Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Btp Futura, parte l’emissione. Bel nome, poco rendimento e parecchio rischio»
mio post sui nuovi titoli del Tesoro con collocamento previsto dal 6 al 10 luglio 2020. Nel blog del Fatto Quotidiano.

Le pensioni dei professionisti per Atlante 2: azzardo o risposta di sistema?

Pubblicato venerdì 29 luglio 2016

Articolo di Federico Simonelli del 29 luglio 2016 su Citywire.

Nel mondo della previdenza italiano ha provocato qualche alzata di sopracciglio la notizia, di pochi giorni fa che l’Adepp, l’associazione delle casse di previdenza private (quelle dei professionisti), parteciperà con 500 milioni alla capitalizzazione di Atlante 2, il veicolo che dovrà servire allo smaltimento di una parte dei crediti deteriorati dal sistema finanziario italiano e a dare sostegno a Montepaschi.

L’associazione ha comunicato, dopo essersi incontrata con il Governo, che “data l’importanza di investire a sostegno del sistema Paese nel quale i professionisti operano valutiamo con la massima attenzione l’investimento in Atlante 2”.

I cinquecento milioni sono una cifra non ufficiale, ma è questo il numero che circola. L’annuncio tuttavia non è stato accolto in maniera unanime da tutti i partecipanti all’associazione.

L’Adc, l’associazione dei commercialisti (diversa dalla cassa dei commercialisti) ha infatti ritenuto la scelta inopportuna: rendimenti previsti troppo fumosi a fronte di un alto rischio.

“Le casse di previdenza dei liberi professionisti non sono una mucca da mungere” ha scritto in una lettera a Renzi.

In verità i dettagli sono ancora da definire e comunque le casse di previdenza dovranno deliberare singolarmente l’adesione. Ma l’indirizzo è dato.

“È evidente la forte pressione da parte del Governo per coinvolgere questi soggetti nel finanziamento di Atlante 2 – spiega a Citywire Beppe Scienza, docente di matematica dell’Università di Torino ed esperto di risparmio – i gestori di questo risparmio previdenziale non hanno detto nulla sui rendimenti che si attendono, ma semmai sul ‘dovere’ di non tirarsi indietro”.

Secondo il docente si tratta di “un investimento alla cieca. Sembra che non ci si aspetti neppure un qualche rendimento. C'è poi un discorso di illiquidità: come e dove vendere le quote di Atlante 1, 2 o 3? E di mancanza di trasparenza: come si valorizzeranno tali quote? Inevitabimente in modo arbitario”.

La contrarietà dei commercialisti, conclude Scienza, è significativa da questo punto di vista: “Quelli che se ne intendono un po' di più non vogliono partecipare”.

È utile ricordare che i fondi pensione non sono ancora stati coinvolti nel progetto. La prima tranche di Atlante è stata finanziaria da banche, compagnie di assicurazione e 500 milioni dalle fondazioni bancarie.

I fondi pensione per ora stanno alla finestra e alcuni, come il fondo Cometa (responsabile della pensione complementare dei metalmeccanici e dei lavoratori dipendenti del settore orafo argentiero, ndr), il più grande in Italia, hanno già detto che preferiscono stare fuori dalla partita.

Il convolgimento delle casse di previdenza privatizzate, tuttavia, spiega Alberto Brambilla, presidente del centro studi e ricerche Itinerari Previdenziali, può costituire una buona opportunità per le casse, e segnalare, anche agli occhi dell’Europa, che c’è la volontà di trovare una soluzione di sistema.

“La richiesta di intervento del Governo in Atlante per le casse è positiva perché riporta in luce la loro natura privatistica anche agli occhi dell’Europa. E la loro risposta mi sembra molto positiva, una risposta di sistema.

“Se in cambio il Governo le eliminerà dal monitoraggio pubblico, rendendo chiara la loro natura di soggetto privato che però svolge funzione pubblica, per le casse sarà stato un successo”.

Le casse, privatizzate nel 1994, dal 2008 rientrano nel cosiddetto conto Istat, e, pur essendi di fatto soggetti privati, sono ad esempio soggette alla spending review e agli oneri che ne seguono. Uscire da questo perimetro sarebbe per loro vantaggioso.

Anche in termini di investimento puro, nota Brambilla, quello in Atlante 2 ha una logica: “Oggi il sistema dei fondi e delle casse è investito in titoli di Stato e obbligazionario corporate in maniera consistente.

“L’80% circa i fondi pensione, il 65-70% le casse. Il che significa tassi negativi o prossimi allo zero. Per mantenere il rendimento attivo riuscire a differenziare è necessario.

“Per avere l’1,4% lordo, giusto per fare un esempio, devono investire in un btp a 10 anni. Ecco, questo è molto più rischioso del Fondo Atlante”.


Potrebbero interessarti

    Il Fondo Atlante è misteriosamente controllato dalla cassa di previdenza dei geometri. Da numerose dichiarazioni il Governo sembrerebbe intenzionato a creare un Atlante 2 utilizzando i fondi pensione degli italiani, rastrellando i soldi nei vari istituti. Leggi il testo dell'intervista

Avanza l'idea di attignere ai soldi di casse previdenziali, fondi pensione ecc. per salvare il Monte dei Paschi e altre banche. Intervista del 18-7-2016 per il Movimento 5 Stelle al Parlamento Europeo

Nuovi rischi per le casse previdenziali e in generale la previdenza integrativa: i gestori sono ben disposti a partecipare ai salvataggi bancari.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».