Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Metodi per le scelte finanziarie e previdenziali»: corso semestrale, quest'anno on line, per la laurea in Matematica all’Università di Torino: Inizia a breve. Può iscriversi, nel limite dei posti, anche chi non è studente universitario

BTP Italia, boom di ordini per il titolo di Stato indicizzato all'inflazione. Un caso di 'patriottismo finanziario'

Pubblicato giovedì 18 ottobre 2012

Intervista su Virgilio Economia

Btp Italia, il primo titolo di Stato indicizzato all'inflazione italiana riscuote ancora grande interesse. A conclusione del terzo giorno dell'offerta, le richieste sul nuovo Btp Italia (codice Isin: IT0004863608) hanno oltrepassato il totale di 10 miliardi di euro, ben oltre l'importo complessivo raccolto a marzo scorso con la prima emissione.

Un prodotto che risulta oggi particolarmente appetibile alla luce delle ipotesi di rialzo dell'Iva (e conseguente, temuta impennata dell'inflazione), in un periodo segnato dalla discesa dello spread tra il Btp e il Bund, che si mantiene sotto i 350 punti e che pertanto rende più 'attrattivo' il nostro debito.

La terza emissione di Btp Italia avrà godimento 22 ottobre 2012 e scadenza 21 ottobre 2016 (4 anni), la soglia minima d'acquisto è di 1000 euro mentre il tasso 'reale' (cioé al netto dell'inflazione) minimo garantito è pari al 2,55%.  Il tasso cedolare annuo definitivo sarà fissato al termine del periodo di raccolta degli ordini dal Ministero dell'economia e delle Finanze e non potrà essere inferiore al tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito.

I nuovi titoli sono sottoscrivibili fino al 18 ottobre compreso, recandosi direttamente presso la filiale della banca o anche l'ufficio di Poste Italiane, oppure direttamente online attraverso il proprio sistema di home banking, se è attiva la funzione di trading.

Il mercato risponde positivamente e conferma il successo del titolo, che si presenta come uno strumento finanziario idoneo a tutelare la perdita del potere d'acquisto dei piccoli risparmiatori.
Ma al di là del boom finanziario (e mediatico), c'è chi mostra qualche perplessità nei confronti della star di via XX Settembre.

Un caso di patriottismo finanziario". Così li definisce il professor >Beppe Scienza, matematico, titolare del corso di Metodi e Modelli per la Pianificazione Finanziaria all'Università di Torino. E ci illustra le proprie riserve confrontando i Btp con i Buoni Fruttiferi Postali (Bfp), un analogo prodotto sempre nell'ambito dei titoli "reali": «Tanto entusiasmo, soffuso di patriottismo, per i nuovi Btp Italia appare esagerato. Non sono certo un imbroglio, però presentano alcuni difetti, esattamente come i precedenti.

Primo, rispetto ai buoni fruttiferi postali espongono al rischio di perdite, dovendoli vendere prima della scadenza. Per esempio la prima emissione è scesa sotto i 93 euro.

Secondo, la durata più breve è un difetto, perché così il rischio inflazione è coperto solo sino all'autunno 2016, mentre coi buoni postali (sempre riscattabili alla pari!) sino al 2022 e con alcuni Btp molto oltre. Terzo, la struttura di buoni postali e Btp-i è più difensiva, perché il capitale investito mantiene il suo valore in termini reali sino alla scadenza.

Poi può darsi che fra alcuni giorni questi Btp Italia siano un po' sopra 100, ma non mi porrei l'obiettivo di speculazioni di così corto respiro». (LF)


Potrebbero interessarti

Il TFR è lo strumento più efficace contro l'inflazione. Il risparmiatore prudente fa bene a prendere in seria considerazione gli investimenti legati al costo della vita.

Tabella di confronto tra buoni fruttiferi indicizzati all'inflazione e ordinari.

Netta convenienza a riscattare buoni indicizzati all'inflazione degli ultimi mesi per sottoscrivere quelli offerti in dicembre.

I buoni emessi questo luglio sono notevolmente migliori per gli italiani di quelli dei 13 mesi passsati. Con la serie J14 si torna alla formula originaria del febbraio 2006

Tabella di confronto su rendimenti di buoni del tesoro e buoni fruttiferi postali. Il riscatto sempre possibile alla pari e la maggiore durata a scelta del risparmiatore (e non dell'emittente!) fanno dei BFP un investimento più sicuro.

Al BTP Italia tanto reclamizzato ci sono diverse alternative che offrono maggiore sicurezza.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».