Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

Strumenti finanziari. Il lato oscuro degli Etf, si perdono le garanzie e si paga due volte

Articolo di Beppe Scienza sul Fatto Quotidiano di lunedì 1 giugno 2020 a pag. 13

Giornalisti, esperti e consulenti vari decantano all’unisono gli Etf. In inglese l’abbreviazione sta per fondi trattati in Borsa, ma la loro caratteristica precipua è un’altra: è l’assenza di discrezionalità nella gestione. Essi promettono di replicare in maniera automatica un indice o un settore di Borsa: ad esempio l’indice azionario Standard & Poor’s di Wall Street o i titoli di Stato italiani.

Un risparmiatore avveduto dovrebbe investire senza esitazioni in questi strumenti finanziari, ora di gran moda. Peccato che, per non danneggiare chi sugli Etf ci guadagna, ne vengano regolarmente taciuti gli aspetti negativi e soprattutto i rischi. Vediamo i principali, in particolare per il settore del reddito fisso, dove comunque nell’area euro le commissioni di gestione degli Etf riducono la già striminzita redditività.

Assenza di garanzie. Un risparmiatore alla ricerca di sicurezza può comprare direttamente emissioni di uno o più Stati affidabili oppure prendere un apposito Etf. Non è la stessa cosa, perché così dà un calcio alle garanzie contrattualmente previste dagli emittenti.

Germania, Olanda ecc. sono garanti del rimborso dei soldi loro prestati. Ma ciò non si estende alle quote di un fondo, che pure investe negli stessi prestiti. In caso di malversazioni o anche solo di una gestione dissennata risulterà una perdita, maggiore o minore.

Analogo discorso per un Etf rivolto ai titoli anti-inflazione, cioè quelli con capitale e/o interessi indicizzati in potere d’acquisto. È il caso dei Btp Italia, delle Oatei francesi o dei Tips americani (vedi il Fatto Quotidiano del 4-5-2020). Magari andrà tutto bene, ma nessun Etf contempla analoghe garanzie. E comunque Lyxor, JPMorgan o Amundi non sono certo affidabili come gli Stati Uniti d’America, la Francia o la stessa Italia. Ricordiamoci di Lehman Brothers!

Tutela del risparmio. Negli scenari peggiori gli svantaggi degli Etf sono ancora più gravi. Sia nel crac dell’Alitalia che in quelli bancari del 2015 e 2017 i piccoli risparmiatori sono stati tutelati, più o meno bene, con rimborsi o indennizzi. Così non è stato, se essi possedevano i medesimi titoli tramite fondi comuni. Tutto fa ritenere che sarà così con gli Etf nell’aborrita eventualità di un default dell’Italia.

Duplicazione di costi. Il colmo è che molti consulenti finanziari cosiddetti indipendenti consigliano soprattutto Etf o anche altri fondi, anziché obbligazioni, azioni ecc. Subappaltano cioè ad altri la scelta dei titoli, automatica o discrezionale che sia.

Vale in particolare per le Poste Italiane con MoneyFarm e risulta in generale da un recente articolo di Milena Gabanelli, che non solleva nessuna critica. Ma così il risparmiatore ha costi duplicati: la consulenza e la gestione. È come se un medico, anziché prescrivere farmaci, terapie, interventi ecc. emettesse una parcella per dirottare il paziente a un centro sanitario dove poi finalmente gli prescrivono farmaci, terapie e così via.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Senza dire che fosse prevedibile, di certo il debutto negativo in Borsa si spiega.

Come avvoltoi, le banche italiane cercano di approfittare dei crolli di Borsa per aggredire i risparmi dei propri clienti. Così Banca Intesa la sera stessa dei crolli per la Brexit

Beppe Scienza, in Attualità | Danni del risparmio gestito

Non è vero che le azioni proteggano dall'inflazione, Beppe Scienza lo dimostra in modo incontrovertibile semplicemente analizzando i dati storici.

I certificati sono investimenti molto rischiosi sfornati in continuazione e molto spinti da alcuni anni da banche e promotori. A non rischiare nulla sono quelli che stanno dall’altra parte, cioè emittente, collocatore e venditore del prodotto, che si spartiscono anche un 4-5%

Dal 1998 la capillare rete degli uffici postali ha smesso di essere una parte dell'amministrazione statale che raccoglieva risparmi solo per la CDP diventando una società per azioni. Ora piazza investimenti di qualsiasi genere e i servizi postali sono peggiorati.

Azione patriottica o scelta ponderata? il BTP Italia ha certo alcuni pregi, ma non è certo privo di rischi, nell'autunno 2011 un titolo analogo scese quasi a 70 euro ogni 100 di valore nominale. Rendono meno, ma per coprirsi dal rischio meglio i buoni postali o i titoli di stato tedeschi.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».