Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

POS. Aiuto alle banche in nome della legalità

Articolo di Beppe Scienza sul Fatto Quotidiano di giovedì 12 giugno 2014 a pag. 14

C'è una furbizia cui ricorrono spesso le banche per ottenere dal governo ciò che gli conviene. Lo spacciano come utile per combattere l'evasione fiscale, onde tacitare ogni obiezione.

L'ultimo esempio è l'obbligo (o il non obbligo, come vedremo) del cosiddetto Pos per negozi, artigiani ecc. ma pure tutti i professionisti. Dove l'abbreviazione Pos, a rigore point of sale, si riferisce alla macchinetta che permette di ricevere pagamenti tramite carte bancomat, di credito ecc.

Partendo da un decreto legge del 2012 si arriva col DM 24-1-2014 all'imposizione, almeno nell'interpretazione iniziale prevalente, di dotarsi di tale congegno entro fine giugno. Con le norme più restrittive del mondo per i contanti, tale norma appariva come un mero favore al sistema bancario. Garantirebbe infatti a società a esso collegate centinaia di milioni di fatturato. Euri inutilmente spesi da chi incassa di regola solo con bonifici, come gli studi di architettura, i giornalisti con partita Iva ecc., per non parlare degli attuari i cui clienti sono solo compagnie di assicurazione. Per essi un pos è solo un costo in più di 100-200 euro l'anno, oltre che una seccatura.

Ma prendiamo pure le professioni sanitarie, innegabilmente in odore di evasione fiscale. È una frottola che il pos la freni o addirittura l'impedisca. Basta farsi pagare in contanti senza fattura, magari con uno sconticino per il paziente-cliente, e l'apparecchietto se ne starà lì buono buono, cieco testimone dell'evasione.

Alcuni obietteranno che molti clienti gradirebbero la possibilità di pagare col bancomat il dentista, il ginecologo ecc. Ma sarà ben una loro libera scelta attrezzarsi o meno in tal senso, per fornire un servizio ai clienti!

Tali critiche sono state inizialmente liquidate come complicità con l'evasione fiscale. Si sono però poi viepiù intensificate, finché il colpo di grazia è arrivato dal Consiglio Nazionale Forense. La sua circolare n. 10-C-2014 precisa infatti, fra l'altro, che "nessuna sanzione è prevista in caso di rifiuto di accettare il pagamento tramite carta di debito". Ovvero, si può tranquillamente farne a meno prenderlo.

Si può essere contenti che alle banche sia andata buca. Ma non promette bene per l'Italia che ancora una volta la conclusione sia stata: "Contrordine, cittadini, avevamo scherzato".


Potrebbero interessarti

E' innegabile l'eccessiva indulgenza di tremontiana memoria nei confronti dell'evasione fiscale, ma con il DL 4 del 28-1-2014 siamo all'estremo opposto essendo previsto l'obbligo di dichiararsi evasori e un conto che può arrivare all'80-90% del patrimonio.

Beppe Scienza, in Attualità

Banche svizzere in combutta con società fiduciarie italiane continuano a fare fessi parecchi loro clienti.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».