Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®


Comprare azioni conviene sempre. Ma non ai risparmiatori, è ovvio

Pubblicato lunedì 30 maggio 2016

Articolo sul Fatto Quotidiano del 30-5-2016 pag. 22

Nell'ambito della finanza ci si imbatte spesso in argomentazioni speciose sui vantaggi dell'investimento azionario. Molti sono infatti i soggetti cui conviene, a fini leciti o truffaldini, spingere i risparmiatori in tale direzione.

L'ultima trovata, insidiosa perché alquanto convincente, è che i bassi tassi d'interesse di titoli di Stato e obbligazioni siano un motivo valido per spostarsi dal reddito fisso alla Borsa. Anche questa è una frottola. Ma non solo perché con le azioni uno rischia comunque di rompersi l'osso del collo, se incappa in un pesante crac borsistico. È proprio falso che in concomitanza di un costo del denaro intorno allo zero ci si debba aspettare dall'investimento azionario buoni rendimenti

Questa è un'invenzione costruita a tavolino negli uffici commerciali dell'industria del risparmio gestito (e ovviamene gradita agli imprenditori, per drenare capitali per aziende decotte). Tale tesi è infondata a breve, a medio e anche a lungo termine. È molto istruttivo, anzi conclusivo, il caso del Giappone, perché si tratta dell'unico precedente significativo di tassi d'interesse bassissimi per un ampio arco temporale. Nel periodo 1990-2015 il suo tasso di sconto è sceso in breve al 2%, poi sotto l'1% e anche i titoli decennali non rendono quasi nulla.

Ebbene, cos'ha combinato in questo quarto di secolo la Borsa di Tokio? Pur conteggiando i dividendi, ha perso il 25,5% (indice Topix). Invece i titoli di Stato hanno prodotto un risultato positivo. Già questo basta a liquidare la teoria che i tassi bassi siano di per sé una ragione valida per spostarsi dalle obbligazioni alle azioni.

Gli Stati Uniti d'America insegnano poi che non vale neppure il contrario, cioè che tassi più alti siano esiziali per le azioni. Da fine 1990 a fine 2000 quelli della loro banca centrale hanno viaggiato mediamente al 5% e l'indice azionario Standard & Poor's, dividendi compresi, è quadruplicato: da 367,6 a 1837,4.

Le azioni convengono di sicuro non ai risparmiatori, bensì ai gestori, ai venditori di fondi ecc. Ecco perché se n'inventano sempre una per indirizzarli verso la Borsa. Infatti ci guadagnano di più (provvigioni, commissioni ecc.), rifilandogli prodotti con contenuto azionario. Non che questi comportino maggiori costi a carico della società di gestione, compagnia d'assicurazione ecc. Anzi, il gestore andrebbe pagato semmai meno, essendogli richieste meno competenze tecniche che a un gestore obbligazionario.

La vera spiegazione è che l'investimento azionario è soggetto a guadagni o perdite molto maggiori. Così a fronte, ad esempio, di una salita delle Borse in un anno del 21% o anche di un crollo del 23%, è facile raschiare via al cliente il 2-3% senza che la cosa gli salti agli occhi.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

E' un luogo comune che nell'ambito degli investimenti con grossi capitali si avrebbe accesso a soluzioni migliori, ci sono tuttavia alcune eccezioni.

Con l'inizio del 2014 sono dieci anni esatti dalla soppressione del credito d'imposta sui dividendi. Un istituto di equità fiscale che si sono ben guardati dal ripristinare i governi da allora succedutisi, di destra, sinistra o più o meno larghe intese.

Rifilando prodotti azionari si guadagna più del doppio. Ecco perché gestori, banche, promotori finanziari ecc. spingono verso le azioni, e le loro previsioni sono quasi sempre ottimistiche.

In tempi di tassi bassi, qualcuno propone titoli a tassi allettanti in valuta straniera che però espongono a rischi elevati di svalutazione.

Beppe Scienza, in Indicazioni di investimento

Offerta delle azioni di Poste Italiane: un'ingiustizia per i normali risparmiatori e il brutto precedente di Finmeccanica.

Beppe Scienza, in Attualità

Senza dire che fosse prevedibile, di certo il debutto negativo in Borsa si spiega.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio corriere della.. covip default diamanti dividendi economia educazione fin.. edufin enel euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».