Questo sito fa uso dei cookie

In questo sito utilizziamo cookie tecnici, necessari per il corretto funzionamento e il miglioramento dell'esperienza di navigazione dell'utente.

Utilizziamo cookie di terze parti per contare le visite e dati d'accesso al sito, ma non sono associati all'IP e anche questi possono essere considerati cookie tecnici.

Per i video di Youtube incorporati abbiamo attivato la "modalità privacy avanzata".

Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
Perché evitare risparmio gestito e previdenza integrativa

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
Perché evitare risparmio gestito e previdenza integrativa

Il risparmio tradito ®

La “trappola” dei mutui a tasso variabile ricorda quelli in ecu. Famiglie stangate

Articolo di Beppe Scienza sul Fatto Quotidiano di lunedì 30 gennaio 2023 a pag. 13

Gli articoli e i siti dedicati ai mutui forniscono spesso una visione ristretta del problema, limitandosi ad evidenziare l’aumento del costo per i potenziali acquirenti di una casa. Ma una cosa sono i nuovi contratti, un’altra quelli già stipulati. Per i primi l’aumento dei tassi può tutt’al più trattenere dall’acquisto. Invece per i mutui già in essere, dalle decisioni della Banca Centrale Europea (Bce) per contrastare l’inflazione può arrivare una mazzata sui bilanci familiari. Non è neppure escluso giungere a un raddoppio delle rate.

Il problema è la loro struttura, perché sono costituite da due quote: interessi e rimborso del debito. Nei mutui a tasso fisso è tutto semplice e di regola sono sempre uguali. Idealmente si vorrebbe fosse così anche per le rate di quelli a tasso variabile. Ma inevitabilmente casca l’asino appena deraglia in su o in giù il parametro di indicizzazione: euribor, tasso della Bce ecc..

Prendiamo un caso concreto di un mutuo 25-ennale. Due-tre anni fa la rata era ripiegata a 1.070 euro, poi è risalita e arrivata a 1.430 euro. Ciò è avvenuto in parallelo con l’aumento del tasso base della Bce da zero al 2,5%. Un altro punto percentuale in più e si avvicinerebbe ai 1.600 euro. Un aumento sul 50%, che si assomma ai rincari del costo della vita.

Ma il fenomeno colpisce i mutui in maniera diversa: pesantemente, se la rata comprende molti interessi, come in genere all’inizio. Pochissimo, in vicinanza della scadenza con molto rimborso del capitale. Cioè la cosa è dirompente soprattutto coi mutui giovani.

Conviene andare a vedere nel piano di ammortamento, riportato nel contratto, il debito residuo e la composizione della rate. Si può capire così quanto si rischia e valutare se mettersi alla ricerca di soluzioni. Nella fattispecie dell’esempio precedente la quota di rimborso era sui 900 euro e tutto il resto interessi sul debito residuo. Lì è il problema.

Alcuni mutui prevedono un c.d. cap, ovvero un massimo per il parametro d’indicizzazione. È una clausola difensiva, per altro solo chi è addentro nella materia può capire se il costo di tale garanzia è equo o gonfiato.

Comunque a monte non sono esenti da colpe le banche, pur in assenza di veri e propri comportamenti truffaldini. Hanno piazzato soprattutto mutui a tasso variabile senza evidenziarne i rischi, anche perché più facili da emettere. Preferiscono infatti evitare quelli a tasso fisso, salvo riuscire a collocare titoli non indicizzati altrettanto lunghi. Da alcuni decenni ciò è diventato difficile. È più comodo scaricare sul debitore il cosiddetto rischio di tasso; e ora le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti.

Si può ravvedere un’analogia coi mutui in ecu, una specie di precursore dell’euro, ai tempi del cosiddetto serpente monetario. Anch’essi erano facili da piazzare, perché sul momento apparivano meno costosi. Scoppiarono poi in mano ai debitori con la svalutazione della lira del 1992.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Strutturalmente un periodo di alta inflazione fa gioco a qualcuno? Per rispondere abbiamo un precedente significativo, quando negli anni ’70-80 l’inflazione fu manna per quanti avevano comprato un immobile, in genere la prima casa, con un mutuo a tasso fisso.

Bilanci fallimentari per il risparmio gestito. Nell’ultimo decennio a fronte di un aumento del costo della vita del 18,9% i possessori di fondi comuni d’investimento italiani hanno ottenuto complessivamente il 17,7% lordo e parecchio meno al netto delle imposte.

l’inflazione tendenziale italiana crollerà dal 5,2-5,1% di agosto-settembre giù giù, fino in area 2,5%. Non in virtù della politica del governo, ma solo per i numeri del passato e le regole applicate.

Prima i Btp Futura, poi i Btp Valore e magari l’anno prossimo tireranno fuori un altro nome, che ugualmente non significa nulla. O addirittura serve a mettere in sordina figuracce passate. Vedi i Futura in perdita di un 33% in termini nominali rispetto al prezzo di sottoscrizione. Nella sostanza sono sempre titoli di Stato a tasso fisso, soltanto con qualcosetta di diverso: cedole crescenti, un premiolino per chi li tiene fino al rimborso, modestissimi interessi aggiuntivi al verificarsi di determinati eventi ecc. Ciò vale pure per la nuova emissione del Tesoro di Btp Valore 2023-28, che parti...

Questi soggetti si presentano come liberi professionisti e magari, per darsi un tono, ricorrono ridicolmente all’inglese e si autodefiniscono fee-only. Aiuterebbero gli inesperti a gestire i loro soldi. Ma il servizio offerto appare mediocre e non giustifica il prezzo

Non c’è stato nessun imbroglio. I meccanismi dei titoli reali, cioè di Btp Italia, Btp-i, Oat-ei e simili, inesorabilmente complessi. I Btp Italia furono emessi per garantire cedole allineate all’inflazione del periodo: così è stato e così sarà.

I nostri soldi e l'inflazione

L'ultimo libro di Beppe Scienza
Ponte alle Grazie, 208 pagine, 15,90 euro.

L'ultimo libro di Beppe Scienza
Ponte alle Grazie, 208 pagine, 15,90 euro.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa s.. banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bfp bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp futura Btp Italia btp italia btp Valore btp-i btpi bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conti dormient.. conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip credit suisse debito publico default deutsche bank diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel Esg etf euro euro digitale euromercato eurovita evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fineco fisco fondi comuni fondi pensione fondinps fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti jobs act La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe moneyfarm monorchio monte dei pasc.. mutui oatei obbligazioni obbligazioni i.. obiettivo 65 oro Oscar giannino pac palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni perseo-sirio piani d'accumu.. pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela viva i contant.. welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network