Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

Buoni reali, Posta batte Tesoro

Pubblicato mercoledì 10 ottobre 2012

la Repubblica, 8-10-2012, Affari & Finanza p. 20

C'è un precedente che fece notizia. Verso fine ottobre 1996 le Poste si accorsero di sottoscrizioni massicce di alcuni buoni fruttiferi postali, con richieste anche per decine di miliardi di lire, per giunta pure dall'estero. Cosa era capitato? Semplicemente che la Cassa Depositi e Prestiti si era scordata di modificare le condizioni di emissione, benché i tassi di mercato fossero decisamente scesi. Così i buoni fruttiferi a termine della serie AE garantivano dopo otto anni il raddoppio del capitale ovvero il 9,05% composto e addirittura il 9,6%, tenendoli dodici anni, quando i Btp decennali con una durata finanziaria simile rendevano più solo l'8,1% annuo, sempre lordo.

L'emittente corse ai ripari, procrastinando il raddoppio a nove anni e mezzo e quindi abbassando implicitamente il rendimento al 7,6%, che restava per altro un tasso tutt'altro che disprezzabile. Per cautelarsi aggiunse pure un limite di un miliardo di lire alle sottoscrizioni giornaliere di ogni singola persona, fisica o giuridica. Merita precisare che, diversamente dagli analoghi titoli tedeschi, i buoni fruttiferi postali non sono stati mai preclusi agli stranieri.

Italia meno attraente. In tre lustri molte cose sono cambiate. In particolare le condizioni di emissione dei diversi buoni postali ora vengono riviste di regola a inizio mese, anche se a volte confermate. Ma anche nell'arco di un mese possono cambiare varie cose. Così in settembre si è assistito, in forma stemperata, a un fenomeno analogo a quello del 1996. Questa volta però senza notizie di turismo finanziario, anche perché agli investitori esteri l'Italia piace meno di allora.

Da un lato i tassi dei buoni fruttiferi a due e tre anni si sono trovati a essere nettamente superiori a quelli dei Btp di durata simile. D'altro lato i rendimenti dei buoni indicizzati all'inflazione si sono simpaticamente avvicinati a quelli dei corrispondenti titoli di stato, cioè dei Btp-i e dei Btp Italia. Soprattutto per questi ultimi il differenziale di tasso appare troppo basso a fronte delle due caratteristiche dei buoni fruttiferi: il riscatto sempre possibile alla pari e la maggiore durata a scelta del risparmiatore (e non dell'emittente!). Sarà infatti tutta da vedere la possibilità di rinnovare i Btp Italia alla scadenza, qualora dovesse ripartire nel frattempo l'inflazione.

Le serie di ottobre. Migliorato lo spread sui titoli di stato, anche la Cassa Depositi Prestiti ha ridotto i tassi per il mese di ottobre. Tuttavia per esempio i Bfp tre anni Plus continuano a battere, come rendimento a scadenza, i Btp di pari durata. Ma soprattutto è un discorso che vale in generale. A chi investe in titoli di stato conviene stare costantemente all'erta, perché possono sempre ripresentarsi momenti in cui passare dai Btp ai buoni postali diventa una scelta non solo prudente, ma anche redditizia.

Restano nell'ambito dei buoni fruttiferi, è però molto dubbio che convenga seguire i consigli di tanti uffici postali che attualmente spingono molto i buoni del tipo Bfp Due anni e Tre anni Plus. Continuano a essere più prudente scegliere i buoni reali. Per cominciare è più breve il periodo iniziale in cui si riceve indietro solo il capitale versato e nulla più: 18 mesi a fronte di 24 o rispettivamente 36. Ma soprattutto fra due o tre anni i prezzi al consumo potrebbero essere così in subbuglio, da fare apparire una grande fortuna il possesso di titoli indicizzati all'inflazione con parecchi anni di vita residua.

Buoni del Tesoro e Buoni fruttiferi postali a confronto

investimento

durata

rendimento netto rischio perdite,
in caso di vendita
diverso rendimento a favore dei buoni postali

Btp 2014

2 anni (circa)

2,1%

+0,5% annuo
Bfp Due anni Plus (serie E04)

2 anni

2,6%

no

 

Btp 2015

3 anni (circa)

2,6%

+0,9% annuo

Bfp Tre anni Plus

(serie N7)

3 anni

3,5%

no

 

Btp Italia 2,45% 26-3-2016

3,5 anni

inflaz.italiana+1,5%

-0,7% annuo

Bfp indicizzati

(serie J28)

3,5 anni (se riscattati)

inflaz.italiana+0,8%

no

Btp-i 2,1% 15-9-2021

9 anni

inflaz. Area euro+2,6%

non direttamente confrontabili

Bfp indicizzati (serie J28) 9 anni (se riscattati) inflaz.italiana+1,2%

no



Potrebbero interessarti

Il TFR è lo strumento più efficace contro l'inflazione. Il risparmiatore prudente fa bene a prendere in seria considerazione gli investimenti legati al costo della vita.

Tabella di confronto tra buoni fruttiferi indicizzati all'inflazione e ordinari.

Netta convenienza a riscattare buoni indicizzati all'inflazione degli ultimi mesi per sottoscrivere quelli offerti in dicembre.

I buoni emessi questo luglio sono notevolmente migliori per gli italiani di quelli dei 13 mesi passsati. Con la serie J14 si torna alla formula originaria del febbraio 2006

La corsa al Btp Italia corona il successo del titolo di Stato anti inflazione. Le caratteristiche e i difetti del titolo di via XX Settembre secondo Beppe Scienza

Ma serve a qualcosa un investimento che rende praticamente zero? Ebbene sì, i buoni postali per minori permettono di destinare soldi a un bambino/a o ragazzo/a, proteggendoli da genitori dissennati o anche solo spendaccioni.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».