Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

In programma:

15-12-2020
Obbligazioni, futures e certicati
Conti e confronti utili per i risparmiatori.
Webinar

Pensioni, "l'Inps rende meno dei fondi privati". Ma è un’affermazione infondata

Pubblicato martedì 2 luglio 2019

Post sul blog del Fatto Quotidiano

Sull’Inps o, meglio, contro l’Inps trovano credito varie frottole. Una è che ai lavoratori dipendenti converrebbe tenersi i contributi previdenziali, obbligatoriamente versati dal datore di lavoro. Investendoli diversamente, essi otterrebbero di più. In particolare con la previdenza integrativa.

La cosa appare fondata, ma solo fermandosi alla prima impressione. Oltre alle lamentele tutto sommato generiche, si leggono anche affermazioni circostanziate. Alcuni mesi fa la stampa aveva riferito di un confronto del Centro Studi Impresa Lavoro, fortemente negativo per l’Inps. Analogamente, pochi giorni fa il Sole 24 Ore scrive senza mezzi termini che “quanto ai fondi pensione si ricorda che essi hanno rendimenti molto più alti di quelli previsti da Inps”.

Peccato che dal mio punto di vista tale affermazione sia totalmente infondata. Siamo alle solite: viene usato il presente, che indica una regola generale. Invece la superiorità dei rendimenti dei fondi pensione rispetto a quelli dell’Inps si riscontra solo per un particolare periodo passato; e per giunta è indicativa al contrario, come vedremo

Entriamo pure nel merito delle valutazioni numeriche. Per il quinquennio 2014-2018 il suddetto Centro Studi riporta lo 0,33% medio annuo per i coefficienti di capitalizzazione dell’Inps per i contributi versati e il 2,62% per i rendimenti della previdenza integrativa, in tutto o prevalentemente obbligazionaria. Ma ciò non dimostra affatto che il privato convenga rispetto al pubblico. Una tale conclusione è viziata da una grave carenza metodologica.

La buona o discreta redditività passata della previdenza integrativa non deriva dalla bontà dello strumento, bensì dalla salita delle quotazioni dei titoli a reddito fisso, a sua volta conseguenza del calo dei tassi d’interesse. In quel quinquennio il rendimento nominale dei Btp decennali è sceso dal 4,1 al 2,7%. È impossibile che tale fenomeno continui alla lunga. O qualcuno ipotizza seriamente che fra 20 anni i Btp renderanno in negativo il -2,5% annuo e fra 30 anni il -5%? In lettere: meno cinque per cento l’anno!

Per cogenti motivi matematico-finanziari, è sicuro che i rendimenti futuri dei comparti obbligazionari dei fondi pensione saranno inferiori a quelli passati. In realtà già per il 2018 il rendimento dei fondi pensione è stato negativo (-2,5% i negoziali e -4,5% gli aperti), la rivalutazione Inps invece positiva (+1,3%) e quindi superiore arrotondando dal 4 al 6%. Vedi Covip e Inps.

Inoltre la rivalutazione delle pensioni pubbliche di fatto tiene conto dell’inflazione, nei cui confronti la previdenza privata è del tutto sguarnita. Si potrebbero aggiungere considerazioni sul rischio, purtroppo alquanto complesse, alla luce della teoria economica dell’utilità. Ma tutto conduce alla stessa conclusione. In termini di rendimento e di sicurezza, meglio l’Inps dei fondi pensione (e dei piani pensionistici) esistenti. Se in futuro ne esisteranno altri diversi, riprenderemo il discorso.

Certe analisi e soprattutto certe conclusioni, anche se formulate in buona fede, servono ai venditori di fondi pensione, polizze e altra roba simile per ingannare più facilmente lavoratori e risparmiatori.


Potrebbero interessarti

Apparentemente è una scelta di libertà. In realtà l'idea del TFR in busta paga è deprecabile. Sette argomentazioni contro il progetto di Matteo Renzi.

Beppe Scienza, in Video e podcast

Tutto comincia con una furbata del governo Prodi a fine 2006, in vista del famigerato semestre di silenzio-assenso, studiato per spingere più persone possibile nei fondi pensione.

Beppe Scienza, in Attualità | Fondi pensione o TFR

Smontiamo le falsità fatte circolare sul Fondo di Tesoreria presso l'INPS che raccoglie il TFR per le aziende con almeno 50 dipendenti. E' anche falso che abbia reso poco

La previdenza integrativa vuol mettere le mani anche sul TFR presso l'Inps, che però rintuzza la loro protervia. Anzi è il momento di togliere il più possibile dai fondi pensione; e di tenersi stretto il TFR, perché attualmente rende bene.

Un investimento forzoso, ma redditizio. I tassi sono scesi in generale, ma non per il TFR. Brilla per redditività rispetto a titoli di stto, depositi bancati e fondi pensione

Il consiglio è di optare per il comparto garantito, non ci si gioca la pensione alla roulette dei mercati finanziari. Il TFR è un piccolo gioiello di sicurezza.

Beppe Scienza, in Video e podcast
In programma:

15-12-2020
Obbligazioni, futures e certicati
Conti e confronti utili per i risparmiatori.
Webinar

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».