Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

COVIP Che belli i fondi pensione per l'authority

Pubblicato mercoledì 9 luglio 2014

Il Fatto Quotidiano 9-7-2014 p. 14

La prima stortura della previdenza integrativa italiana è nella stessa legge istitutiva, che la dà in appannaggio al risparmio gestito.

Ma anche l'organo di vigilanza, la Covip, ci mette del suo, contribuendo a ridurne la trasparenza e aumentarne i costi, dilettandosi anche a travalicare il proprio ruolo.

Cominciamo da quest'ultimo punto: a essa non compete spingere le vendite. Invece recentemente ha diffuso una pubblicità di otto pagine, ridondante di affermazioni tendenziose, se non false: "Previdenza complementare: 8 passi verso il futuro".

I pochi elementi positivi sono enfatizzati, i tanti negativi furbescamente occultati: l'assenza di trasparenza e di protezione dall'inflazione, l'irreversibilità dell'adesione ecc. Viene sbandierata la tassazione all'11% "rispetto all'aliquota del 20% applicata alla maggior parte delle forme di risparmio finanziario". Una presa in giro, perché in prevalenza i risparmiatori italiani pagano solo il 12,5% sui buoni postali, titoli di Stato italiani, tedeschi ecc. Il prospetto, benché da essa firmato, addirittura riporta in terza persona che "il sistema è vigilato da un'Autorità dedicata: la Covip", il che avvalora l'impressione che provenga da un'agenzia di pubblicità.

Ma soprattutto è grave la circolare prot. n. 3904 del 13-6-2014, che mira a facilitare l'impiego dei soldi dei fondi pensione in investimenti quali i fondi immobiliari, che sono il peggio del peggio per assenza di trasparenza e rischi di malversazioni. In essa la Covip indica anche come comportarsi qualora "i costi di detti strumenti siano superiori alle commissioni applicate ai fondi pensione" e consente "fin d'ora di prevedere un superamento del divieto di cumulo dei costi". I risparmiatori pagano, l'industria parassitaria del risparmio gestito ringrazia (e incassa).

A rincarare la dose ecco il presidente di Assoprevidenza, Sergio Corbello, che spaccia per "ragionevole considerare omogenei con i mandati obbligazionari i fondi che investono nelle energie rinnovabili". Sono fondi immobiliari, ma i gestori vorrebbero aver carta bianca per metterli impunemente al posto di Btp e obbligazioni.

Conclusione: un risparmiatore prudente eviterà di versare soldi nella previdenza integrativa e tanto meno, se non l'hanno già incastrato, il proprio TFR.


Potrebbero interessarti

Molti giornali hanno scritto "Fondi pensione battono 7 a 1 il TFR". E' falso, ma è l'organo di vigilanza stesso (Covip) che abbellisce i risultati, persino in Parlamento"

In Italia è facile per un imprenditore disonesto trattenere i contributi da versare e addirittura intascarsi quelli che s'illude di versare il lavoratore. Una delle tante magagne della previdenza integrativa concertata fra sindacati e sindacati.

Nessuno crede davvero alla previdenza integrativa. Neanche gli iscritti o aderenti: infatti scelgono in massa in capitale (che non è una forma previdenziale) anziché la rendita.

Notizie Tiscali ha chiesto a Beppe Scienza di spiegare a voce perché sono falsi (e gonfiati) i rendimenti dei fondi pensione pubblicati dal Sole 24 Ore in prima pagina:

TESI DI LAUREA del candidato Livio Nervo, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI ECONOMIA - Relatore: Prof. Giovanna Nicodano - Correlatore: Prof. Beppe Scienza

Smentiti i consigli della ditta Altroconsumo a favore della previdenza integrativa.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».