Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Metodi per le scelte finanziarie e previdenziali»: corso semestrale, quest'anno on line, per la laurea in Matematica all’Università di Torino: Inizia a breve. Può iscriversi, nel limite dei posti, anche chi non è studente universitario

Prelievo forzoso sui conti correnti, oggi il rischio è nullo ma c’è di peggio

Beppe Scienza, post di giovedì 11 giugno 2020 sul blog del Fatto Quotidiano

Un timore serpeggia fra i risparmiatori. Il timore di un nuovo prelievo forzoso sulla liquidità, come avvenne dalla sera alla mattina successiva il 9 luglio 1992. Un evento ben presente nella memoria collettiva degli italiani, che preoccupa anche tanti che personalmente non lo subirono. L’impennata del debito pubblico, soprattutto per il coronavirus, fa temere a molti risparmiatori un intervento d’imperio sulla liquidità che hanno su conti e libretti, bancari o postali. Ne ho la conferma anche dalle numerose e-mail che ricevo al riguardo. La patrimoniale è vicina. Sapete chi lo dice? Leggi Anche dal blog di Beppe Scienza La patrimoniale è vicina. Sapete chi lo dice?

In realtà ora come ora il rischio di una riedizione dell’intervento di Giuliano Amato, l’allora capo del governo, è praticamente nullo in particolare per i seguenti motivi.

  1. Finché in Italia non c’è una dittatura, che per fortuna non è all’orizzonte, un prelievo forzoso sui conti richiede una maggioranza parlamentare che lo approvi. Tale maggioranza nel 1992 c’era, adesso non si vede affatto;

  2. Un prelievo nell’ordine dello 0,6% porterebbe nelle casse dello Stato meno di 10 miliardi. Comunque troppo pochi per le ricadute politiche di una tale misura. Il saldo finale ovviamente cambierebbe con una patrimoniale generalizzata, cioè non limitata ai conti correnti e altri depositi, ben più difendibile in termini di equità e costituzionalità. Ma sarebbe un altro discorso.

Perché allora si parla così tanto di un prelievo sui conti correnti? Perché molti, spesso in mala fede, lo presentano invece come probabile o addirittura certo. Il loro vero obiettivo è rifilare più facilmente prodotti finanziari e previdenziali costosi e rischiosi.

È in atto da qualche anno un attacco, anche mediatico, contro i soldi prudentemente tenuti sui conti correnti. Ai clienti i sedicenti consulenti delle banche raccontano ogni genere di frottole. Oltre allo spauracchio della patrimoniale, agitano quello dei bail-in, cioè del fallimento, anche per banche solidissime. Diffondono poi dati taroccati, per convincerli di sensibili perdite in potere d’acquisto, quando attualmente l’inflazione è del tutto trascurabile.

Discorsi analoghi vengono portati avanti da gran parte del giornalismo economico, asservito agli interessi dell’establishment finanziario. Tutti costoro profondono il massimo impegno per convincere i risparmiatori a prendersi sul groppone le diverse trappole studiate per raschiargli via soldi: fondi comuni, polizze vita, piani previdenziali, certificati ecc.

In tal modo essi vengono “alleggeriti” di qualcosa come il 2% l’anno, come risulta da varie ricerche sui costi del risparmio gestito. È grosso modo il triplo dello 0,6% del prelievo del Governo Amato e soprattutto lo subiscono ogni anno e non una tantum.

Un ultimo elemento dimostra la mala fede o, nel caso migliore, l’incompetenza di tanti che si spacciano per cosiddetti consulenti finanziari o si vantano di fare educazione finanziaria. La sola soluzione perfetta e per giunta senza costi per evitare un’imposta patrimoniale sulla liquidità, è prelevare dal conto e tenere i risparmi in contanti. Tale soluzione non viene mai neppure accennata.


Potrebbero interessarti

Il debito pubblico italiano salirà moltissimo col coronavirus. Molti temono un'imposta, addebitata nottetempo, come quella del Governo Amato nel 1992

Beppe Scienza ospite di Giulia Cazzaniga all'AnteprimaWeb dell'UltimaParola del 25 gennaio 2013, interviene su redditometro, uso del contante, riserve auree, usura bancaria, previdenza ecc.

'Volere eliminare le banconote è una pura idiozia', risponde Beppe Scienza a Barbara D'Amico in una mini intervista su Il Venerdì di Repubblica

Beppe Scienza, in Attualità

In Italia si vuole far passare per comportamento incivile pagare con banconote, mentre la Bundesbank organizza un convegno in difesa del contante.

Beppe Scienza, in Attualità

Dietro la ridicola guerra al contante (War On Cash) delle banche, solo il desiderio di maggiori guadagni.

Beppe Scienza, in Attualità

Meglio non abolire le monetine da 1 e 2 centesimi, i consumatori finirebbero per spendere complessivamente circa 60 milioni in più, per farne risparmiare una ventina allo Stato. In Germania nessuna parla di ridicole guerre al contante, lo difendono associazioni di consumatori, del commercio, intellettuali, la Bundesbank.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».