Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Btp Futura, parte l’emissione. Bel nome, poco rendimento e parecchio rischio»
mio post sui nuovi titoli del Tesoro con collocamento previsto dal 6 al 10 luglio 2020. Nel blog del Fatto Quotidiano.

Btp Italia o Buoni Fruttiferi?

Pubblicato sabato 25 ottobre 2014

Post del 24 ottobre nel blog del Fatto Quotidiano

“BTP Italia ottobre 2020: è diventato più tirchio il Tesoro o più generosa la Cassa Depositi e Prestiti, che emette i Buoni fruttiferi postali?”

L’offerta ai risparmiatori dei nuovi Btp Italia ottobre 2014-2020, codice Isin IT0005058901, non è stata un successone. Non che siano una schifezzuola. Essi appartengono anzi a una categoria di titoli di per sé adatta a chi vuole sicurezza, grazie all’aggancio ai prezzi al consumo. Se tenuti fino alla scadenza, essi garantiscono interessi lordi pari ad almeno un 1,15% annuo più dell’inflazione di dodici mesi precedenti. Inflazione ora situata in un intorno (inferiore) dello zero, ma in futuro magari alta. Sui limiti in generale dei Btp Italia ho scritto parecchi articoli, consultabili a questa pagina web. Qui mi limiterei ad un paio di ulteriori osservazioni.

Per cominciare non va il metodo di annunciare un tasso d’interesse, nella fattispecie l’1,15% reale, premettendo che potrà essere alzato, come è stato, portandolo al 1,25% quando però le sottoscrizioni per i privati erano ormai chiuse. Visto che i Btp Italia 2020 già in circolazione rendevano l’1,30% annuo reale, agli attuali prezzi di Borsa, tanto valeva portare subito almeno a quel livello il tasso della nuova emissione. Un risparmiatore non deve essere costretto ad affidarsi alla generosità, correttezza ecc. della direttrice del Tesoro Maria Cannata, da sola o più probabilmente in accordo con altri.

Ma poi c’era un altro elemento negativo o, meglio, peggiorativo. Ragioniamo sul rendimento reale lordo annunciato, cioè appunto sull’1,15% minimo. Contemporaneamente i buoni fruttiferi postali (BFP), ugualmente indicizzati ai prezzi italiani, offrivano e offrono lo 0,50% reale. Che è meno, ma ciò dipende dal fatto che essi non scendono mai di prezzo. Ciò significava il prezzo di tale garanzia era lo 0,65% annuo. Tecnicamente il prezzo di un’opzione put continua.

È tanto? Verrebbe piuttosto da dire che è poco. Infatti i BFP erano emessi alle stesse condizioni attuali, quando furono collocati i precedenti Btp Italia 1,65% aprile 2014-2020, codice Isin IT0005012783. Quindi allora la garanzia di non perderci, per dirla in parole povere, costava l’1,15% annuo. Ore in base alla cedola minima annunciata poco più della metà; e comunque ben meno anche con la cedola rivista.

Per cui delle due l’una: o il Tesoro è diventato più tirchio o la Cassa Depositi e Prestiti, emittente dei BFP, è diventata più generosa.


Potrebbero interessarti

Azione patriottica o scelta ponderata? il BTP Italia ha certo alcuni pregi, ma non è certo privo di rischi, nell'autunno 2011 un titolo analogo scese quasi a 70 euro ogni 100 di valore nominale. Rendono meno, ma per coprirsi dal rischio meglio i buoni postali o i titoli di stato tedeschi.

Può stupire, ma fu del tutto regolare la riduzione degli interessi del 1986 per i buoni fruttiferi postali in circolazione. Purtroppo molti risparmiatori sono stati trascinati in cause perse in partenza.

La corsa al Btp Italia corona il successo del titolo di Stato anti inflazione. Le caratteristiche e i difetti del titolo di via XX Settembre secondo Beppe Scienza

Al BTP Italia tanto reclamizzato ci sono diverse alternative che offrono maggiore sicurezza.

Dal 1998 la capillare rete degli uffici postali ha smesso di essere una parte dell'amministrazione statale che raccoglieva risparmi solo per la CDP diventando una società per azioni. Ora piazza investimenti di qualsiasi genere e i servizi postali sono peggiorati.

Nuovi Btp Italia in sottoscrizione dal 13 aprile 2015: È un confronto complesso, ma a scadenza i Btp Italia 2015-23 appaiono ben meno redditizi dei Buoni fruttiferi postali di risparmiodisicuro extra.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».