Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

Svizzera. Evasori sì, ma non masochisti

Pubblicato mercoledì 19 febbraio 2014

il Fatto Quotidiano 19-2-2014 pag. 14

Tutto il mondo è paese. Hanno portato di nascosto soldi in Svizzera mica solo gli italiani. Ma anche tedeschi, francesi, inglesi, greci ecc. Né le uniche motivazioni sono state l'evasione fiscale o la loro provenienza illecita.

Soprattutto in passato hanno pesato timori vari: persecuzioni razziali, avvento del comunismo, crac finanziari o semplicemente il rischio di pignoramenti.

Diverse sono state le soluzioni adottate dai singoli stati per far rientrare i capitali. Gli accordi firmati nel 2012 fra Gran Bretagna, Austria e Confederazione Elvetica hanno permesso di tenerli tranquillamente in Svizzera, schermati al fisco del paese di provenienza (una pacchia!), a fronte di penali anche solo nell'ordine del 15%.

In Italia c'erano già stati alcuni scudi fiscali dal 2002 al 2009. Con essi i capitali sono potuti rientrare e finire in conti riservati, pagando dal 2,5% al 6% (un'altra pacchia), con l'abbuono di tutte le imposte evase e di quasi tutti i risvolti penali.

Per chi non vi aveva aderito, magari perché ha esportato i soldi in seguito, si sarebbe aperta una nuova possibilità col decreto-legge 4 del 28-1-2014. Essendo in Italia vietato l'uso dell'italiano, è generalmente nota come voluntary disclosure. Per parlare chiaro, si dovrebbe piuttosto chiamarla autodenuncia.

Se è innegabile l'eccessiva indulgenza degli scudi di tremontiana memoria, qui siamo all'estremo opposto. È infatti previsto l'obbligo di dichiararsi esplicitamente evasori di fronte al fisco, cosa già antipatica. Poi il saldo di tutte le imposte pregresse, solo con sanzioni ridotte. Per i soldi esportati negli ultimi anni, il conto può arrivare all'80-90% del patrimonio. Difficile che un evasore accetti di salvare solo il 10-20% del suo peculio.

Preferirà trasferirlo nei pochi residui paradisi fiscali, vista comunque l'intenzione della Svizzera di mettersi a posto per rientrare nella cosiddetta white list. E infatti alcuni intermediari stanno proponendo conti addirittura a Dubai (un bel coraggio!).

Oppure i capitali potrebbero rientrare sì in Italia, ma trasformati prima in contanti, lingotti d'oro od opere d'arte. Senza nessun vantaggio per l'Erario italiano.


Potrebbero interessarti

Banche svizzere in combutta con società fiduciarie italiane continuano a fare fessi parecchi loro clienti.

Con il DM 24-1-2014 arriva l'obbligo di dotarsi di POS, un mero favore al sistema bancario con la garanzia di centinaia di milioni di fatturato. Spacciato per lotta all'evasione. La circolare del Consiglio Nazionale Forense precisa che Nessuna sanzione è prevista.. ovvero si può tranquillamente farne a meno.

Beppe Scienza, in Attualità
Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».