Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

Pir, è caccia al cliente da spolpare tra trappole e commissioni gravose

Pubblicato lunedì 16 aprile 2018

Articolo sul Fatto Quotidiano del 16-4-2017 pag. 18

Una spontanea comunione di ostili intenti nell’ipotesi migliore, un illecito accordo occulto in quella peggiore. Il punto sono i Piani individuali di risparmio (Pir), una formula in vigore dal 2017, che esenta i risparmiatori da varie imposte. Bisogna investire in titoli di imprese anche medio-piccole, rispettando determinate regole, fra cui in particolare mantenere l’investimento per cinque anni.

Di per sé la legge concede i vantaggi fiscali senza imporre le forche caudine del risparmio gestito. Peccato che praticamente tutte le banche e società d’intermediazione mobiliare (sim) mettano i bastoni fra le ruote. Spingono i Pir, obbligando però alla sottoscrizione di fondi comuni o simili, al fine di spolpare il cliente con gravose commissioni e disporre, all’occorrenza, di contenitori dove scaricare immondizia finanziaria.

Penoso al riguardo un recente documento di ricerca del Consiglio nazionale e della Fondazione nazionale dei commercialisti: "I piani individuali di risparmio: quadro normativo e aspetti operativi" di Roberto De Luca e Nicola Lucido. Elenca infatti le diverse alternative, omettendo bellamente i Pir autogestiti. Che non venga a qualcuno la tentazione di svincolarsi dall’abbraccio soffocante del risparmio gestito!

Da un’altra pubblicazione del mese scorso, "I piani individuali di risparmio (PIR)" del Politecnico di Milano e Intermonte emerge un 2,3% annuo per il primo quinquennio fra commissioni d’ingresso e di gestione. Già così un Pir risulta una scelta perdente salvo il caso davvero eccezionale di rendimenti di mercato superiori all’8% annuo. Si aggiungono per altro commissioni di incentivo, nonché vari costi occulti. Un piano di risparmio ha senso, solo evitando tali pesanti balzelli.

Peccato che permettano ai clienti di farsi un Pir con acquisti diretti di azioni e obbligazioni solo una banchetta toscana (Investbanca) o una società torinese (Directa sim) con tutt’altro ordine di costi, cioè nell’ordine dello 0,3% annuo.

Quanto abbia funzionato l’ostruzionismo del sistema a danno dei risparmiatori salta agli occhi dai numeri dei piani aperti. Nel profluvio di articoli plaudenti, in effetti questa informazione latita, mentre vengono sbandierato quelli gli 11 miliardi di euro raccolti nel 2017. Dato che permette di stimare sopra i 500 mila i risparmiatori con Pir zeppi di fondi, sicav ed etf. Quelli fai-da-te sono invece intorno ai 200-300. Meno dell’un per mille. In Italia sfuggire al predominio delle grosse banche e sim è davvero dura.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Varie cose lasciano perplessi nel contratto di lavoro dei metalmeccanici, non solo la spinta alla previdenza integrativa. Ma anche sui buoni pasto in generale c'è da qualcosa da dire.

Evitare i Piani individuali di risparmio (Pir) di banche o sim con fondi comuni, sicav ecc. Semmai farseli da sé con acquisti diretti di azioni e obbligazioni

Non versare soldi entro fine anno in un prodotto previdenziale, il regalo del fisco lo intasca il risparmio gestito, non i contribuenti. Facile che i costi superino i vantaggi fiscali.

I tempi della finanza non sono quelli del calendario. Fare a inizio gennaio il punto sugli investimenti per i prossimi dodici mesi risponde solo a motivazioni psicologiche.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».