Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Metodi per le scelte finanziarie e previdenziali»: corso semestrale, quest'anno on line, per la laurea in Matematica all’Università di Torino: Inizia a breve. Può iscriversi, nel limite dei posti, anche chi non è studente universitario

Il boom dei titoli che "salvano" dall’inflazione

Pubblicato lunedì 30 giugno 2008

Articolo su la Repubblica (30-06-2008, Affari & Finanza p. 21).

Il mercato offre agli investitori prodotti che offrono un rendimento agganciato ma sempre superiore al carovita.

BEPPE SCIENZA
Dipartimento di matematica dell'Università di Torino

Sarebbero molto più noti, se il Tesoro italiano facesse pubblicità ai suoi prestiti con inserzioni a tutta pagina, come fa quello tedesco. Invece moltissimi risparmiatori conoscono i tradizionali Buoni del tesoro poliennali (Btp), ma ignorano l’esistenza dei Btpi, dove la "i" sta per indicizzati all’inflazione. I titoli obbligazionari con tale caratteristica sono detti reali, perché agganciati a indici non finanziari (Bot, euribor ecc.), bensì reali e in particolare ai beni e servizi che formano il paniere usato per misurare il costo della vita. A quanti poi insistono a non chiamarli titoli reali ma in inglese inflation linked, ci sarebbe solo da chiedere perché si vergognino di parlare come mangiano.

Alternative possibili. Un risparmiatore che voglia cautelarsi dal rischio inflazione ha più soluzioni. Il vero problema è semmai che non le conosce. Dal febbraio 2006 esistono addirittura buoni fruttiferi postali indicizzati all’inflazione italiana, con tutti i vantaggi di tale genere di titoli. In particolare il diritto al riscatto in ogni momento con la certezza di ricevere integralmente il capitale investito e, passati 18 mesi, anche interessi e rivalutazioni capitalizzati. A mediolungo termine tale soluzione renderà però meno dei corrispondenti di titoli di stato od obbligazioni.
Sono invece da evitare le obbligazioni di volta in volta collocate dalle banche. Sono praticamente sempre molto inferiori a quelle già in circolazione. Lo conferma il fatto che scendono regolarmente di prezzo, quando vengono quotate.

Titoli di Stato. I Btpi hanno scadenze diverse e non c’è motivo per aspettare una nuova emissione, anziché comprare quelle già in circolazione. La tabella in pagina ne riporta quattro con durate circa dai 2 ai 27 anni, oltre a un’emissione francese e una greca. Il loro vero difetto è l’indicizzazione ai prezzi dell’area dell’euro anziché italiani. Di per sé esiste un titolo di Stato italiano così indicizzato: sono le Infrastrutture (Ispa) 2,25% 31-7-2019 che però il Tesoro italiano non si è curato di quotare in Italia, per cui molte banche hanno facile gioco a rifiutarle a chi gliele chiede.
Tutti questi titoli hanno una struttura particolare: il capitale – e cioè il valore nominale – cresce in parallelo con l’inflazione; in più si incassano una o due volte l’anno interessi a un tasso fisso, ma applicato al capitale periodicamente rivalutato. Su un’inflazione del 3,5% il loro rendimento nominale a scadenza è attualmente intorno al 6% lordo, che non si può definire una miseria. La loro redditività reale netta è invece intorno al 2% annuo, tolte cioè le tasse e l’inflazione. Vendendoli prima della scadenza, la performance può risultare maggiore o minore.

Obbligazioni societarie. Ne esistono parecchie e sono congegnate in una maniera diversa, più semplice ma meno protettiva. Infatti pagano interessi ogni tre, sei o dodici mesi in misura pari all’inflazione con una qualche maggiorazione. Il capitale resta invece immutato fino a scadenza e quindi in termini reali si riduce. Per evitare ciò, occorre reinvestire gran parte degli interessi che si incassano. La tabella riporta tre titoli: uno che rende moltissimo, quasi il 10% lordo, ma con qualche pericolo d’insolvenza e due obbligazioni quotate in Italia senza rischi di default. Per queste il rendimento è leggermente superiore ai Btpi, come è logico.

Fondi comuni ed Etf. Esistono anche fondi comuni che offrono una gestione in titoli indicizzati all’inflazione: un risparmiatore prudente li eviterà con cura. È infatti presumibile che chi mira a una difesa dall’inflazione punti anche alla massima sicurezza e questa è possibile solo possedendo direttamente i titoli desiderati, senza dare deleghe a nessuno, alla luce anche delle pessime esperienze passate.
Meno pericolosi ma sconsigliabili sono pure gli Etf che investono in un paniere di titoli reali. Qui i rischi di cattiva gestione sono minori, ma hanno comunque poco senso perché comportano inutili costi aggiuntivi. Gli Etf hanno ragion d’essere per investire in mercati azionari ed evitare la concentrazione su troppi pochi titoli, di fatto agganciandosi così a decine o centinaia di azioni. Qui invece non c’è motivo di diversificare tanto. È ragionevole limitarsi a quattro o cinque titoli o addirittura a uno solo, purché sicuro. Un risparmiatore che mettesse tutto per esempio nei Btpi 0,95% 1592010 o in un buono postale indicizzato all’inflazione non si comporterebbe affatto in modo azzardato.


Potrebbero interessarti

Alcuni consigli per difendersi dai rischi dell'inflazione: titoli di stato e buoni postali indicizzati e il vecchio, vituperato ma sempre valido TFR.

Il TFR è lo strumento più efficace contro l'inflazione. Il risparmiatore prudente fa bene a prendere in seria considerazione gli investimenti legati al costo della vita.

Tabella di confronto tra buoni fruttiferi indicizzati all'inflazione e ordinari.

Tabella su L'Espresso a cura del prof. Beppe Scienza, Dipartimento di Matematica, Università di Torino.

Netta convenienza a riscattare buoni indicizzati all'inflazione degli ultimi mesi per sottoscrivere quelli offerti in dicembre.

Non è vero che le azioni proteggano dall'inflazione, Beppe Scienza lo dimostra in modo incontrovertibile semplicemente analizzando i dati storici.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».