Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®


×


Capire o inveire? Forse i tedeschi non hanno tutti i torti:
“Coronabond, perché la Germania non li vuole”.
post di Beppe Scienza del 1-4-2020 nel blog del Fatto Quotidiano.

Troppe illusioni sul TFR, problema che gli assicuratori non sanno risolvere

Pubblicato lunedì 19 settembre 2016

Articolo sul Fatto Quotidiano del 19-9-2016 a pag. 18

Per un'azienda il TFR dei dipendenti può essere fonte di qualche preoccupazione... se non ha debiti, ma anzi eccedenze di liquidità. Un'eventuale impennata dell'inflazione comporterebbe rivalutazioni molto onerose. Per una ditta con almeno 50 dipendenti, il problema è scaricato sull'Inps, ma per quelle più piccole?

Fino a qualche mese fa un'ottima soluzione, valida almeno per un decennio, erano i buoni fruttiferi postali indicizzati all'inflazione, ancora meglio se combinati col programma Risparmiodisicuro Extra. Ma dal 18-2-2016 non vengono più emessi.

Ecco allora che un recentissimo prodotto di Helvetia, gruppo assicurativo svizzero, prometterebbe di fornire la soluzione ideale (la data di deposito in Consob del prospetto di "Chiara Vita TFR" è il 31 agosto). Nel pubblicizzarlo la compagnia scrive che esso consente di "assolvere gli obblighi di rivalutazione attraverso una gestione finanziaria dinamica" e quindi permette di "disporre in qualsiasi momento delle somme necessarie alla liquidazione delle posizioni".

Chi s'imbatte in tali frasi e ignora che il mondo assicurativo è il regno delle frottole, crede a cosa legge. Pensa cioè che Chiara Vita TFR assicuri che le somme versate col passare degli anni stiano dietro alle rivalutazioni del TFR. Peccato che non sia così.

Dai documenti ufficiali del prodotto si scopre che in effetti i soldi finiscono nella gestione separata "Remunera Più", la quale però è simile a quelle di tantissime altre compagnie e non contempla nessun aggancio all'inflazione. Coerentemente i rendimenti minimi garantiti (1% o 1,5% ecc. a seconda dei casi) sono solo nominali e non reali.

Gli assicuratori potrebbero addossare colpe all'organo di vigilanza, prima Isvap ora Ivass, che non gli permette di fornire una tale garanzia. Per altro nel portafoglio al 31-12-2015 non risultano esserci titoli indicizzati all'inflazione, che comunque nessuno gli vieta di avere.

È tutto sommato eccezionale la fattispecie di un imprenditore che non utilizzi il TFR come finanziamento, ma voglia accantonarlo a tutela dei suoi dipendenti. Così facendo il TFR può essere un problema per l'azienda. Specularmente c'è un problema per un lavoratore nell'ipotesi contraria, ovvero se non ha il TFR, perché esso è sì una forma di risparmio forzosa, ma anche una fra le alternative più sicure in un'ottica previdenziale.

In entrambi i casi le compagnie d'assicurazione non sono in grado di fornire nessuna soluzione.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Il consiglio è di optare per il comparto garantito, non ci si gioca la pensione alla roulette dei mercati finanziari. Il TFR è un piccolo gioiello di sicurezza.

Beppe Scienza, in Video e podcast

Alcuni consigli per difendersi dai rischi dell'inflazione: titoli di stato e buoni postali indicizzati e il vecchio, vituperato ma sempre valido TFR.

Apparentemente è una scelta di libertà. In realtà l'idea del TFR in busta paga è deprecabile. Sette argomentazioni contro il progetto di Matteo Renzi.

Beppe Scienza, in Video e podcast

Notizie Tiscali ha chiesto a Beppe Scienza di spiegare a voce perché sono falsi (e gonfiati) i rendimenti dei fondi pensione pubblicati dal Sole 24 Ore in prima pagina:

In questa intervista, Beppe Scienza, docente di Metodi e modelli per la pianificazione economica presso l’Università degli Studi di Torino, punta il dito contro i prodotti più rischiosi, e parla di fondi comuni, depositi, e obbligazioni Lehman

TESI DI LAUREA del candidato Livio Nervo, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI ECONOMIA - Relatore: Prof. Giovanna Nicodano - Correlatore: Prof. Beppe Scienza

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio corriere della.. covip default diamanti dividendi economia educazione fin.. edufin enel euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».