Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

Le obbligazioni in valuta estera sono una scommessa, non una sicurezza

Pubblicato lunedì 20 marzo 2017

Articolo sul Fatto Quotidiano del 22-3-2017 a pag. 18

Chi ha liquidità da investire, non sa che pesci pigliare. Impieghi tradizionali, come Btp, Cct o buoni fruttiferi postali, hanno ormai rendimenti intorno allo zero, salvo prendersi sul groppone roba lunga col rischio di perdite in caso di smobilizzo anticipato.

Così da un po’ vengono proposti titoli in valute dove i rendimenti veleggiano a livelli ben superiori. In questi giorni Banca Imi pubblicizza nel programma Obbligazioni Collezione varie divise: dollari non solo americani, rubli e lire turche. E la Banca Mondiale obbligazioni in diverse valute addirittura “per uno sviluppo sostenibile”.

Tali proposte non sono indecenti: Intesa-Sanpaolo è attrezzata per emettere e piazzare roba ben peggiore. Ma non sono vere soluzioni al problema dei bassissimi rendimenti per un italiano o tedesco. Semplicemente invitano a scommettere su eventi del tutto aleatori. Il risultato finale dipenderà dalla combinazione del tasso delle cedole e delle variazioni del cambio con l’euro. E queste sono imprevedibili, contrariamente ai vaniloqui che si leggono al riguardo.

Per la cronaca circa due anni fa Banca Imi proponeva affiancati un prestito in dollari neozelandesi e uno in lire turche. Il primo ha pagato due cedole del 4,9%, il cambio è salito del 5% e pure il suo valore di mercato è cresciuto: una meraviglia. Il secondo ha corrisposto due volte l’8%, la valuta ha perso il 32% e la quotazione di Borsa è scesa: un disastro. E anche in media è andata male.

A sfavore del risparmiatore gioca poi un’asimmetria fiscale: gli interessi sono comunque tassati, mentre un’eventuale perdita di cambio produce solo una cosiddetta (e spesso maledetta) minusvalenza da capital gain. Che trova compensazione soltanto con un successivo guadagno. Vediamo in concreto le Banca Imi ora in emissione in lire turche: gli interessi in due anni sono il 22%, ma se la valuta scende del 20% l’operazione non si conclude con un leggero attivo, come sembrerebbe a prima vista. Ma al contrario col 3,7% in meno di quanto investito. Sul fronte fiscale c’è poi la diversa aliquota di tassazione, per cui le obbligazioni in dollari neozelandesi della Banca Mondiale al 3,6% fruttano di più delle Banca Imi al 4%, al netto delle imposte.

Ultima osservazione. Per puntare su dollari non solo Usa, lire turche ecc. ci sono anche, pochissimo noti, titoli di Stato legati ai rispettivi indici dei prezzi, che offrono quindi una protezione nell’eventualità di una fiammata inflattiva mondiale.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

E' un luogo comune che nell'ambito degli investimenti con grossi capitali si avrebbe accesso a soluzioni migliori, ci sono tuttavia alcune eccezioni.

Da un fallimento della nuova Alitalia potrebbero rimetterci anche alcuni risparmiatori, oltre ai contribuenti italiani, i dipendenti ecc.

    Il Fondo Atlante è misteriosamente controllato dalla cassa di previdenza dei geometri. Da numerose dichiarazioni il Governo sembrerebbe intenzionato a creare un Atlante 2 utilizzando i fondi pensione degli italiani, rastrellando i soldi nei vari istituti. Leggi il testo dell'intervista

Avanza l'idea di attignere ai soldi di casse previdenziali, fondi pensione ecc. per salvare il Monte dei Paschi e altre banche. Intervista del 18-7-2016 per il Movimento 5 Stelle al Parlamento Europeo

Con l'inizio del 2014 sono dieci anni esatti dalla soppressione del credito d'imposta sui dividendi. Un istituto di equità fiscale che si sono ben guardati dal ripristinare i governi da allora succedutisi, di destra, sinistra o più o meno larghe intese.

Rifilando prodotti azionari si guadagna più del doppio. Ecco perché gestori, banche, promotori finanziari ecc. spingono verso le azioni, e le loro previsioni sono quasi sempre ottimistiche.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».