Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

In programma:

15-12-2020
Obbligazioni, futures e certicati
Conti e confronti utili per i risparmiatori.
Webinar

Fondo Cometa: i rischi nascosti dal meccanismo del silenzio-assenso

Pubblicato lunedì 6 febbraio 2017

I rischi nascosti dal meccanismo del silenzio assenso

Articolo sul Fatto Quotidiano del 6-2-2017 a pag. 18

Ma quanto piace a sindacati e associazioni padronali il silenzio assenso! Fu applicato d’imperio nel 2007 e tuttora vige per ogni nuova assunzione nel settore privato, al fine di ingabbiare più lavoratori possibile nei fondi pensione. In spregio alla nobile premessa del Decreto Legislativo n. 252/2005 che l’adesione alla previdenza complementare è libera e volontaria.

Sulla stessa falsa riga quanto ha deciso Cometa, il grosso fondo sindacal-padronale dei metalmeccanici con circa 10 miliardi di euro di massa gestita e 400 mila iscritti.

A quelli sotto i 56 anni, aderenti al comparto Monetario Plus, è infatti arrivata una raccomandata e così hanno tempo solo 90 giorni per ribellarsi a quanto deciso sopra la loro testa. Cioè al passaggio automatico al comparto Reddito, più rischioso. Del diritto a potersi riprendere i propri soldi non si parla neanche.

E perché tale cambiamento? Scrive il direttore del fondo Maurizio Agazzi che “il Comparto Reddito avrà l’obiettivo di offrire un rendimento previdenziale in linea col TFR”. Il che è una triplice presa in giro. Primo, senza un impegno contrattuale esplicito obiettivi simili non valgono un fico secco. Io potrei enunciare l’obiettivo di vincere, primo nella storia, sia il premio Nobel per l’economia che la medaglia Fields per la matematica. Un mero obiettivo, perché tanto ovviamente e giustamente non mi assegneranno né l’uno né l’altra.

Sconcertante poi che si miri proprio a pareggiare il rendimento del TFR, in genere così vilipeso. Ma allora tanto varrebbe tenerselo in azienda, eventualmente parcheggiato all’Inps.

Terzo punto, per il comparto Reddito è previsto un 20% in azioni. Coi tassi ai livelli attuali basta quindi una flessione delle Borse e se lo sognano “un rendimento previdenziale in linea col TFR”. Cosa significherebbe poi “rendimento previdenziale”? Un’espressione d’effetto, ma dal significato oscuro.

È odioso che tali decisioni, escogitate in realtà a vantaggio dei gestori, vengano prese sulla testa di persone capaci di intendere e di volere. E un lavoratore debba farsi parte attiva, semplicemente per mantenere in vigore quanto da lui coscientemente scelto.

Che poi i giuristi obiettino che in casi simili si debba parlare di conferimento tacito e non di silenzio assenso, è irrilevante. Siamo sempre di fronte a una prevaricazione, come al solito giustificata dalle migliori intenzioni in quello che è il migliore dei mondi possibili, cioè la previdenza integrativa italiana.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Smontati i rendimenti gonfiati sui 10 anni di previdenza integrativa del Sole 24 Ore.

Notizie Tiscali ha chiesto a Beppe Scienza di spiegare a voce perché sono falsi (e gonfiati) i rendimenti dei fondi pensione pubblicati dal Sole 24 Ore in prima pagina:

TESI DI LAUREA del candidato Livio Nervo, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI ECONOMIA - Relatore: Prof. Giovanna Nicodano - Correlatore: Prof. Beppe Scienza

Smentiti i consigli della ditta Altroconsumo a favore della previdenza integrativa.

Il regolamento autorizza di fatto quasi il 40% di titoli non quotati, per esempio cattive obbligazioni bancarie, e permette il 20% in fondi chiusi o in fondi speculativi (o hedge). Tutte cose che cozzano con ogni finalità previdenziale.

L'anticipo del TFR proposto da Renzi entra in concorrenza con la previdenza integrativa. Si ridurrebbe la torta che ora si spartiscono sindacalisti, funzionari di associazioni padronali, assicuratori, gestori, economisti legati al mondo finanziario-bancario ecc.

In programma:

15-12-2020
Obbligazioni, futures e certicati
Conti e confronti utili per i risparmiatori.
Webinar

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».