Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Metodi per le scelte finanziarie e previdenziali»: corso semestrale, quest'anno on line, per la laurea in Matematica all’Università di Torino: Inizia a breve. Può iscriversi, nel limite dei posti, anche chi non è studente universitario

Fondo Metasalute, c’è una via d’uscita per dare libertà di scelta ai lavoratori

Pubblicato lunedì 18 settembre 2017

Articolo su il Fatto Quotidiano del 18-9-2017 pag. 22

Per cominciare la cattiva notizia. Scatta il 1° ottobre l’iscrizione automatica al fondo sanitario integrativo Metasalute prevista dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del 26-11-2016. A prima vista può sembrare una buona cosa, in quanto a carico dell’azienda; invece non lo è. Vediamo perché, in estrema sintesi.

Primo, è comunque un trasferire al privato un’assistenza che dovrebbe essere pubblica.

Secondo, si torna a un’impostazione precedente il sistema sanitario nazionale: alcuni, in questo caso i metalmeccanici, godono di qualche privilegio, grande o piccolo che sia.

Terzo, lo specifico settore merceologico rimanda alla Malf, mutua aziendale lavoratori Fiat, e non è un bell’esempio.

Quarto, scegliere al posto di altri significa sempre un po’ metterli sotto tutela.

Quinto, a differenza di Metasalute, una valida assicurazione sanitaria dovrebbe ignorare le piccole spese, come i ticket, e concentrarsi solo su quelle ingenti, cioè quelle davvero problematiche per chi ha ridotte disponibilità finanziarie.

Sesto, come escludere che agli iscritti al fondo vengano sistematicamente proposte integrazioni della polizza base? Settimo, tutto il welfare aziendale puzza di piccola elusione fiscale: vedi i buoni pasto utilizzabili in blocco negli agriturismi.

Ma soprattutto, come nel caso delle iscrizioni coatte ai fondi pensione Priamo, Prevedi ecc., siamo di fronte a un piccolo ricatto. Infatti il lavoratore può anche opporsi all’iscrizione a Metasalute, ma ciò si ritorce puramente a suo danno: non ottiene nulla in cambio e procura solo un insperato risparmio all’azienda.

La buona notizia è che c’è una via di uscita. Lo dimostra il caso di un lamierificio del parmense, precisamente San Polo Lamiere. Infatti, per la prima volta in Italia, l’Unione Sindacale di Base (USB) ha trovato una soluzione per i dipendenti che non vogliono Metasalute. Ha concordato che l’azienda destini ad aumento salariale quegli stessi 156 euro annui, che altrimenti verserebbe al fondo.

Per essa tutto ciò avviene di fatto a parità di costi, perché non può certo contare su un numero significativo di lavoratori che, per una pura questione di principio, rinuncino all’iscrizione.

L’accordo fra il sindacato di base e San Polo Lamiere pare aver colpito nel segno. Risulta infatti che più del 50% dei dipendenti abbiano già disdetto l’iscrizione a Metasalute, optando per i soldi in busta paga, benché inevitabilmente soggetti ai contributi obbligatori (previdenziali ecc.).

Beppe Scienza

Allegati


Potrebbero interessarti

Una trovata dei sindacati concertativi (Cgil, Cisl, Uil, Ugl ecc.) per gonfiare fittiziamente il numero degli aderenti alla previdenza integrativa, che invece langue. Questa volta incastrando i ferrotranvieri col fondo Priamo, in futuro magari tutti.

Il welfare aziendale ai lavoratori non conviene, mentre alle aziende sì. I vantaggi fiscali e contributivi sono specchietti per allodole.

Beppe Scienza, in Attualità

Varie cose lasciano perplessi nel contratto di lavoro dei metalmeccanici, non solo la spinta alla previdenza integrativa. Ma anche sui buoni pasto in generale c'è da qualcosa da dire.

Alcuni lettori segnalano pressioni dalle loro aziende perché rinuncino al premio di produttività in busta paga e lo destinino al cosiddetto welfare aziendale. Si chiama così un coacervo di beni e servizi (buoni pasto, sanità integrativa, trasporti casa-lavoro ecc.) che dovrebbero appunto accrescere il benessere del lavoratore.

Beppe Scienza, in Attualità
Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».