Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Metodi per le scelte finanziarie e previdenziali»: corso semestrale, quest'anno on line, per la laurea in Matematica all’Università di Torino: Inizia a breve. Può iscriversi, nel limite dei posti, anche chi non è studente universitario

Le bordate al sistema del prof. Scienza

Pubblicato lunedì 30 giugno 2003

(Fondi, n. 3-2003, Trimestrale del risparmio gestito allegato a Investire n.7-2003)

Beppe Scienza intervistato da Paolo Bricco.

I gestori?

Com’è possibile che facciano così regolarmente peggio del benchmark?

Gli accademici?

Tanti,troppi sono consulenti di case d’investimento, banche e assicurazioni alle quali non vogliono certamente recar danno.

La stampa?

Superficiale e poco attenta alla verifica delle fonti.

"Dopo tre anni di perdite cospicue l’unica cosa positiva è che i risparmiatori italiani cominciano ad accorgersi che il risparmio gestito è una micidiale macchina mangiasoldi. Non stupisce quindi la crescente sfiducia verso i fondi di investimento, nonché le banche e le reti porta a porta". È sconsolato ma battagliero Beppe Scienza, forse il più noto osservatore indipendente del sistema finanziario italiano. Il matematico è autore di un piccolo best seller, Il risparmio tradito (Edizioni Libreria Cortina Torino), che ha coronato un’attività pubblicistica basata su oltre 400 articoli, pubblicati in vent’anni su testate specializzate e non. Negli ultimi mesi, all’intensa attività giornalista ha affiancato la compilazione di una newsletter on-line, in cui segnala errori e omissioni dell’informazione italiana (www.beppescienza.it).

Proprio la stampa – spiega in un’aula del Dipartimento di Matematica dell’Università di Torino – è il tallone d’Achille del sistema italiano. Fra i giornalisti economici ci sono troppi orecchianti che, per manifesta incapacità analitica e diffusa ignoranza, si limitano a pubblicare con qualche vago ritocco i comunicati delle società di gestione. Siamo veramente distanti anni luci da realtà redazionali come quella del settimanale tedesco Der Spiegel".

Ma, se nei giornali manca talvolta una cultura della verifica puntuale di quanto propinato dagli uffici stampa, il mondo accademico non brilla certo per numero di osservatori indipendenti. "Sì, è vero – ammette Scienza - molti docenti universitari sono consulenti banche o assicurazioni. E non vogliono certo procurare dispiacere ai propri clienti".

Grave è il problema dell’opacità informativa. Sottolinea il matematico torinese: "Da un lato si assiste allo strano fenomeno di giornalisti e pubblicisti che, nel valutare i fondi di investimento, commettono quasi sempre sbagli unidirezionali. Cioè errori che ne gonfiano i risultati positivi. Dall’altro, c’è l’abitudine indecente di intervistare solo gestori e venditori, che inevitabilmente decantano i loro prodotti".

Proprio le performance dei fondi comuni di investimento sono costantemente sotto la lente del matematico torinese. Che interviene a piedi uniti sulla questione dei benchmark: "Ma come è possibile – si chiede – che i gestori producano costantemente risultati peggiori e spesso molto peggiori del mercato? Qualche spiegazione, ce l’ho. I modi sono tanti, e tutti indirizzati a spennare il risparmiatore. Vi sono i casi di commissioni di gestione pesantissime. Ci sono le provvigioni di performance massacranti, trimestrali o anche mensili: quando le cose vanno bene, prelevano denaro al fondo ma, nelle fasi negative, mica lo restituiscono!".

Anche sulla gestione attiva, Scienza ha qualcosa da ridire: "Molti gestori si dedicano a compravendite a ritmi forsennati a chiaro beneficio di qualche società di intermediazione dello stesso gruppo". Di fronte a questa realtà empirica, perde di significato, secondo lo studioso torinese, ogni dibattito teorico sui pro e i contro di gestione attiva e passiva: "Con risultati mediamente sempre sotto al benchmark, la quasi totalità dei gestori potrebbe essere licenziata e sostituita da un programmino informatico che replica il mercato. Se ciò non accade, è solo perché non conviene alle società di gestione ".

Spiacente. la pagina che hai richiesto non è stata trovata

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».