Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

In programma:

29-02-2020
Corso sugli investimenti a Bologna 2020
4 ore di corso con il prof. Beppe Scienza organizzato dall'associazione culturale Il dito nell'occhio.
Corso


"Con Grillo tutto nacque quando gli chiesi la prefazione a un mio libro"

Pubblicato sabato 16 marzo 2013

intervista di Paolo Bricco del 16-3-2013 sul Sole 24 Ore online

Esistono gli economisti grillini? Ci sono degli studiosi di economia e di fisco che "parlano con Beppe"? O, per lo meno, che vengono cercati dagli "amici di Beppe"? Il Movimento Cinque Stelle si presenta come una galassia estremamente articolata, in cui le cose cambiano rapidamente. Gli impulsi e gli umori prodotti dalla cronaca e dalla quotidianità si sovrappongono, si mescolano, orientano e vengono orientati dalle più diverse spinte riflessive e dalle più diverse impostazioni culturali. Euro si, euro no. Globalizzazione sì, globalizzazione no. Il problema dei debiti pubblici nazionali. La questione fiscale. In questo momento è difficile comprendere quale possa essere la sintesi razionale di spinte e controspinte permeate dall'emotività del voto di protesta. Di certo, in un contesto così complesso, ci sono alcuni economisti e alcuni fiscalisti – alcuni con opzioni culturali diverse se non contraddittorie le une rispetto alle altre - che vengono citati e ripresi da quel popolo del web che forma il cuore politico dell'arcipelago grillino.

Beppe Scienza, 63 anni, insegna all'università di Torino metodi e modelli per la pianificazione finanziaria. Da una ventina d'anni, deve la sua popolarità mediatica – che si è moltiplicata con la diffusione di internet – all'attività saggistica sul risparmio e sulla previdenza. Il suo è fra i nomi più citati nella realtà politica e "emotiva" che costituisce il nocciolo duro e che gravita intorno al Movimento Cinque Stelle.

Professore, come ha conosciuto Beppe Grillo?
Anni fa, quando scrissi "Il risparmio tradito", gli chiesi la prefazione. Lui la scrisse. Ci davamo del lei. Poi ci siamo visti e ed è nato un rapporto soprattutto professionale. Professionale nel senso che in questi anni è spesso capitato che lui o il suo staff mi chiedesse dei contributi da pubblicare sull'homepage del blog.

Con quale frequenza interviene sul suo sito?
Dipende dai periodi. L'ultima volta è stato il 22 febbraio, due giorni prima del voto, lo stesso giorno della manifestazione di Grillo in Piazza San Giovanni a Roma. In quella occasione, su loro richiesta, ho scritto sul crac di Monte dei Paschi di Siena. Un mese prima avevo pubblicato un intervento sul redditometro. A dicembre uno in difesa del contante.

In che maniera contribuisce?
Occupandomi soltanto delle questioni che conosco. Per cui non scrivo su mercato del lavoro o credito negato alle piccole imprese. Scrivo invece di risparmio, in particolare del piccolo risparmiatore massacrato dalle banche, e di previdenza. In quest'ultimo caso va ricordato che Grillo, insieme al sindacalismo di base e all'area cattolica, è stato l'unico a condividere con me la tesi che il Tfr andasse difeso, contro la previdenza integrativa.

Esiste una politica economica grillina?
E' molto difficile dare una valutazione univoca. Nel senso che a volte punti di vista diversi coabitano nello stesso "contenitore", che peraltro ha confini incerti. Anche perché il Movimento Cinque Stelle è molto libero. Non esiste una forma di centralismo democratico che decida che cosa è giusto e che cosa non è giusto.

Dunque, bisognerà vedere che cosa i suoi parlamentari decideranno di volta in volta in sede legislativa. Grillo ha parlato, in una intervista a un giornale tedesco, di una sorta di ineludibilità dell'uscita dell'Italia dall'euro. A proposito degli argomenti di cui le si occupa, questo impatterebbe duramente sui risparmi e sulle pensioni degli italiani… Certo, gli effetti sarebbero pesanti. Grillo, come diceva lei, non ha auspicato l'uscita del nostro Paese dall'euro. Ma ha semplicemente sottolineato come, a suo avviso, l'Italia sia mantenuta nell'area della moneta unica soltanto per l'interesse delle banche del Nord Europa che hanno in portafoglio i nostri titoli di Stato. Quando questo interesse cesserà, le cose cambieranno. Grillo, a quanto posso saperne, non ha una posizione anti-moneta unica. L'euro non è nemmeno stato uno dei suoi cavalli di battaglia. Lui ha fatto la sua campagna contro la classe dirigente del Paese. Tutto il resto, anche nella politica economica del Movimento in Cinque Stelle, è in divenire.


Potrebbero interessarti

Intervista a Beppe Scienza di Gianni Girotto intitolata "Truffe Finanziarie" con alcune indicazioni su come evitarle

Beppe Scienza, in Video e podcast

Lo spread tra i tioli di Stato italiani e tedeschi è ritornato sopra quota 500, l’effetto Monti sui mercati finanziari è stato di breve durata.

Avanza l'idea di attignere ai soldi di casse previdenziali, fondi pensione ecc. per salvare il Monte dei Paschi e altre banche. Intervista del 18-7-2016 per il Movimento 5 Stelle al Parlamento Europeo

I crac di Argentina, Cirio e Parmalat, Lehman Brothers, banche Islandesi e Grecia hanno provocato perdite stimabili sui 12-13 miliardi di Euro. Il danno causato dai fondi comuni, fondi pensione, ecc... ammonta a 25 miliardi all'anno.

    Il Fondo Atlante è misteriosamente controllato dalla cassa di previdenza dei geometri. Da numerose dichiarazioni il Governo sembrerebbe intenzionato a creare un Atlante 2 utilizzando i fondi pensione degli italiani, rastrellando i soldi nei vari istituti. Leggi il testo dell'intervista

In programma:

29-02-2020
Corso sugli investimenti a Bologna 2020
4 ore di corso con il prof. Beppe Scienza organizzato dall'associazione culturale Il dito nell'occhio.
Corso

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio corriere della.. covip default diamanti dividendi economia educazione fin.. edufin enel euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».