Volete investire in valute estere? La soluzione è farlo in contanti

23 Luglio 2018 :: Beppe Scienza :: Indicazioni e strumenti di investimento

Articolo sul Fatto Quotidiano del 23-7-2018 pag. 18

Inveire contro il fisco vessatorio, assurdo, vorace ecc. è uno sport nazionale e io non amo nessuno sport, tanto meno questo. Però a volte qualche lamentela è fondata.

Prendiamo un risparmiatore che per diversificare i suoi investimenti in valute estere abbia deciso di tenere un po’ di dollari. Non volendo rischiare con l’acquisto di titoli, soggetti al su e giù (e in particolare al giù) delle quotazioni, apre un conto valutario. In banca gli consigliano, per evitare implicazioni fiscali, di stare sotto i 51.645,69 euro, equivalente dei vecchi 100 milioni di lire. Così fa e giusto un anno fa prende 55 mila dollari investendo circa 46.500 euro. Segue poi l’andamento del suo gruzzoletto e lo vede muoversi, ma mai avvicinarsi alla soglia suddetta. Credeva così di essere a posto.

Invece no, perché qualche mese fa una lettera della banca gli comunica che essa ha inviato al Fisco una segnalazione nominativa delle sue operazioni. Infatti l’articolo 67, comma 1, lettera c/ter Dpr 917/1986 prevede la tassazione delle plusvalenze valutarie se si supera il massimo previsto. Ma c’è un inghippo, perché la circolare ministeriale n. 165 del 24-6-1998 stabilì che tale calcolo dev’essere fatto “in base al cambio di inizio anno”.

E i suoi dollari al cambio di inizio 2017, livello da lui però mai visto, corrispondevano a 52 mila euro. Da ciò il superamento formale della soglia e l’obbligo di compilazione del quadro RT del modello Unico, dopo conteggi non semplici. Così, per una trappola contabile, il risparmiatore si è trovato sul groppone un rompicapo inatteso, si è bruciata l’alternativa del modello 730 per la dichiarazione dei redditi, magari precompilato, e ha dovuto pagare la parcella di un fiscalista. Di regola è invece la banca o altro intermediario ad addebitare quanto dovuto sulle plusvalenze, i cosiddetti capital gain. In questo caso no.

Per investire in dollari, sterline ecc. bisogna quindi per forza comprare obbligazioni o titoli di Stato nella rispettiva valuta? No, perché c’è una soluzione che taglia la testa al toro. Sono i contanti. Se infatti avesse prelevato i 55 mila dollari in bigliettoni verdi, non avrebbe avuto nessun obbligo fiscale, non avrebbe pagato nessuna imposta di bollo e inoltre non avrebbe corso neppure nessun rischio di bail-in con la banca o di default dei titoli acquistati.

Un’ulteriore dimostrazione di come le banconote, in euro o estere, siano un’alternativa da non trascurare, per l’impiego dei propri risparmi.

Articoli simili che potrebbero interessarti

I Libri

I Libri del prof. Beppe Scienza

Video

Diamanti, oro e polizze vita
Intervista radiofonica a Beppe ScienzaItervista radiofonica a Beppe Scienza
Tutti i video