Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®


Dividendi. La tosatura silenziosa dell'azionista

Pubblicato mercoledì 8 gennaio 2014

il Fatto Quotidiano 8-1-2014 pag. 14

Con l'inizio del 2014 sono dieci anni esatti dalla soppressione del credito d'imposta sui dividendi. Un istituto di equità fiscale che si sono ben guardati dal ripristinare i governi da allora succedutisi, di destra, sinistra o più o meno larghe intese.

Il principio a monte di tale opzione è semplice: permettere al piccolo azionista di essere tassato sugli utili distribuiti dalla società in base al suo reddito. E in particolare di meno, se questo è basso. Il che è del tutto coerente col criterio di progressività tributaria enunciato nell'art. 53 della Costituzione.

Vediamo cosa capita invece adesso, semplificando molto, perché la normativa è complessa, ma quello che conta è il concetto di fondo. Partendo da 100 euro lordi di utile per azione e togliendo il 27,5% per l'imposta sul reddito delle società (Ires), restano 72,5 euro. Se la società li distribuisce come dividendo, viene applicata un'ulteriore ritenuta del 20%, per cui in tasca all'azionista arrivano 58 euro netti. Così in pratica paga il 42% di tasse. A rigore ben di più a causa di un'altra imposta (Irap), dei costi non deducibili ecc. Ma fermiamoci pure qua.

È giusto che un piccolo risparmiatore sia così tartassato? Fino al 2003 si pensava di no. Per cui un contribuente con redditi medio-bassi riceva indietro un po' di soldini, riportando i dividendi nel modello Unico o anche nel 730. La norma venne abrogata da Giulio Tremonti a fine 2003, in barba alla prima delle tanto decantate "tre i" (impresa, Internet e inglese). Perché Letta non ha trovato lo spazio per reintrodurla fra le centinaia di provvedimenti di cui ha infarcito la Finanziaria e il decreto Mille Proroghe?

Ragionando sulle aliquote attuali e su ogni 100 euro di dividendi netti incassati, chi è nel secondo scaglione (15-28 mila euro di reddito annuo) riceverebbe dall'Erario altri 25,9 €; e addirittura 32,8 € nel caso di redditi inferiori. Mentre ora di fatto tutti sono obbligati a subire la cosiddetta cedolare secca sui dividendi, inventata per chi aveva redditi alti. È così che si vogliono indurre gli italiani a comprare altre azioni delle aziende pubbliche da privatizzare?


Potrebbero interessarti

E' un luogo comune che nell'ambito degli investimenti con grossi capitali si avrebbe accesso a soluzioni migliori, ci sono tuttavia alcune eccezioni.

In tempi di tassi bassi, qualcuno propone titoli a tassi allettanti in valuta straniera che però espongono a rischi elevati di svalutazione.

Beppe Scienza, in Indicazioni di investimento

Rifilando prodotti azionari si guadagna più del doppio. Ecco perché gestori, banche, promotori finanziari ecc. spingono verso le azioni, e le loro previsioni sono quasi sempre ottimistiche.

Offerta delle azioni di Poste Italiane: un'ingiustizia per i normali risparmiatori e il brutto precedente di Finmeccanica.

Beppe Scienza, in Attualità

Senza dire che fosse prevedibile, di certo il debutto negativo in Borsa si spiega.

Banche, assicurazioni e sedicenti consulenti fanno balenare ottimi rendimenti per le polizze vita rivalutabili. La colpa è anche dell'organo di vigilanza (Ivass) che permette tassi gonfiati

Beppe Scienza, in Attualità | Danni del risparmio gestito
Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio corriere della.. covip default diamanti dividendi economia educazione fin.. edufin enel euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».