggire dal risparmio gestito perché è molto meglio sapere sempre quello che uno ha in tasca. Se invece io delego ad altri l'investimento dei miei soldi, alla fine non so più quello che posseggo esattamente o dove è finito il mio denaro».

Daniele Vaninetti

Allegati


Potrebbero interessarti

I fondi comuni sono prodotti poco trasparenti e conti alla mano hanno reso meno dei titoli di Stato. Ecco perché è meglio evitarli!

In questa intervista, Beppe Scienza, docente di Metodi e modelli per la pianificazione economica presso l’Università degli Studi di Torino, punta il dito contro i prodotti più rischiosi, e parla di fondi comuni, depositi, e obbligazioni Lehman

I tassi d'interesse cosiddetti monetari, da qualche anno sono generalmente negativi in termini reali.

L'indagine di Mediobanca su fondi comuni, fondi pensione italiani, evidenzia una distruzione di valore pari a circa 86 miliardi di euro nell’ultimo quindicennio, quattrini portati via ai risparmiatori e finiti nella tasche di venditori, gestori, intermediari ecc. La ricerca è frutto dell'iniziativa e dell'impegno di Fulvio Coltorti, un economista onesto e competente, per decenni responsabile dell'area studi del gruppo Mediobanca.

I nuovi Btp Italia presentano diversi difetti e il successo del collocamento (7,3 miliardi di euro) è dovuto ad alcune trovate commerciali.

Sui Btp Italia i risparmiatori vengono messi in guardia da minacce inesistenti. Si rischierebbe di rimetterci a causa delle cacs (non è vero niente) o appoggiandosi a banche con molti titoli del Tesoro in portafoglio (non c'entra nulla).

Beppe Scienza, in Attualità
Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».