Questo sito fa uso dei cookie

In questo sito utilizziamo cookie tecnici, necessari per il corretto funzionamento e il miglioramento dell'esperienza di navigazione dell'utente.

Utilizziamo cookie di terze parti per contare le visite e dati d'accesso al sito, ma non sono associati all'IP e anche questi possono essere considerati cookie tecnici.

Per i video di Youtube incorporati abbiamo attivato la "modalità privacy avanzata".

Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

L’illusione finanziaria delle polizze vita rivalutabili: le perdite nascoste sono del 6%

Articolo di Beppe Scienza sul Fatto Quotidiano di lunedì 22 agosto 2022 a pag. 13

Da parecchi anni le polizze vita rivalutabili sono uno dei chiodi fissi dei giornalisti in quota al risparmio gestito. Le consigliano in continuazione, presentandole come un investimento sicuro, stabile e redditizio. Vendute da Generali, Unipol, Banca Intesa, le Poste o altre società, sono agganciate alle cosiddette gestioni separate delle compagnie di assicurazioni e rivaleggiano coi fondi pensione per l’Oscar dell’investimento più opaco. Con un meccanismo privo appunto di trasparenza, da anni retrocedono ai clienti un rendimento dell’ordine del 1-2% lordo, senza le oscillazione di prezzo inevitabili coi titoli a reddito fisso.

Una redditività che appariva appetibile in tempi di tassi intorno allo zero. Sorvoliamo per brevità sul meccanismo scandaloso - e regolarmente taciuto - per cui i clienti già in essere venivano depauperati a vantaggio delle nuove sottoscrizioni. Lo denunciò solo il Fatto Quotidiano con l’articolo sulle “Polizze civetta che ingannano i vecchi clienti” dell’8-4-2019.

In ogni caso ora il giocattolo si è rotto, ma pochi se ne sono accorti e i fiancheggiatori del risparmio gestito logicamente evitano di mettere in guardia gli interessati.

A monte c’è la cosiddetta illusione finanziaria: il prestare o rispettivamente indirizzare l’attenzione dei risparmiatori ai soli importi nominali o monetari, distogliendola dal potere d’acquisto delle cifre in ballo. Negli ultimi dodici mesi le polizze in questione hanno continuato a offrire una rivalutazione magari anche poco sopra l’1,5% netto, che con un’inflazione sul 7,8% si traduce però in una perdita di valore sul 6% reale.

E il peggio può ancora arrivare. Che l’inflazione ritorni di brutto a valori bassissimi è tutto da vedere. Anzi, è pure possibile un forte aumento, essendo le vicende economiche sostanzialmente imprevedibili. In uno scenario sfavorevole le polizze rivalutabili continueranno a bruciare il 5, il 6, il 7 per cento l’anno; o anche peggio.

A chi non vuole rischiare coi propri risparmi, accantonati con un’ottica di medio-lungo termine, conviene riscattarle e spostare il ricavato in strumenti che garantiscano il potere d’acquisto. E qui sarò ripetitivo, perché le bugie sono tante, mentre la verità è una sola. I titoli di Stato in euro, italiani o esteri, indicizzati al costo della vita sono gli strumenti che strutturalmente tutelano il potere d’acquisto delle somme investite. Quindi Btp Italia, Btp-i, Bund-ei o anche, per chi ama la paella e il gazpacho, le Obligaciones-ei spagnole.

Comprandoli ci si assicura un certo risultato reale, comunque vada l’inflazione. Ma si può escludere che i sedicenti consulenti finanziari sappiano calcolarlo. Diciamo quindi che, pagandoli ai prezzi attuali, il rendimento al netto della perdita di potere d’acquisto è nell’ordine dell’1% annuo, imposte a parte, per Btp-i o Btp-Italia con scadenza sugli 8-10 anni. Troppo poco? Meglio perdere il 6%?

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Il TFR è lo strumento più efficace contro l'inflazione. Il risparmiatore prudente fa bene a prendere in seria considerazione gli investimenti legati al costo della vita.

Dal 15 aprile 2022 i buoni postali Obiettivo 65 non vengono più emessi. Una decisione antipatica per i risparmiatori, ma comprensibile, visto che venivano offerti a 100 ma il loro valore era stimabile intorno a 115

Se un risparmiatore non ha come obiettivo puntare sugli alti guadagni, bensì evitare il peggio, deve rivolgersi a titoli indicizzati al costo della vita ed evitare invece i titoli a tasso fisso e pure quelli a tasso variabile come i Cct, per non parlare della previdenza integrativa.

Alcuni consigli per difendersi dai rischi dell'inflazione: titoli di stato e buoni postali indicizzati e il vecchio, vituperato ma sempre valido TFR.

Prodotti finanziari che offrono un rendimento agganciato ma sempre superiore all'inflazione.

Beppe Scienza, in Difesa dall'inflazione

Tabella di confronto tra buoni fruttiferi indicizzati all'inflazione e ordinari.

L'ultimo libro di Beppe Scienza
Ponte alle Grazie, 204 pagine, 15 euro.

L'ultimo libro di Beppe Scienza
Ponte alle Grazie, 204 pagine, 15 euro.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp futura btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conti dormient.. conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel Esg etf euro euro digitale euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fineco fisco fondi comuni fondi pensione fondinps fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti jobs act La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe moneyfarm monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. obiettivo 65 oro Oscar giannino pac palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni perseo-sirio piani d'accumu.. pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela viva i contant.. welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».