Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Metodi per le scelte finanziarie e previdenziali»: corso semestrale, quest'anno on line, per la laurea in Matematica all’Università di Torino: Inizia a breve. Può iscriversi, nel limite dei posti, anche chi non è studente universitario

I bimbi: le nuove prede dell'industria della previdenza integrativa

Pubblicato lunedì 19 marzo 2018

Articolo sul Fatto Quotidiano del 19-3-2018 pag. 18

I bambini sono le nuove prede dell’industria della previdenza integrativa. E sono le prede ideali, perché i soldi ingenuamente versati a loro nome da genitori, nonni ecc. resteranno bloccati sotto il controllo di altri per oltre mezzo secolo con un’assenza di trasparenza pressoché totale. Una pacchia per gestori, amministratori ecc. rispetto ai fondi comuni dove invece il risparmiatore può uscire quando vuole (bisognerà proibirglielo!).

Pure alcuni fondi pensione chiusi offrono da un po’ la possibilità di aprire posizioni intestate a minorenni, purché familiari a carico del lavoratore, che viene allettato anche dalla deducibilità Irpef dei versamenti. La carta vincente dei venditori di fondi pensione e piani individuali previdenziali (pip) è infatti quella fiscale. Così Fondosanità strombazza che “i benefici fiscali per chi aderisce sono consistenti”, mentre dal canto suo il sindacato dietro il fondo Previndai decanta pubblicamente le meraviglie per chi iscrive i propri bambini.

In effetti per essi non c’è peggior regalo per diverse ragioni, fra cui soprattutto due. Primo, perché bisognerebbe credere che tutti i banchieri, gli assicuratori, i gestori, i sindacalisti ecc. che hanno e che avranno voce in capitolo in fondi pensione e pip, siano e saranno sempre persone di un’onesta adamantina. Davvero un’incrollabile fiducia nella bontà della natura umana!

Ma c’è un secondo motivo, sistematicamente taciuto per non dispiacere all’industria parassitaria del risparmio gestito. La convenienza fiscale decresce col diminuire dell’età. Massima per un ultra sessantenne, è minima per un neonato.

Illude infatti il mero dato contabile dell’imposta deducibile, per cui in un anno con redditi sopra i 75 mila euro i versamenti per un minore possono abbattere di circa 2.200 euro l’Irpef dovuta. Conta invece il saldo annuo della fiscalità meno i costi di fondi e pip. Così iscrivendo il figlio neonato o piccolissimo, si prospettano perdite medie dello 0,4% coi fondi aperti e addirittura dell’1% annuo coi pip. Coi fondi chiusi apparirebbe un modesto saldo positivo, ma i dati pubblicati sono poco affidabili. È però innanzi tutto per il primo motivo che va rifiutata “la costruzione del cosiddetto secondo pilastro fin dalla culla”, come la presenta con toni deamicisiani il Sole 24 Ore. Anziché dare sicurezza, provoca un senso di soffocamento l’idea di propri risparmi sotto sequestro fino al 2080. Anzi, oltre il 2100 se prima o poi diventerà obbligatoria la conversione in rendita del capitale finale.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Notizie Tiscali ha chiesto a Beppe Scienza di spiegare a voce perché sono falsi (e gonfiati) i rendimenti dei fondi pensione pubblicati dal Sole 24 Ore in prima pagina:

TESI DI LAUREA del candidato Livio Nervo, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI ECONOMIA - Relatore: Prof. Giovanna Nicodano - Correlatore: Prof. Beppe Scienza

Smentiti i consigli della ditta Altroconsumo a favore della previdenza integrativa.

Ma Beppe Scienza, docente di Metodi e modelli per la pianificazione finanziaria all’Università di Torino, mette in guardia i lavoratori dalle facili illusioni e dalle sirene che spingono in un’unica direzione.

Beppe Scienza, in Fondi pensione o TFR

Espressioni e toni da spot pubblicitario nella trasmissione in onda su radio 24 a cura di Debora Rosciani.

Il regolamento autorizza di fatto quasi il 40% di titoli non quotati, per esempio cattive obbligazioni bancarie, e permette il 20% in fondi chiusi o in fondi speculativi (o hedge). Tutte cose che cozzano con ogni finalità previdenziale.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».