Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

In programma:

29-02-2020
Corso sugli investimenti a Bologna 2020
4 ore di corso con il prof. Beppe Scienza organizzato dall'associazione culturale Il dito nell'occhio.
Corso


Il ritorno dei buoni fruttiferi postali, più sicuri ancora dei titoli di Stato

Pubblicato lunedì 12 giugno 2017

Articolo sul Fatto Quotidiano del 12-6-2017 a pag. 18

Dopo oltre un anno di deprimente calma piatta, qualche novità sul versante dei buoni fruttiferi postali (Bfp). Nuovi buoni ordinari e, dopo lunga assenza, una nuova serie triennale.

Non che la Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) abbia deciso di scialare, ma per gli ordinari lo 0,93% annuo effettivo lordo a scadenza fa già un effetto diverso dal miserrimo 0,32% dei precedenti. È invece 0,70% il tasso dei dei triennali, però solo se non riscattati anticipatamente. Qui certo ha influito la maggiore remunerazione che la Cdp riceve dal Tesoro.

La serie ordinaria emessa dal febbraio 2016 andrebbe comunque sostituita senza costi con la nuova, per la precisione la TF120A170420. Ma in effetti qual è meglio fra i due buoni in emissione? Prima dei tre anni il rendimento netto è nullo con entrambi, salvo sotto i 5 mila euro per l’esenzione dal bollo. Ma siamo sempre a livelli bassissimi. Alla scadenza i BFP a 3 anni Plus battono gli ordinari: al netto anche del bollo fruttano lo 0,41% annuo anziché zero. A condizioni invariate, la convenienza degli ordinari farebbe capolino solo dopo una quindicina d’anni. Ma simili simulazioni sull’arco di lustri sono un esercizio sterile.

Comunque i punti di forza dei Bfp non sono mai i rendimenti allettanti al momento dell’emissione, salvo poi scoprire di aver puntato sul cavallo vincente, come con le emissioni degli anni ’80, in barba alla frottola dei tassi illegittimamente abbassati.

I pregi dei BFP sono altri. Per cominciare la sicurezza, poco o tanto maggiore rispetto agli stessi titoli di Stato grazie alla garanzia aggiuntiva della Cdp. Secondo, un prezzo di riscatto che non flette mai. Terzo, il recupero dell’intera cifra investita anche in caso di rimborso anticipato nonostante il bollo. E qui consiglierei di aspettare a scrivere sui social network commenti del tipo “Scienza è un cretino” o “Alle Poste sono tutti ladri”, qualora uno verifichi sull’immediato un accredito inferiore all’investimento iniziale. Il bollo viene prima trattenuto, ma poi in tempi rapidi le Poste rifondono la differenza con accredito sul conto corrente o libretto postale.

Allargando il discorso, rincuorano alcune apprezzabili prese di posizione di Matteo Del Fante, nuovo amministratore delegato di Poste Italiane. Oltre a una maggiore attenzione ai settori tradizionali, in particolare ai pacchi, per i servizi finanziari si delinea un ribilanciamento a favore delle proposte della Cdp rispetto al risparmio gestito. Finalmente.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Può stupire, ma fu del tutto regolare la riduzione degli interessi del 1986 per i buoni fruttiferi postali in circolazione. Purtroppo molti risparmiatori sono stati trascinati in cause perse in partenza.

“Una decisione politica”, “una porcheria” e peggio: sono i giudizi apparsi in Rete sulla recente sentenza della Cassazione sui buoni fruttiferi postali. Niente di tutto questo. Al contrario: una sentenza giusta e, in quanto tale, prevedibile.

In questa intervista, Beppe Scienza, docente di Metodi e modelli per la pianificazione economica presso l’Università degli Studi di Torino, punta il dito contro i prodotti più rischiosi, e parla di fondi comuni, depositi, e obbligazioni Lehman

Il TFR è lo strumento più efficace contro l'inflazione. Il risparmiatore prudente fa bene a prendere in seria considerazione gli investimenti legati al costo della vita.

Tabella di confronto tra buoni fruttiferi indicizzati all'inflazione e ordinari.

Netta convenienza a riscattare buoni indicizzati all'inflazione degli ultimi mesi per sottoscrivere quelli offerti in dicembre.

In programma:

29-02-2020
Corso sugli investimenti a Bologna 2020
4 ore di corso con il prof. Beppe Scienza organizzato dall'associazione culturale Il dito nell'occhio.
Corso

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio corriere della.. covip default diamanti dividendi economia educazione fin.. edufin enel euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».