Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Metodi per le scelte finanziarie e previdenziali»: corso semestrale, quest'anno on line, per la laurea in Matematica all’Università di Torino: Inizia a breve. Può iscriversi, nel limite dei posti, anche chi non è studente universitario

Mettere i soldi sotto il materasso sarebbe un errore, meglio i buoni postali

Pubblicato mercoledì 16 novembre 2011

Intervista di Michele Pontrelli su Tiscali News

L’effetto Monti sui mercati finanziari è stato di breve durata. La settimana è iniziata infatti con un brusco calo delle quotazioni azionarie e con un aumento dello spread. Il differenziale di rendimento tra i tioli di Stato italiani e tedeschi è ritornato sopra quota 500 punti riaccendendo i timori dei cittadini sulle prospettive dei loro risparmi. Cosa fare? Lo abbiamo chiesto a Beppe Scienza, matematico finanziario dell’Università di Torino, diventato famoso al grande pubblico in seguito alla pubblicazione del saggio Il Risparmio tradito.

Professore, iniziamo dall’attualità delle ultime ore. Cosa pensa delle nuove tensioni sullo spread tra i Btp e i Bund?

"La mia interpretazione di quello che sta succedendo coincide con l’opinione prevalente. C’è qualche dubbio che Monti riesca a fare il governo e questo riaccende il timore che l’Italia non riesca a risanare i propri conti".

Lei è diventato famoso al grande pubblico con la pubblicazione del saggio Il Risparmio tradito. Chi ha tradito i risparmiatori?

"In tutti questi anni ha tradito l’industria del risparmio gestito ovvero i gestori di fondi di investimento e fondi pensione che, nonostante le promesse, non si sono presi cura dei risparmi dei cittadini ma li hanno danneggiati costantemente".

In che modo?

"Facendogli ottenere meno di quello che avrebbero ottenuto da soli e facendogli correre rischi che nessuno avrebbe mai corso. Questo è avvenuto attraverso l’addebito di spese occulte e attraverso l’investimento in prodotti tossici. Per colpa di fondi e gestioni i risparmiatori italiani hanno perso più di dieci volte tanto che con tutti i crac obbligazionari messi assieme: Argentina, Cirio, Parmalat e successivamente Lehman Brothers e banche islandesi".

Di chi le responsabilità?

"Di sicuro la responsabilità maggiore è del sistema bancario ma grandi colpe ha avuto e ha tutt’ora la stampa economica, o una grande fetta di essa, i cui articoli sono praticamente dei comunicati stampa del potere finanziario".

Molti accusano le grandi istituzioni finanziarie di pilotare falsi movimenti dei mercati al rialzo o al ribasso per approfittare dell’ingenuità dei piccoli risparmiatori e indurli a comprare ai massimi e svendere ai minimi. Quanto incide secondo lei questo fenomeno nel tradimento del risparmio?

"E’ una storia che viene raccontata ma a mio avviso si tratta di un fenomeno marginale in quanto tra i piccoli risparmiatori quelli che investono direttamente sul mercato azionario sono una minoranza. Le forme principali attraverso cui i cittadini si avvicinano al mercato sono ancora le banche e i fondi di investimento".

L’attuale scenario economico è preoccupante. Vista l’inaffidabilità delle istituzioni finanziarie sarebbe un comportamento irrazionale ritirare i propri risparmi dalla banca e metterli sotto il materasso?

"Non sarebbe irrazionale ma sicuramente sarebbe esagerato. I motivi per essere preoccupati non mancano ma non bisogna fare l’errore di amplificare le proprie paure. Aggiungo inoltre che mettere i soldi sotto il materasso da un punto di vista finanziario è sbagliato perché la scelta non protegge i risparmi dall’inflazione".

Cosa fare allora?

"La prima cosa che mi sento di raccomandare ai piccoli risparmiatori sono i buoni fruttiferi postali. Si tratta di strumenti poco pubblicizzati perché non vengono venduti dalle banche e quindi non interessano all’industria del risparmio gestito. Essi consentono di interrompere l’investimento in qualsiasi momento senza perdite ovvero il capitale investito viene sempre recuperato assieme al rendimento maturato".

Nessuno regala nulla, in cambio di questa maggiore sicurezza cosa deve pagare il risparmiatore?

"Si paga un rendimento inferiore rispetto ai titoli di Stato. Per esempio in questo momento i buoni fruttiferi postali indicizzati all’inflazione danno l’inflazione più l’1,1% mentre i btp indicizzati danno l’inflazione più il 3 ma anche il 4%".

Però pur essendo emessi dalla Cassa depositi e prestiti anche i buoni postali, analogamente ai titoli di Stato, non proteggono il risparmiatore da un eventuale default dell’Italia.

"E’ vero, ma una eventuale insolvenza dell’Italia avverrebbe in maniera strutturata che molto probabilmente tutelerebbe i piccoli risparmiatori. In Argentina per esempio fu così".

Per concludere, quali riforme bisognerebbe fare per tutelare maggiormente il risparmio dei cittadini?

"Io ho una regola ferrea: non dico mai come bisognerebbe cambiare i mercati finanziari o il mondo perché tanto nessuno mi ascolta. La mia impostazione è solamente quella di dare delle indicazioni ai piccoli risparmiatori su cosa fare nelle concrete situazioni in cui si trovano".


Potrebbero interessarti

Intervista a Beppe Scienza di Gianni Girotto intitolata "Truffe Finanziarie" con alcune indicazioni su come evitarle

Beppe Scienza, in Video e podcast

Beppe Scienza intervistato da Paolo Bricco sul Sole 24 Ore online, sul rapporto con Beppe Grillo e il Movimento 5 stelle.

I crac di Argentina, Cirio e Parmalat, Lehman Brothers, banche Islandesi e Grecia hanno provocato perdite stimabili sui 12-13 miliardi di Euro. Il danno causato dai fondi comuni, fondi pensione, ecc... ammonta a 25 miliardi all'anno.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».