Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

In programma:

29-02-2020
Corso sugli investimenti a Bologna 2020
4 ore di corso con il prof. Beppe Scienza organizzato dall'associazione culturale Il dito nell'occhio.
Corso


Effetto diesel: Volkswagen diventa una cattiva speculazione finanziaria

Pubblicato lunedì 5 ottobre 2015

Il Fatto Quotidiano del 5 ottobre 2015 a pag. 18

"Figuriamoci se un'azienda così solida può perdere in Borsa un quarto del proprio valore!". Questi i discorsi in banca un mese fa per collocare un certificato emesso dal Gruppo Unicredit (codice DE000HV4AZB2), agganciato alle azioni Volkswagen. Discorsi superficiali o peggio. Dai quasi 167 euro del 9 settembre i titoli della casa tedesca sono scesi sotto la soglia prevista dal regolamento. Così adesso, ogni 100 euro investiti, uno se ne ritrova meno di 60. Una perdita del 40% fa già provare il brivido della finanza.

I certificati, spesso chiamati in inglese certificates, sono un prodotto dell'ingegneria finanziaria, costruiti con formule diverse, non sempre tossiche, ma spesso sì. Quello in questione prometteva un premio limitato, se le Volkswagen fossero salite in certe date, col rischio però di pesanti perdite nel caso di una flessione anche momentanea del 25%. Qui già qualcosa non quadra. Se va male si perde anche tutto, se va benissimo si guadagna solo il 15%.

Si può definire una scommessa iniqua? Di certo prodotti che nessuno può onestamente consigliare a un normale risparmiatore. Il guaio è che invece da anni ai clienti delle banche vengono sbolognate centinaia di certificati simili, perché lucrosi per chi li fabbrica e chi li colloca.

Che dire poi di strane creature quali gli Athena Double Relaxe Double Chance, emessi da Bnp-Paribas e indicizzati alle Volkswagen e alle General Motors? Chi si è doppiamente rilassato, è finito fuori strada: anch'essi da 100 sono scesi a 60. Ma si trova pure di meglio: per i germanofili convinti ecco per esempio un'emissione legata ad Allianz, Siemens e Volkswagen, precipitata a 47.

Spostiamoci però dalle macchine al cosiddetto lusso (champagne, borse firmate ecc.) e al Gruppo Intesa-Sanpaolo. Ci imbattiamo così nel certificato di Banca Imi (codice XS1245452344) indicizzato alle azioni francesi LVMH, ossia Louis Vuitton Moet Hennessy, con una denominazione che già spaventa. Che diavolo vorrà dire Standard Long Autocallable Barrier Certificates? Qui il discorso è un po' diverso. Emesso a inizio luglio a 100 euro, i giorni scorsi se ne ricuperavano solo 88, benché l'azione sia sempre rimasta distante dal bordo del precipizio. Vale infatti la regola che un normale risparmiatore tutta questa roba non deve mai comprarla in emissione, ovvero proprio quando le banche la sbolognano ai propri clienti. Salvo disastri maggiori, una volta quotata di regola viene fuori che era troppo cara. Ma anche dopo fa bene a comprarla solo chi è super-esperto.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Quanto rischia l'Italia sotto l'attacco della speculazione? Quanto è critica la situazione dei suoi titoli di Stato visto lo spread? Siamo destinati a fare la fine della Grecia?

Suonano come una delle tante teorie complottiste le accuse agli speculatori per la recente risalita dello spread e calo delle quotazioni dei Btp.

Beppe Scienza, in Attualità
In programma:

29-02-2020
Corso sugli investimenti a Bologna 2020
4 ore di corso con il prof. Beppe Scienza organizzato dall'associazione culturale Il dito nell'occhio.
Corso

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio corriere della.. covip default diamanti dividendi economia educazione fin.. edufin enel euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».