Questo sito fa uso dei cookie

In questo sito utilizziamo cookie tecnici, necessari per il corretto funzionamento e il miglioramento dell'esperienza di navigazione dell'utente.

Utilizziamo cookie di terze parti per contare le visite e dati d'accesso al sito, ma non sono associati all'IP e anche questi possono essere considerati cookie tecnici.

Per i video di Youtube incorporati abbiamo attivato la "modalità privacy avanzata".

Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
Perché evitare risparmio gestito e previdenza integrativa

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
Perché evitare risparmio gestito e previdenza integrativa

Il risparmio tradito ®

In programma:

14-12-2022
Risparmi e inflazione
Conti giusti e sbagliati. Strumenti difensivi e trappole (webinar, ore 18:30-20)

Obiettivo 65, un buono postale anti-inflazione davvero speciale: perciò non viene più emesso

Beppe Scienza, post di giovedì 28 aprile 2022 sul blog del Fatto Quotidiano

Dal 15 aprile 2022 i buoni postali Obiettivo 65 non vengono più emessi. Una decisione antipatica per i risparmiatori, ma comprensibile, visto che venivano offerti a 100 ma il loro valore era stimabile intorno a 115. Alcuni sono riusciti a sottoscriverli in tempo, magari anche grazie al mio articolo sul Fatto Quotidiano, unico giornale a darne la notizia appena usciti.

Si sono così assicurati prestazioni che non offre nessun altro strumento con finalità previdenziali. In particolare la garanzia, al compimento del 65esimo compleanno, di ricevere lo stesso potere d’acquisto della somma versata. E ciò per quanto alta possa essere l’inflazione in Italia nei successivi anni, anche a 47 dalla sottoscrizione. Un ventenne che ha versato quest’anno 10.000 euro potrà ritirare la stessa cifra in valore reale nel 2067, imposte a parte. Oppure lasciarla e vedersela restituita nell’arco dei successivi 15 anni.

Non offrono questa né altra garanzia in potere d’acquisto né i fondi pensione, né i piani individuali pensionistici (pip), né le polizze vita. Già solo per questo sono tutte soluzioni molto rischiose, oltre che opache e costose. Chi cerca soprattutto protezione farà bene, per quanto possibile, a interrompere ogni versamento nelle formule suddette e a riscattare e mettere al sicuro quanto più può.

Il nemico è appunto l’inflazione. È vero che una scuola di pensiero la vuole passeggera. Ma potrebbe invece ripartire una rincorsa dei prezzi come negli anni Settanta-Ottanta. In tal caso saranno dolori per tutta la previdenza integrativa e si potrebbero rivedere perdite reali del 60-70%.

Il buono Obiettivo 65 si avvale anche di un trattamento fiscale di favore, per cui la protezione dell’inflazione al netto delle tasse non è perfetta, ma molto buona. Per valutazioni numeriche più precise, abbiano sviluppato un foglio di lavoro nel mio corso di Metodi per le Scelte Finanziarie e Previdenziali all’Università di Torino. Chi vuole, lo riceverà gratuitamente compilando questo modulo. Che poi le Poste o l’emittente (Cdp) a volte non rispettino i regolamenti dei buoni fruttiferi è una frottola messa in giro da avvocati delle cause perse.

Obiettivo 65 dava fastidio, perché non ci guadagnavano nulla né banche, né assicurazioni, né i venditori porta a porta, ovvero i sedicenti consulenti finanziari. Per questo lo denigravano gli organi d’informazione a essi allineati. In particolare lo sconsigliavano la ditta Altroconsumo e il Sole 24 Ore, prodighi invece di esortazioni ad aderire alla previdenza integrativa, strutturalmente perdente a fronte dell’inflazione. Ciò conferma quanto sia valida l’indicazione di fare regolarmente il contrario di ciò che essi consigliano. Dal canto mio continuai a citarlo ossessivamente a ogni occasione, l’ultima volta nel mio articolo dell’11 aprile.

In assenza di Obiettivo 65, non sapendo quando (e se) verrà riproposto un buono fruttifero analogo, restano i titoli di Stato indicizzati all’inflazione: Btp Italia, Btp-i e i corrispondenti esteri soprattutto tedeschi o francesi. Nel loro ambito ci sono differenze, ma nella sostanza sono tutti più o meno adatti. Infine non c’è discussione: per chi ce l’ha, conviene tenersi ben stretto il Tfr.


Potrebbero interessarti

Il TFR è lo strumento più efficace contro l'inflazione. Il risparmiatore prudente fa bene a prendere in seria considerazione gli investimenti legati al costo della vita.

La corsa al Btp Italia corona il successo del titolo di Stato anti inflazione. Le caratteristiche e i difetti del titolo di via XX Settembre secondo Beppe Scienza

L’inflazione ha rialzato la testa, in Americae in Europa. Le soluzioni prospettate da sedicenti consulenti finanziari sono da scartare. Per protteggersi, meglio il TFR e i Buoni postali Obiettivo 65.

Circa 1.100 miliardi parcheggiati in banca dai risparmiatori fanno gola a chi vuole arricchirsi a loro spese. Riuscissero a dirottarne anche solo un terzo nel risparmio gestito, potrebbero sottrargli (legalmente) qualcosa come dieci miliardi di euro l’anno.

Se un risparmiatore non ha come obiettivo puntare sugli alti guadagni, bensì evitare il peggio, deve rivolgersi a titoli indicizzati al costo della vita ed evitare invece i titoli a tasso fisso e pure quelli a tasso variabile come i Cct, per non parlare della previdenza integrativa.

In questa intervista, Beppe Scienza, docente di Metodi e modelli per la pianificazione economica presso l’Università degli Studi di Torino, punta il dito contro i prodotti più rischiosi, e parla di fondi comuni, depositi, e obbligazioni Lehman

In programma:

14-12-2022
Risparmi e inflazione
Conti giusti e sbagliati. Strumenti difensivi e trappole (webinar, ore 18:30-20)

L'ultimo libro di Beppe Scienza
Ponte alle Grazie, 204 pagine, 15 euro.

L'ultimo libro di Beppe Scienza
Ponte alle Grazie, 204 pagine, 15 euro.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp futura btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conti dormient.. conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel Esg etf euro euro digitale euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fineco fisco fondi comuni fondi pensione fondinps fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti jobs act La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe moneyfarm monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. obiettivo 65 oro Oscar giannino pac palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni perseo-sirio piani d'accumu.. pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela viva i contant.. welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network