Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

In programma:

15-12-2020
Obbligazioni, certificati e future
Conti e confronti utili per i risparmiatori.
Webinar

Buoni postali e inflazione, meglio cambiare

Pubblicato lunedì 13 dicembre 2010

Articolo pubblicato su La Repubblica del 13-12-2010, Affari & Finanza, (p. 26).

Appare netta la convenienza a riscattare buoni indicizzati all'inflazione degli ultimi mesi per sottoscrivere quelli offerti in dicembre.

Arbitraggio è un termine del mondo finanziario, sconosciuto ai normali risparmiatori. Benché etimologicamente apparentato, non ha nessuna attinenza con gli arbitri sportivi, con gli arbitrati ovvero le procedure alternative alle cause in tribunale o col libero arbitrio.

L’arbitraggio consiste nella vendita e nell’acquisto contemporaneo dello stesso valore mobiliare (azione, opzione ecc.) o di valori molto simili, ottenendo un vantaggio. Non incide quindi sulle scelte d’investimento, limitandosi a cogliere un’occasione offerta dal mercato.

Ma non interessa solo i professionisti della finanza. Ci sono arbitraggi convenienti e facili anche per gli investitori ritenuti, a ragione, fra i più conservatori e prudenti che ci siano. Ovvero per i sottoscrittori di buoni fruttiferi postali e in particolare proprio quelli che hanno scelto quelli indicizzati all’inflazione, perché desiderosi della massima sicurezza.

Un cambio conveniente. Prendiamo il caso di chi nello scorso ottobre (2010) abbia sottoscritto la serie J05. Orbene, se l’importo non è proprio modesto, gli conviene sobbarcarsi una piccola fatica. Cioè tornare all’ufficio postale, riscattare quei buoni e reimpiegare la stessa cifra in quelli emessi in dicembre, contrassegnati dalla sigla J07, senza incorrere in spese, commissioni ecc. Sono sostanzialmente gli stessi titoli, ma con due vantaggi: rendono di più e proteggono meglio dall’inflazione (vedi tabellina n.1). Non perde per altro nulla di quanto investito grazie a un enorme pregio dei buoni fruttiferi postali, comune solo ai conti correnti, libretti di risparmio e conti deposito non vincolati. Ovvero il diritto di ritirare in qualsiasi momento l’intera somma versata, eventualmente maggiorata degli interessi e rivalutazioni previsti dal regolamento. Non si corre cioè il rischio di liquidare l’investimento in perdita, in termini nominali, per colpa di un andamento sfavorevole dei mercati finanziari.

Risulta così senza dubbio conveniente riscattare i buoni di ottobre e novembre (J05 e J06) per passare ai nuovi, salvo una piccola penalizzazione nell’eventualità di un disinvestimento in una ristretta finestra temporale. Tutto sommato conviene anche coi buoni anti-inflazione emessi da giugno a settembre 2010 (serie J01-J04).

Un’altra storia. Tutto ciò non vale per i loro diretti concorrenti, cioè i buoni del Tesoro poliennali indicizzati (Btp-i). Pure loro sono indicizzati all’inflazione, benché a quella dei paesi dell’euro e non dell’Italia. Anch’essi sono garantiti, anzi direttamente emessi dallo Stato. Però la garanzia di ottenere il valore nominale, con le eventuali rivalutazioni, c’è solo alla scadenza. Prima di essa i loro prezzi si muovono come quelli di qualunque obbligazione, salendo e scendendo di più se il titolo e lungo e meno se è breve.

Così chi a inizio ottobre aveva investito in un’emissione dalla durata simile, i Btp 2,35% 2019, e ora smobilizza l’investimento, subisce una perdita del 4,6% perché nel frattempo le quotazioni sono scese, come in genere per i titoli di Stato italiani (e non solo italiani!). I Btp-i 2,35% 2035 sono passati addirittura dal 103,3 di inizio settembre a un 90,7 nelle prime settimane di dicembre, con un crollo quindi del 12% dei corsi secchi.

Il loro positivo è un rendimento più alto, se tenuti sino al rimborso (vedi tabellina n. 2). Ma per chi economicamente o psicologicamente non regge le perdite i buoni fruttiferi postali sono da considerare con attenzione. Spesso ignorati, hanno invece dimensioni ragguardevoli con una consistenza di 194 miliardi di euro di cui 13 indicizzati all’inflazione, come risulta dall’ultimo bilancio dell’emittente, la Cassa Depositi e Prestiti.

Una terza realtà. Esiste però un altro impiego paragonabile ai due esaminati con un ruolo tutt’altro che trascurabile: il trattamento di fine rapporto (Tfr). È vero che si tratta di un investimento forzoso e non liquido, ma è il solo oltre ai buoni postali con capitale garantito e aggancio al costo della vita. In aggiunta le rivalutazioni non vengono erose da un’eventuale inflazione negativa. Malgrado ciò garantisce un rendimento ai livelli attuali sul 3,6% annuo nominale lordo, pari all’1,5% reale netto, ben superiore a quello dei buoni postali. Ha però un difetto: non si può liberamente sottoscrivere. Altrimenti spiazzerebbe buoni fruttiferi, Btp-i e obbligazioni private varie.

(seguono due tabelle)

Tabella n.1

Cambiare cavallo conviene

alternativa n.1 alternativa n.2
Buoni indicizzati all’inflazione dell’ottobre 2010 tenerli fino a scadenza (serie J05) scambiarli coi buoni di dicembre (serie J07)
Capitale netto nell’ottobre 2020 ogni 100 € iniziali* 114,1 € 117,8 €
Vantaggio complessivo +3,2%
Protezione completa ...sino a 0,7% d’inflazione annua ...sino a 1,7% d’inflazione annua


Chi nei mesi scorsi ha sottoscritto buoni fruttiferi postali indicizzati all’inflazione del nuovo tipo (serie J01, J02 ecc.) otterrà quasi sempre di più, se li riscatta, senza rimetterci niente, e passa ai buoni emessi in dicembre. *Ipotesi d’inflazione: 1,7% annuo.

Tabella n. 2

Contro l’inflazione meglio il Tesoro o le Poste?

Buoni del Tesoro poliennali indicizzati (Btp-i) Buoni fruttiferi postali (Bfp) indicizzati all’inflazione
Esempi concreti Btp-i 2,35% 2019 Bfp serie J05 trasformata in J07
Prezzo inizio ottobre 2010 102,5 100
Prezzo inizio dicembre 97,1 100
Perdita netta -4,6% nessuna
Rendimenti futuri con inflazione 1,7%
nominale lordo 4,5% annuo 1,9% annuo
reale netto 2,2% annuo, tolte inflazione e imposte 0%, cioè semplice conservazione del potere d’acquisto


La tabella evidenzia due differenze fondamentali fra le proposte del Tesoro (Btp-i) e delle Poste (Bfp serie J…) a difesa dall’inflazione futura con garanzia dello Stato. Coi Btp-i può capitare di perdere liquidandoli prima della scadenza (vedi il caso concreto), coi Bfp no. Ma tenuti fino al rimborso o comunque abbastanza a lungo, i Btp-i finiscono per rendere di più.


Potrebbero interessarti

Il TFR è lo strumento più efficace contro l'inflazione. Il risparmiatore prudente fa bene a prendere in seria considerazione gli investimenti legati al costo della vita.

Tabella di confronto tra buoni fruttiferi indicizzati all'inflazione e ordinari.

I buoni emessi questo luglio sono notevolmente migliori per gli italiani di quelli dei 13 mesi passsati. Con la serie J14 si torna alla formula originaria del febbraio 2006

Tabella di confronto su rendimenti di buoni del tesoro e buoni fruttiferi postali. Il riscatto sempre possibile alla pari e la maggiore durata a scelta del risparmiatore (e non dell'emittente!) fanno dei BFP un investimento più sicuro.

La corsa al Btp Italia corona il successo del titolo di Stato anti inflazione. Le caratteristiche e i difetti del titolo di via XX Settembre secondo Beppe Scienza

Ma serve a qualcosa un investimento che rende praticamente zero? Ebbene sì, i buoni postali per minori permettono di destinare soldi a un bambino/a o ragazzo/a, proteggendoli da genitori dissennati o anche solo spendaccioni.

In programma:

15-12-2020
Obbligazioni, certificati e future
Conti e confronti utili per i risparmiatori.
Webinar

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».