Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®


Propaganda dei media contro l’INPS, ma non c’è nessun rischio per il TFR

Articolo di Beppe Scienza sul Fatto Quotidiano di lunedì 18 novembre 2019 a pag. 21

Fondo è parola dai molti significati e in finanza bisogna essere precisi. Invece proprio sull’imprecisione o peggio sui confronti volutamente fuorvianti, si fonda una recente campagna contro l’Inps. Negli ultimi tempi si assiste infatti a continui attacchi all’ente di previdenza pubblico, che partono dai quotidiani sedicenti autorevoli e sono poi ripresi in Rete da siti di fatto in mano a venditori del risparmio gestito.

Il bersaglio è un fondo dell’Inps assimilato ai fondi pensione. Esso avrebbe reso pochissimo e per giunta rischierebbe il crac, mettendo a repentaglio i risparmi previdenziali dei lavoratori interessati.

Ebbene, non è vero niente. Già in partenza è falso che il Fondo di Tesoreria istituito con la Legge Finanziaria 2007 sia un fondo pensione. Definito come fondo per l’erogazione del TFR, obbedisce a meccanismi del tutto diversi, vedi la circolare Inps n. 70 del 3-4-2007. Le aziende con almeno 50 dipendenti vi versano gli accantonamenti per il TFR e ne riceveranno le somme da pagare quando dovute, logicamente garantite dallo Stato.

È falso che esso debba investire in titoli. È falso che renda, poco o tanto: non esistono valori delle sue quote né quindi performance, alte o basse che siano, perché proprio non esistono quote di tale fondo. Insomma in sé non c’entra nulla con la previdenza integrativa, anche se venne istituito per favorirla surrettiziamente.

Comunque si capisce facilmente dove vogliano andare a parare certi articoli, perché dagli attacchi all’Inps si passa subito a pressanti inviti ad aderire alla previdenza integrativa.

Dal che seguono alcune buone notizie. Primo, nessun danno e nessun rischio per i lavoratori interessati, ossia col TFR trasferito dalle aziende all’Inps. Secondo, nessuna indicazione negativa sulle capacità dell’Inps di gestire fondi pensione veri e propri. Questo vale per il cosiddetto Fondinps, destinazione residuale per chi non ha espresso la scelta per il TFR, ma anche per il progetto di un suo fondo, in concorrenza con quelli privati. Non sarà un caso se gli attacchi all’Inps si sono intensificati dopo l’annuncio di tale progetto col nuovo presidente dell’Inps (Pasquale Tridico) e la nuova ministra del lavoro (Nunzia Catalfo). Esso dà molto fastidio, perché ridurrebbe la torta che si spartiscono sindacati, padronato e risparmio gestito.

La vera ipoteca sui fondi pensione è un’altra. È il livello intorno allo zero dei tassi d’interesse, situazione in grado di dare il colpo di grazia al senso stesso del cosiddetto secondo pilastro previdenziale.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Apparentemente è una scelta di libertà. In realtà l'idea del TFR in busta paga è deprecabile. Sette argomentazioni contro il progetto di Matteo Renzi.

Beppe Scienza, in Video e podcast

Partiamo da una falsità riportata dal Sole 24 Ore “quanto ai fondi pensione si ricorda che essi hanno rendimenti molto più alti di quelli previsti da Inps” (29-6-2016, Plus24 pag. 13). Smonto quella e altre falsità simili

Tutto comincia con una furbata del governo Prodi a fine 2006, in vista del famigerato semestre di silenzio-assenso, studiato per spingere più persone possibile nei fondi pensione.

Beppe Scienza, in Attualità | Fondi pensione o TFR

La previdenza integrativa vuol mettere le mani anche sul TFR presso l'Inps, che però rintuzza la loro protervia. Anzi è il momento di togliere il più possibile dai fondi pensione; e di tenersi stretto il TFR, perché attualmente rende bene.

Il consiglio è di optare per il comparto garantito, non ci si gioca la pensione alla roulette dei mercati finanziari. Il TFR è un piccolo gioiello di sicurezza.

Beppe Scienza, in Video e podcast

Alcuni consigli per difendersi dai rischi dell'inflazione: titoli di stato e buoni postali indicizzati e il vecchio, vituperato ma sempre valido TFR.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio corriere della.. covip default diamanti dividendi economia educazione fin.. edufin enel euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».