Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

Buono fruttifero postale Obiettivo 65: «Debutta in sordina un nuovo prodotto per la pensione integrativa: forte garanzia»: articolo sul Fatto Quotidiano lunedì 23 nov. 2020 pag. 13. Straccia per sicurezza tutti i fondi pensione, piani e polizze previdenziali, perché indicizzato all'inflazione.

Certificati. Strumenti d’investimento spesso rischiosi, meglio comprarli dopo l’emissione

Pubblicato lunedì 10 agosto 2020

Titoli tossici: così si diceva in Italia al tempo dei crac finanziari di inizio secolo: Argentina, Cirio e Parmalat. Un’espressione che si adatta pienamente a parecchi certificati, chiamati anche all’inglese certificates. Si veda per esempio quello di Bnp Paribas, ma collocato in Italia, indicizzato all’azione tedesca Wirecard, codice NL0014790628. Emesso a fine aprile a 100 per la serie Airbag Cash Collect, dopo tre mesi valeva già zero e così uno non ci pensa più. Un airbag totalmente inutile. Per fortuna Vincenzo Somma direttore di Altroconsumo Finanza dice che "non si tratta di strumenti molto pericolosi", altrimenti chissà cosa sarebbe capitato.

Sfornati in continuazione e molto spinti da alcuni anni da banche e promotori, sono titoli sintetici, costruiti cioè a tavolino impacchettando insieme più componenti. In genere un’obbligazione a cedola nulla e una o più scommesse (cioè opzioni) su indici di Borsa o azioni. Già così uno intuisce che è roba un po’ complicata. Ma può essere molto complicata, come con l’ultima batteria di certificati “worst of” di Unicredit.

Le vicende dell’investimento dipendono dall’andamento di due o tre azioni e in particolare da quella che va peggio nell’ambito per esempio di Eni, Banca Intesa e Generali oppure di Tenaris e Prysmian. Qui basta che alla scadenza dopo tre anni una di esse abbia perso più del 30%, perché il rimborso del certificato venga decurtato nella stessa misura. Inoltre, come sono stati obbligati a scrivere nel prospetto: “L’investitore è esposto al rischio di perdita anche totale del capitale investito”. Né si tratta di un’ipotesi puramente teorica, come si è visto all’inizio.

Quanto è probabile che uno ci rimetta? La risposta tecnico-scientifica più sincera a tale domanda è: “Boh!”. Non esiste infatti nessun criterio obiettivo per valutare in modo affidabile un tale rischio.

A non rischiare nulla sono quelli che stanno dall’altra parte, cioè emittente, collocatore e venditore del prodotto, che si spartiscono anche un 4-5%, ovviamente scaricato sulle spalle del risparmiatore. A loro un certificato rende su base annua grosso modo come un fondo comune, senza più praticamente nessun lavoro e senza il rischio di riscatti.

Come per la previdenza integrativa, anche per i certificati ipotetici vantaggi fiscali sono lo specchietto per le allodole che aiuta a rifilare prodotti opachi e rischiosi.

Ma se di regola qualunque certificato proposto da banche e sedicenti consulenti è da rifiutare, ciò non è sempre vero per quelli in circolazione, già emessi e trattati in Borsa o su altri mercati. Per cominciare è frequentissimo che appena quotato un certificato scenda di prezzo, perché non comprende più il ricarico del venditore. Nell’universo dei certificati già in circolazione c’è spazio per un consulente competente per individuare e indicare opportunità di investimento. Certo che è più difficile che consigliare beotamente i soliti Etf.


Potrebbero interessarti

Senza dire che fosse prevedibile, di certo il debutto negativo in Borsa si spiega.

Come avvoltoi, le banche italiane cercano di approfittare dei crolli di Borsa per aggredire i risparmi dei propri clienti. Così Banca Intesa la sera stessa dei crolli per la Brexit

Beppe Scienza, in Attualità | Danni del risparmio gestito

Non è vero che le azioni proteggano dall'inflazione, Beppe Scienza lo dimostra in modo incontrovertibile semplicemente analizzando i dati storici.

Attenzione agli Etf, tanto apprezzati dai giornalisti economici (brutto segno) e, peggio ancora, sistematicamente consigliati dai consulenti finanziari.

Banca Generali e Unicredit illudono i risparmiatori con BG Stile Libero e Life Income 360. Si sono anche inventati una parola nuova (e strampalata) della lingua italiana: decumulo.

Per le azioni di Veneto Banca, Banca Marche e altre banche popolari sono previsti indennizzi del 30% di quanto pagate. Pochi sanno che si registrano perdite ben maggiori coi titoli di Unicredit, Monte dei Paschi di Siena ecc.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».