Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

Se chi risparmia ci rimette, la colpa è sua: lo dice Bankitalia

Pubblicato lunedì 13 febbraio 2017

Articolo sul Fatto Quotidiano dell’8-2-2017 a pag. 16

“I risparmiatori sono ignoranti, incompetenti. È colpa loro, se perdono soldi”. Questa è la litania del sistema bancario italiano: ribaltare sui clienti la responsabilità dei propri tiri mancini, come vendergli le proprie azioni non quotate a prezzi esorbitanti, rifilargli le proprie obbligazioni nascondendone i rischi ecc.

Però c’è di peggio: è l’opera diuturna di fiancheggiamento a tale strategia da parte della Banca d’Italia e altri soggetti pubblici. Una triplice conferma arriva dal convegno svoltosi il 18 gennaio a Roma, in via Nazionale “L’educazione finanziaria in Italia: oggi e domani”. Chi erano gli organizzatori? Banca d’Italia, Ivass, Covip, Consob insieme però alla Feduf, una fondazione costituita da 70 banche, e al Museo del Risparmio di Intesa-Sanpaolo. È come il Ministero della Salute organizzasse un convegno sulla ludopatia assieme con Lottomatica, Snai, il Casinò di Saint-Vincent ecc.

La moderatrice era Debora Rosciani della radio del Sole 24 Ore. Nelle sue trasmissioni ospita regolarmente venditori di polizze e fondi che fanno propaganda a risparmio gestito e previdenza integrativa.

Fra i relatori Luigi Guiso che il 26 aprile 2016 scriveva sul Sole 24 Ore: “Su un periodo di 30 anni un euro investito sul mercato azionario può risultare in un capitale alla pensione di 10 euro e un vitalizio di 0,7 euro l’anno per ogni 10 di capitale”.

Guiso è membro dell’Einaudi Institute for Economics and Finance e Axa Professor of Household Finance, “cattedra” finanziata dal gruppo assicurativo Axa.

Una tale crescita implica un rendimento medio dell’8% annuo composto per trent’anni, al netto dell’inflazione e a logica anche delle imposte. Un’ipotesi iperbolica, fuori da ogni prudente aspettativa. Peccato che proprio sulla base di tale prospettiva il lettore sia invitato a “investire in fondi pensionistici con elevata componente azionaria globale”, come per esempio quelli gestiti proprio da Axa. Ma soprattutto non viene detto che il risultato finale può anche essere una perdita secca.

Beppe Scienza

Allegati


Potrebbero interessarti

Autovalutazione gonfiata di Bankitalia, in modo da "regalare" più soldi alle banche. Una nota molto interessante di Daniela Venanzi, del Dipartimento di Economia di Roma Tre.

Beppe Scienza, in Attualità

Un corso per giornalisti e per lettori sull'informazione in tema di risparmio e previdenza integrativa, a Roma al Fatto Quotidiano sabato 21 gennaio 2017 al pomeriggio:

Smontati i rendimenti gonfiati sui 10 anni di previdenza integrativa del Sole 24 Ore.

La Germania utilizza un metodo molto efficace per recuperare i capitali trasferiti illecitamente nella banche svizzere, giornalisti di fama lo ignorano.

Beppe Scienza, in Video e podcast

Notizie Tiscali ha chiesto a Beppe Scienza di spiegare a voce perché sono falsi (e gonfiati) i rendimenti dei fondi pensione pubblicati dal Sole 24 Ore in prima pagina:

Confronti non omogenei in cui però il risparmio gestito appare sempre migliore e mai peggiore di come è.

Beppe Scienza, in Cattivo giornalismo
Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».