Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

Coronavirus, la voragine nei conti pubblici non si risolverà con uno scudo fiscale inutile

Beppe Scienza, post di mercoledì 13 maggio 2020 sul blog del Fatto Quotidiano

Il Coronavirus sta causando un buco, se non una voragine, nei conti pubblici italiani. Per rattoppare tale buco, circolano varie proposte. In particolare aiuterebbe una qualche forma di rientro di capitali dall’estero, un nuovo scudo fiscale e condoni vari. Così Banca Intesa fantastica di “bond sociali, che offrirebbero rendimenti competitivi, sgravi fiscali e uno scudo penale per chi trasferisce capitali dall’estero. Si stima che 100-200 miliardi di euro dei risparmi italiani si trovano fuori dall’Italia”.

Merita precisare che non pochi ritengono immorale ogni sanatoria fiscale, indipendentemente da come denominata, perché la vedono come un premio agli evasori. Analogamente ritengono pretestuoso e persino indecente giustificare con il Coronavirus un nuovo condono edilizio. Sono critiche che hanno avuto una certa eco. Ma sorvoliamo pure su questo punto, cioè sugli aspetti etici della faccenda.

Quello che non dice praticamente nessuno è altro. Cioè che tali proposte servono solo ad alcuni soggetti (politici, economisti o banchieri) per far sfoggio di genialità, progettualità, spregiudicatezza ecc. Ma in realtà, messe in pratica, sarebbero del tutto inutili.

L’Italia ha offerto vari condoni ai capitali clandestini all’estero, anche se ipocritamente chiamati in altro modo. I vari scudi fiscali e poi la cosiddetta voluntary disclosure, cioè un’autodenuncia con sanzioni in parecchi casi molto annacquate. È vero che fecero rientrare soldi. Ma ciò avvenne innanzi tutto per il pedaggio irrisorio richiesto: dal 2,5% del primo scudo del 2001 al 5% dell’ultimo, a fronte di imposte evase anche oltre il 50%. Per lo scudo del 2009 e per la voluntary disclosure, furono poi determinanti gli accordi per lo scambio di informazioni fiscali fra Italia, Svizzera, Montecarlo, San Marino ecc.

La situazione attuale è diversissima. Non esiste più il tradizionale conto clandestino nella banca ticinese o monegasca dell’idraulico, dell’antiquario, del chirurgo evasori. I capitali illegalmente all’estero ora sono ben nascosti in opachi costrutti societari o sono inaccessibili alla curiosità del fisco italiano, perché nel Qatar, a Panama, nel Delaware ecc., magari per giunta intestati a prestanome. Figuriamoci se gli interessati li riporterebbero in Italia, per giunta con rigidi vincoli al loro impiego. Per di più ora con la prospettiva di un’uscita o di una fine dell’euro, prospettiva non imminente ma certo meno remota che pochi mesi fa.

Viene quindi gabellata per realistica un’idea da fanta-finanza: i costi del Coronavirus facilmente finanziati dagli esportatori di capitali trasformati in salvatori della patria, addirittura premiati con rendimenti competitivi. Tutti contenti, tutti felici. Ebbene, non sarà così. Non esiste nessuna soluzione indolore ai costi pesantissimi dell’epidemia.


Potrebbero interessarti

E' innegabile l'eccessiva indulgenza di tremontiana memoria nei confronti dell'evasione fiscale, ma con il DL 4 del 28-1-2014 siamo all'estremo opposto essendo previsto l'obbligo di dichiararsi evasori e un conto che può arrivare all'80-90% del patrimonio.

Beppe Scienza, in Attualità

Banche svizzere in combutta con società fiduciarie italiane continuano a fare fessi parecchi loro clienti.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».