Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®


×


Capire o inveire? Forse i tedeschi non hanno tutti i torti:
“Coronabond, perché la Germania non li vuole”.
post di Beppe Scienza del 1-4-2020 nel blog del Fatto Quotidiano.

Quei fondi italiani gestiti all'estero: se li avete, il consiglio è liberarsene

Pubblicato lunedì 27 luglio 2015

Il Fatto Quotidiano del 27-7-2015

Un monito che ricorda le grida manzoniane. Gli intenti della comunicazione della Consob n. 55927 del 10-7-2015 sono lodevoli, ma si può scommettere che non cambierà nulla.

Tutto parte da una grave anomalia: il 70% dei fondi comuni sbolognati in Italia a italiani da società italiane sono prodotti la cui gestione e soprattutto regolamentazione è oltre confine. Senza nessuno sciovinismo, vien da chiedersi perché tanti fondi siano domiciliati all'estero e per questo detti estero-vestiti o round-trip. Infatti le loro società di gestione, lussemburghesi o irlandesi, sono spesso possedute o controllate da società italiane.

Il vero motivo è sfuggire alla normativa nazionale, per altro ancora blanda, in tema di trasparenza e di limiti alle commissioni. Meglio il Lussemburgo, dove è lecito portare via anche il 20% di quanto un fondo è salito, solo perché la Borsa ha fatto faville, senza nessun merito del gestore. È la cosiddetta commissione di incentivo o di performance, spesso una trappola per saccheggiare legalmente i patrimoni dei clienti. Per esempio la Borsa sale in un mese del 10% e il gestore di un fondo azionario si pappa un bel premio, che non restituisce se il mese dopo ridiscende al punto di partenza. Fatta la festa, gabbato il cliente. Oppure, peggio ancora, il mercato recupera dopo un crollo e il gestore ugualmente incamera provvigioni.

Per questo l'organo di controllo ha ammonito che la vendita di fondi comuni non può fondarsi sul "mero vantaggio economico per l'intermediario", ma deve invece "soddisfare prioritariamente gli interessi dei clienti". Implicito il riferimento ad Azimut, Mediolanum e Banca Generali, alla luce dei forti guadagni ottenuti addebitando commissioni d'incentivo in fondi estero-vestiti.

Ma è logico che tali comportamenti continueranno invariati in assenza di modifiche normative a livello comunitario (campa cavallo!). L'industria del risparmio gestito è strutturata proprio per sottrarre ricchezza ai risparmiatori a vantaggio di gestori, intermediari, banche, venditori porta a porta ecc. Si vedano al riguardo anche ricerche di fonte insospettabile, come quelle dell'ufficio studi di Mediobanca. C'è poco da dire, meglio liquidare senza esitazioni tutti i fondi posseduti.

Sulla commissione di incentivo ci sarebbe anzi da sollevare un problema a monte, regolarmente ignorato dai tanti pretesi esperti. Ammesso pure che sia giustificata, finisce poir per essere spesso applicata in modo ingiusto. Quando è addebitata al fondo, chi ha guadagnato può esserne già uscito e così la evita. Così è scaricata su altri, cui non toccherebbe. Né esiste una soluzione soddisfacente a tale incongruenza. Ma chi mai in Italia si cura dei risparmiatori?

Spiacente. la pagina che hai richiesto non è stata trovata

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio corriere della.. covip default diamanti dividendi economia educazione fin.. edufin enel euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».