Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Btp Futura, parte l’emissione. Bel nome, poco rendimento e parecchio rischio»
mio post sui nuovi titoli del Tesoro con collocamento previsto dal 6 al 10 luglio 2020. Nel blog del Fatto Quotidiano.

La finanza ha un calendario diverso. I buoni propositi sono quelli vecchi

Pubblicato lunedì 8 gennaio 2018

Articolo sul Fatto Quotidiano dell’8-1-2018 pag. 18

I tempi della finanza non sono quelli del calendario. Fare a inizio gennaio il punto sugli investimenti per i prossimi dodici mesi risponde solo a motivazioni psicologiche. Oggettivamente è come chiedersi il 27 novembre cosa fare nei successivi dieci mesi e otto giorni

Lasceremo comunque le previsioni agli indovini e ai ciarlatani, guardandoci bene dal preconizzare come andrà quest’anno la Borsa, il dollaro ecc. Merita però chiedersi perché si legge in continuazione che per il 2018 le prospettive sono migliori per le azioni che per le obbligazioni. Altri conoscono il futuro? In realtà si tratta di previsioni interessate. Dietro di esse c’è la solita industria parassitaria del risparmio gestito (banche, gestori, sedicenti consulenti ecc.) cui conviene che i risparmi degli italiani finiscano in fondi, gestioni ecc. azionari anziché obbligazionari. Possono così raschiargli più quattrini, per cominciare lecitamente con commissioni esose, vere e proprie clausole capestro ecc. Ma anche illecitamente, senza che la cosa possa essere scoperta, per esempio dirottandoli a favore di qualcuno dei soliti amici. Con le gestioni obbligazionarie è tutto più difficile

Ciò detto, non è mica escluso che nel 2018 le azioni battano il reddito fisso. Quindi, con la consapevolezza dei rischi, si può anche tenervi una percentuale dei propri risparmi, stando però alla larga da fondi comuni e simili. Una soluzione elegante è ricorrere a future su indici azionari, ma in modo non speculativo, cioè rinnovandoli sistematicamente a scadenza. Uno può mettere così anche solo 23 mila euro, ben diversificati, nella Borsa italiana e/o 36 mila in quelle dell’eurozona

Ci sarebbero poi i Piani individuali di risparmio (Pir), ma soltanto facendoseli da soli coi pochissimi intermediari (sim o banche) che lo permettono. Da evitare invece i tantissimi Pir offerti da banche e sedicenti consulenti, regolarmente con spese, commissioni, costi ecc., anche occulti, in grado di divorare gli eventuali rendimenti.

Passando agli investimenti sicuri, i conti deposito non hanno più senso come strategia a medio termine. Li ha massacrati prima l’abbattimento dei tassi della Banca Centrale Europea, poi la concorrenza dei buoni fruttiferi postali a 3 Anni Plus, che offrono a scadenza lo 0,7% annuo. È vero che tolte le imposte resta solo uno 0,4% netto, ma si evita ogni commissione o spesa, bolli superiori agli interessi, il famigerato bail-in ecc. Mantengono senso anche Btp Italia e Btp-i di recente emissione per coprire il rischio inflazione

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Il TFR è lo strumento più efficace contro l'inflazione. Il risparmiatore prudente fa bene a prendere in seria considerazione gli investimenti legati al costo della vita.

I nuovi buoni fruttiferi postali a tre anni rendono a scadenza lo 0,70% annuo lordo. Non è male e sono più sicuri dei titoli di stato.

Può stupire, ma fu del tutto regolare la riduzione degli interessi del 1986 per i buoni fruttiferi postali in circolazione. Purtroppo molti risparmiatori sono stati trascinati in cause perse in partenza.

“Una decisione politica”, “una porcheria” e peggio: sono i giudizi apparsi in Rete sulla recente sentenza della Cassazione sui buoni fruttiferi postali. Niente di tutto questo. Al contrario: una sentenza giusta e, in quanto tale, prevedibile.

In questa intervista, Beppe Scienza, docente di Metodi e modelli per la pianificazione economica presso l’Università degli Studi di Torino, punta il dito contro i prodotti più rischiosi, e parla di fondi comuni, depositi, e obbligazioni Lehman

Tabella di confronto tra buoni fruttiferi indicizzati all'inflazione e ordinari.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».