Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Btp Futura, parte l’emissione. Bel nome, poco rendimento e parecchio rischio»
mio post sui nuovi titoli del Tesoro con collocamento previsto dal 6 al 10 luglio 2020. Nel blog del Fatto Quotidiano.

Affrancamento. Risparmiatore, dica 26!

Pubblicato mercoledì 25 giugno 2014

il Fatto Quotidiano 25-4-2014 pag. 14

Il governo Renzi si frega le mani: i risparmiatori italiani si apprestano a versare, in apparenza volontariamente, alcuni miliardi di euro nelle non floride finanze pubbliche.

La parola magica per ottenere ciò è "affrancamento". La questione è tecnica, ma - vista la posta in gioco - merita approfondirla.

È abbastanza noto che da luglio salirà al 26% l'imposta sulle rendite finanziarie ora tassate al 20%: sugli interessi delle obbligazioni o sui dividendi pagati dalle azioni, ma anche sui cosiddetti capital gain, cioè i guadagni dalla compravendita o rimborso di tali titoli.

Meno noto è il meccanismo previsto per chi si trova con titoli in guadagno. Per esempio con azioni Generali comprate a 10 €, che ora valgono sui 16 €. Se chiude l'operazione entro fine mese, paga il 20% sul guadagno. Facendolo dopo, pagherà il 26%. L'affrancamento è un'opzione, grazie alla quale gli viene applicata la vecchia aliquota su tutti i guadagni calcolati ai prezzi del 30-6-2014, senza essere costretto a vendere e ricomprarsi titoli, pagando doppie commissioni d'intermediazione. Con l'affrancamento l'imposta ammonterà al 26% solo per i capital gain successivi. A rigore è tutto più complesso, ma la sostanza è questa.

In apparenza tutto giusto. Ma quali sono le conseguenze pratiche? La situazione attuale è antitetica rispetto a fine 2011, quando l'aliquota passò dal 12,5% al 20%. Anche allora si potevano affrancare le plusvalenze. Peccato che i risparmiatori italiani affogassero nelle minusvalenze, per la crisi dei titoli italiani, dell'euro ecc., per cui pochissimi affrancarono.

Ora invece molti decideranno in tal senso e così l'Erario incamererà già il 15 novembre parecchi soldi che altrimenti incasserebbe gli anni prossimi, al momento della vendita o del rimborso dei titoli.

Difficile stimare l'esatte dimensioni del fenomeno, dipendenti anche dalle scelte dei singoli risparmiatori. Partendo dai dati de "La ricchezza delle famiglie italiane" (Banca d'Italia, dicembre 2013) l'affrancamento delle obbligazioni e azioni quotate, quote di fondi comuni ecc. potrebbe fruttare al fisco anche 6-7 miliardi di euro. Imposte giustamente dovute? Non certo per quanti avevano minusvalenze degli anni passati, che si sono prescritte: questi ora devono pagare, anche se hanno solo recuperato le perdite.

Spiacente. la pagina che hai richiesto non è stata trovata

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».