Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

Le ricadute economiche dell’epidemia: dov’è meglio tenere i risparmi al riparo

Articolo di Beppe Scienza sul Fatto Quotidiano di lunedì 30 marzo 2020 a pag. 21

Tante sono le domande che si pone chi ha risparmi da parte, preoccupato per le ricadute economiche e finanziarie dell’epidemia in corso. Abbiamo già messo in guardia dalle garanzie farlocche di recuperi più o meno rapidi e meriterebbe anche discutere dei rischi, non nulli, per i titoli di Stato italiani.

Ma prima vogliamo dare qualche risposta a chi, angosciato, cerca beni o soluzioni rifugio, avendo in mente gli scenari peggiori: insolvenze, fallimenti e default a catena. Quali sono le alternative più sicure? Le esaminiamo proprio in ordine crescente di sicurezza, precisando che innanzitutto bisogna comunque evitare fondi, polizze e simili, perché uno non sa, cosa davvero hanno dentro.

Per cominciare sono alquanto sicuri conti correnti e libretti, perché nella situazione attuale il governo italiano ma anche la Banca Centrale Europea vogliono assolutamente evitare crisi bancarie. Fosse capitato adesso, le banche venete sarebbero state salvate. Hanno addirittura infilato nel decreto Cura Italia in pratica la nazionalizzazione dell’Alitalia, in cancrena da ben prima del coronavirus.

In quanto alla liquidità lasciateci dire una cosa. Per mesi e mesi i saccenti soloni dell’educazione finanziaria hanno sconsigliato di tenerla sui conti, con l’obiettivo nascosto di facilitare il collocamento di fondi e altre trappole. Chi ha dato retta al Fatto Quotidiano, anziché a loro, ha evitato le perdite delle settimane scorse.

Ancor più sicuri dei soldi in banca sono buoni fruttiferi e libretti postali, in virtù della garanzia dello Stato. Ciò varrebbe anche per i Btp e altri titoli del Tesoro, soggetti però a flessioni e anche crolli delle quotazioni.

All’apice della sicurezza nei riguardi di fallimenti, insolvenze ecc. abbiamo i contanti, cioè le banconote o biglietti di banca, che dir vogliasi. Sono infatti la moneta delle banche centrali, le quali non falliscono a differenza di cosa capita, a volte, alle banche private. Per maggior prudenza ci sarebbero le banconote in valute estere, in particolare in dollari o franchi svizzeri. Ma un normale risparmiatore ha grandi difficoltà a procurarsele per importi significativi.

E i beni rifugio tradizionali? Di opere d’arte, diamanti o tappeti non merita neanche parlare. C’è l’oro, che non è una scelta assurda, ma con due gravi difetti. Per cominciare il costo dell’investimento per le monete auree arriva al 10-15%. Ma soprattutto all’occorrenza bisognerà trovare aperti i pochi canali esistenti per venderlo, visto che nei negozi o supermercati la spesa non si paga certo coi Krugerrand, le Elisabette o i lingotti d’oro.


Potrebbero interessarti

Il debito pubblico italiano salirà moltissimo col coronavirus. Molti temono un'imposta, addebitata nottetempo, come quella del Governo Amato nel 1992

Investimenti sicuri o alti rendimenti? Conferenza di Beppe Scienza e Giovanna Nicodano alla Facoltà di Economia a Torino.

Beppe Scienza, in Video e podcast

L'imbroglio sui diamanti realizzato grazie all'appoggio del giornalismo economico italiano. L'oro non è poi tanto sicuro. Le polizze vita per investimento da evitare. Intervista a Beppe Scienza su Radio Marconi

Le riserve auree. In Germania si cercano rassicurazioni, in Italia prevalogono pretese demagogiche e proposte dilettantesche.

Beppe Scienza, in Attualità

Che pasticcio la riforma di Bankitalia. Tutti i dubbi Fulvio Coltorti, direttore Area studi di Mediobanca.

È normalmente il bisogno a spingere le persone a privarsi di gioielli, vendendoli come rottame d’oro. Cioè per il valore del metallo prezioso in essi contenuto e non come monili veri e propri. Si rivolgono così ai famigerati compro oro e gli pare che questi si siano accordati per tenere bassi i prezzi, assicurandosi così alti margini di profitto.

Beppe Scienza, in Attualità | Fisco
Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».