Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®


×


Capire o inveire? Forse i tedeschi non hanno tutti i torti:
“Coronabond, perché la Germania non li vuole”.
post di Beppe Scienza del 1-4-2020 nel blog del Fatto Quotidiano.

Pensioni, il matematico: «Quello di Boeri è allarmismo buono per i privati»

Pubblicato venerdì 4 dicembre 2015

Intervista a Beppe Scienza di Luca Sappino sull'Espresso on line (3-12-2015)

Costretti a lavorare per sempre, con il miraggio di pensioni vicine alla soglia della povertà. Per i trentenni non è una novità. «Ma quella di Boeri è una proiezione puramente teorica», dice il matematico Beppe Scienza: «che se non spinge verso più stato sociale, rischia di avvantaggiare solo i privati»

L’ha detta pure con troppo poco allarmismo, la sua verità, il presidente dell’Inps Tito Boeri. «Se oggi avessi 35 anni sarei preoccupato per il mio futuro pensionistico». Ma è bastato ad alzare il polverone. Boeri ha detto così quanto Antonio Mastrapasqua, il vecchio capo dell’Inps, con più poltrone e meno loquace del successore, aveva rivendicato di tener segreto per evitare rivolte sociali. Precisamente Mastrapasqua disse: «Se dovessimo dare la simulazione ai parasubordinati, rischieremmo un sommovimento sociale». Niente dettagi. Era il 2010, e quello già fu, in realtà, un modo più che sufficiente per diffondere i timori. Ora che Boeri ha svelato il finale, la rivolta sociale ancora non c’è stata, ma forse perché i trentenni italiani, che il loro futuro pensionistico fosse nero, lo sapevano benissimo da soli.

Troppo discontinuo il lavoro, troppo bassi gli stipendi e quindi i contributi. Rari gli avanzamenti di carriera, e anche quelli, comunque, quasi mai lineari. Toccherà lavorare fino ai 70 anni, o più probabilmente lavorare per sempre, in un modo o nell’altro, perché le pensioni - dice Boeri - saranno per molti dei nati nel 1980 del 25 per cento più basse rispetto ai nati nel 1945, e spesso così basse da dover esser accompagnate dai sussidi di povertà.

L’Espresso al tema e alle famose buste arancioni dell’Inps a maggio aveva già dedicato una copertina, facendo molte simulazioni, in effetti preoccupanti. Tra simulazioni e previsioni, però, il matematico Beppe Scienza, esperto di fondi complementari e previdenza privata, inserisce un dubbio: «Quello di Boeri», dice all’Espresso, «rischia di essere un allarmismo utile solo all’industria del risparmio gestito».

«Anzi», aggiunge il professore, docente al dipartimento di matematica dell’Università di Torino, «l’effetto delle sue proiezioni rientra perfettamente nella strategia volta a spaventare, anche più del dovuto, i lavoratori, spingendoli verso la previdenza integrativa». Beppe Scienza è noto per esser molto critico verso i fondi pensione, «tutti prodotti poco redditizi, non trasparenti e già solo per questo pericolosi ». Scienza, nei suoi molti saggi e articoli, consiglia sempre di orientare il risparmio verso prodotti senza gestore, verso i buoni fruttiferi postali o il vecchio caro Tfr. «Bisogna risparmiare», continua, «questo è verissimo. Ma bisogna farlo senza affidarsi a gestori e assicuratori».

Scienza - che fu molto critico anche quando il governo propose (senza troppo successo, in termini di adesioni, si scoprirà dopo) l’anticipo del Tfr in busta paga - spiega meglio il suo dubbio. E dice: «La proiezione di Boeri non sta in piedi. Ma non perché lui sia persona poco intelligente, anzi. Nessuno banalmente può prevedere cosa sarà del modello previdenziale da qui a quarant’anni». «Il suo è un esercizio puramente teorico». «Ci sono di mezzo almeno otto legislature, varie maggioranze parlamentari e chissà quanti governi», continua Scienza, «ed è francamente impossibile immaginare che non si sussegueranno varie modifiche alle norme attuali». Che in 45 anni nessuno di questi pensi di modificare norme che vanno sì modificate.

Ecco allora che la previsione di Boeri potrebbe avere un fine nobile, «se serve a spingere verso degli interventi di riforma in un’ottica di stato sociale, magari con l’utilizzo della fiscalità generale». Ma Scienza è in realtà preoccupato che l’obiettivo sia un altro: «Così come con la busta arancione», dice, «che è arrivata dopo pressanti richieste delle società di gestione e gli assicuratori la chiedevano a gran voce da anni».


Potrebbero interessarti

    Il Fondo Atlante è misteriosamente controllato dalla cassa di previdenza dei geometri. Da numerose dichiarazioni il Governo sembrerebbe intenzionato a creare un Atlante 2 utilizzando i fondi pensione degli italiani, rastrellando i soldi nei vari istituti. Leggi il testo dell'intervista

La busta arancione con la previsione della nostra futura pensione sarebbe dovuta arrivare ai lavoratori italiani. Il ministro del lavoro Enrico Giovannini ne ha ufficializzato l'abbandono.

Avanza l'idea di attignere ai soldi di casse previdenziali, fondi pensione ecc. per salvare il Monte dei Paschi e altre banche. Intervista del 18-7-2016 per il Movimento 5 Stelle al Parlamento Europeo

La difesa del risparmio non sarebbe compito della Corte di Cassazione. Finisce invece che vi provveda indirettamente lei, anziché chi vi è preposto o chi ogni giorno si vanta di tutelare consumatori e risparmiatori

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio corriere della.. covip default diamanti dividendi economia educazione fin.. edufin enel euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».