Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

"Così ti faccio spendere meno in tasse", i consigli non sempre in buona fede

Pubblicato lunedì 10 dicembre 2018

Articolo sul Fatto Quotidiano del 10-12-2018 pag. 22

Molti contribuenti, magari ritirando i moduli per le imposte di novembre e dicembre, anche quest’anno si sono sentiti fare discorsi del tipo: “Faccia un versamento nella previdenza integrativa entro dicembre, così ridurrà l’Irpef per il 2018”.

Un consiglio non sempre in buona fede. Sistematiche sono infatti le iniziative delle reti di promotori e sim, ma ancor più di singoli venditori porta a porta, per agganciare consulenti fiscali, tributaristi, commercialisti ecc. e trasformarli in segnalatori. Cioè per indurli, opportunamente prezzolati, a indirizzargli potenziali polli da spennare.

Un fiscalista ha anche gioco facile: conosce la situazione reddituale dei propri clienti e appare titolato a fornire soluzioni per pagare meno tasse. Il problema è che, per un’informazione completa, dovrebbe dire: “Così facendo lei ridurrà l’Irpef dovuta per il 2018 e facilmente si darà la zappa sui piedi”. È vero infatti che sarà minore l’imposta per l’anno in corso, portando in deduzione versamenti nella previdenza integrativa fino a circa 5.000 euro l’anno. Peccato che a fronte del risparmio immediato ci si intrappoli con le proprie mani in un meccanismo che mangerà soldi anno dopo anno. Addirittura per decenni, se uno è più o meno giovane.

Dati sull’onerosità dei prodotti in questione sono pubblicati dallo stesso organo di controllo (Covip), utilizzando per altro l’edulcorato indicatore sintetico dei costi (Isc). Secondo l’ultima relazione Covip essi risultano per i fondi pensione aperti mediamente dell’1,3% sui dieci anni arrivando però anche al 2,8% annuo, mentre sui trentacinque anni dell’1,2 toccando il 2,4 per cento. Ancor peggio per i piani individuali previdenziali, cioè le polizze vita travestite da previdenza integrativa dalla normativa del 2005 per fare partecipi del business anche le compagnie di assicurazioni. Con questi ultimi si arriva a costi percentuali rispettivamente del 4,1 e del 3,5 annuo. Ciò significa rimetterci in dieci anni il 34% e in 35 anni il 71%.

Una valutazione approfondita delle singola proposte richiede conteggi non banali. Però, salvo per chi è agli sgoccioli per andare in pensione, uno può fare conto che nel corso degli anni verrà alleggerito di una somma maggiore del tanto agognato risparmio fiscale. Il quale, come per le polizze vita detraibili di un tempo e ora per i piani individuali di risparmio (Pir), di fatto se lo pappa praticamente tutto l’industria parassitaria del risparmio gestito.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Mazzette di banconote in cassetta in banca. Articoli raffazzonati causano preoccupazioni infondate. Il punto è semmai la loro eventuale provenienza illecita o evasiva. Per il resto uno è libero di conservare dove vuole contanti, oro o altri valori.

Beppe Scienza, in Attualità

La detraibilità fiscale di alcune polizze pseudo previdenziali è un regalo dell'Erario a banche e assicurazioni.

Beppe Scienza, in Attualità

Tra imposte e costi, trasferire i risparmi in Svizzera conviene sempre meno.

Beppe Scienza, in Attualità

Sfuggire all'aumento del bollo sui dossier titoli? Trasferire i propri risparmi oltre confine sarebbe autolesionista.

Beppe Scienza, in Fisco

Chi ha un conto in valuta estera può incappare in antipatiche sorprese fiscali a causa di una normativa pochissimo nota.

Fondi pensione e pip non li spingono solo i loro venditori. Purtroppo li consigliano anche alcuni fiscalisti, in buona o mala fede.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».