Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

La roulette delle obbligazioni in valuta estera. State attenti al tasso di cambio

Pubblicato lunedì 24 agosto 2015

Il Fatto Quotidiano di lunedì 24-08-2015 a pag. 18

Il crollo di quello che gli economisti chiamano il saggio d'interesse, in pratica la redditività del denaro, ha disintegrato parecchie aspettative. Ma molti non vogliono rassegnarsi all'idea che i loro risparmi, sudati o ereditati, fruttino ora pochissimo; quasi niente, tolte imposte e costi vari. Si lasciano così lusingare da proposte presentate in maniera tendenziosa. Tipica l'insistenza del venditore di prodotti azionari che dice: "Con la Borsa può ottenere molto di più", senza aggiungere "...oppure molto di meno".

Discorso analogo vale per il reddito fisso in valute estere, che attrae per gli alti tassi nominali offerti. Un titolo in lire turche o in rubli rende un 10% abbondante e uno della Nuova Zelanda pur sempre più del 3% annuo, seppur lordo, rispetto allo 0,6% dei Btp a cinque anni.

Né è contestabile, per esempio, che una certa obbligazione bancaria in dollari australiani renda il 4%. Invece è truffaldino rifilare un fondo comune o un fondo pensione obbligazionario raccontando che "rende il 5%", quando invece "ha reso" così negli scorsi dodici mesi, ma per i prossimi è molto probabile che renderà intorno allo zero.

Quel 4% annuo di un'obbligazione nella divisa dell'Australia è però il suo rendimento a scadenza in quella valuta. Vale cioè per chi vive a Sydney o Melbourne oppure se il cambio resta inchiodato all'attuale livello di 1,53 dollari per euro. Ma questa è un'ipotesi molto forte. È praticamente certo che il rendimento per un italiano sarà maggiore o minore. A essere onesti è anche del tutto imprevedibile quale sarà.

È un'illusione che sia così facile sfuggire ai tassi bassissimi sull'euro. I tassi più alti in una certa moneta sono anzi collegati ad aspettative di svalutazione; e viceversa. Così per esempio Banca Imi circa due anni fa proponeva: "Guida i tuoi investimenti verso due nuove opportunità. Collezione tasso fisso Dollaro Australiano 6,4% e Rublo Russo 8,3%". Ma che bei rendimenti! Peccato che dal luglio 2013 le perdite sul cambio siano state rispettivamente il 6,6% e il 43,4%. Nel primo caso più che compensate da interessi e salita della quotazione, nel caso del rublo assolutamente no.

Al contrario è andata bene ai pochissimi in Italia, Francia, Germania ecc. con titoli in franchi svizzeri, dai rendimenti nominali irrisori. Dai primi di gennaio il franco è salito del 13% rispetto all'euro. Per altro il dollaro è salito rispetto a un anno fa, senza che avesse rendimenti molto bassi. Conclusione operativa: puntare su questa o quella valuta estera è come giocare sul rosso o sul nero alla roulette. Ed è tempo perso leggere le previsioni sui cambi: vi sono esempi a iosa di come siano del tutto inaffidabili.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

I timori di insolvenza non bastano a spiegare i cali di molti titoli. Le cause possono essere anche altre e sono da ricercare piuttosto nel comportamento di alcuni investitori istituzionali nella gestione di portafogli di fondi hedge, tesorerie di banche, assicurazioni ecc..

Beppe Scienza, in Attualità | Obbligazioni varie

Il bond Infrastrutture 2019 che rende il 2,25% reale non è quotato in Italia. E le banche lo boicottano.

Beppe Scienza, in Attualità | Difesa dall'inflazione

Sui bond Alitalia diffidare da chi propone scorciatoie al piano del commissario.

Beppe Scienza, in Attualità

L'obbligazione Cassa Depositi Prestiti in emissione sino a venerdì 13-3-2015: interessi all'1,75% per due anni e poi euribor più 0,5%

Il Tesoro ha così tanti soldi da permettersi di distribuire regali. Come definire altrimenti i suoi riacquisti a dicembre di obbligazioni delle regioni Lombardia e Campania?

Beppe Scienza, in Attualità

Obbligazioni MPS: non tutto il male vien per nuocere. Ora se ne trovano, anche non subordinate, che rendono benino, per es. il 4% lordo.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».