Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Metodi per le scelte finanziarie e previdenziali»: corso semestrale, quest'anno on line, per la laurea in Matematica all’Università di Torino: Inizia a breve. Può iscriversi, nel limite dei posti, anche chi non è studente universitario

Banche venete, il bacio della morte

Pubblicato venerdì 8 luglio 2016

Post sul blog del Fatto Quotidiano del 7 luglio 2016

Le “rime baciate” sono versi di una poesia o canzone, dove uno fa rima col successivo, diversamente dalle rime alternate o dalla dantesca terza rima. Non c’è invece nulla di poetico nei “prestiti baciati” venuti alla ribalta coi dissesti della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca. L’espressione si riferisce all’obbligo di sottoscrivere un po’ di azioni della banca, imposto a chi voleva un finanziamento. Una combinazione dalle conseguenze sciagurate, col valore di quei titoli vicino a zero. Su di essa indaga la Magistratura.

Erano però casi in cui il cliente otteneva comunque un finanziamento, che per qualche motivo gli serviva. È ben peggiore invece un’altra fattispecie, che la stampa italiana ha regolarmente trascurato, salvo un mio articolo sul Fatto Quotidiano del 15-4-2015. Ovvero il caso di clienti senza soldi da investire, spinti a indebitarsi per sottoscrivere le azioni-bidone. Nel 2014 la Banca Popolare di Vicenza (Bpvi) concedeva prestiti quinquennali a un misero 1% d’interesse, purché utilizzati integralmente per prendersi sul groppone azioni della banca a 62,5 euro. Sempre con enormi corresponsabilità della Banca d’Italia, che non ha battuto ciglio di fronte a tale trappola, scritta nero su bianco nella Nota Informativa sull’aumento di capitale.

Ma non è finita, a riprova che fare fessi i clienti è la filosofia del sistema bancario italiano. Nel 2015 la Bpvi ridusse infatti a 48 il valore attribuito sulla carta alle sue azioni. Chi non teme di infuriarsi troppo, vada a leggersi come il vicedirettore della Bpvi Emanuele Giustini cercava di imbeccare i suoi “cari colleghe e colleghi” perché tenessero buoni i clienti giustamente inferociti. Si veda (allegato) il bollettino interno “noi-speciale” (n. 6 del 9 aprile 2015), dove frottola si sussegue a frottola. Ecco per esempio a pag. 2 una tabella che presenta le azioni Bpvi alla stregua di quelle di Intesa Sanpaolo, Unicredit ecc. addirittura indicando “Fonte: Bloomberg”. Un puro imbroglio, perché i valori riportati per la Bpvi non erano quotazioni, bensì mere valutazioni gonfiate. Si leggano anche le sparate del vicedirettore della banca sulle ottime prospettive dell’investimento.

I risparmiatori coinvolti non solo si trovano con un pugno di mosche, con azioni valutate 0,10 euro e comunque invendibili. Ma addirittura con una situazione patrimoniale negativa, ovvero con un debito. Una perdita matematicamente nell’ordine del 250%, se hanno versato finora le rate dl prestito.

Pasticci simili si potrebbero riportare anche per gli aumenti di capitale di Veneto Banca. Analogamente la Banca d’Italia non ha proferito motto. C’è voluta la banca centrale europea per denunciare l’imbroglio di azioni sottoscritte con soldi prestati dallo stesso istituto di credito.

È noto il potere di moral suasion, ovvero di consigli, sollecitazioni, pressioni ecc. della Banca d’Italia. Perché non l’ha mai usato nei casi citati? Forse perché le sue quote appartengono quasi tutte a banche, al contrario per esempio della tedesca Bundesbank, che è dello Stato.

Beppe Scienza

Allegati

Spiacente. la pagina che hai richiesto non è stata trovata

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».