Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

Un investimento forzoso, ma redditizio. I tassi sono scesi in generale, ma non per il TFR. Vedere «TFR contro tutti. Brilla per redditività rispetto a titoli di Stato, depositi bancari e fondi pensione» articolo sul Fatto Quotidiano in edicola lunedì 13-7-2020.

Assicurazioni, il rendimento garantito al 4% è troppo bello per essere vero

Pubblicato lunedì 21 marzo 2016

il Fatto Quotidiano del 21-3-2016 a pag. 22

Come ottenere il 4% l'anno in modo sicuro? Un lettore mi manda il fascicolo informativo della polizza Double Prestige di Axa-Monte dei Paschi di Siena, chiedendo se davvero ciò sia possibile. Esso contiene infatti una simulazione costruita ipotizzando rendimenti del 4% per dieci anni a venire. Per giunta tale ipotesi ha tutta l'aria di una previsione attendibile, perché si ammanta di carattere di ufficialità. Essa, come altre analoghe, si basa su un rendimento fissato proprio a tal fine dall'organo di vigilanza. Ovvero l'Ivass che è subentrato all'Isvap.

In realtà la documentazione fornita al lettore era scaduta a fine anno, perché col 2016 il tasso da applicare era passato al 3%. Distrazione o mala fede dell'impiegato della banca? Difficile appurarlo e tutto sommato di rilevanza secondaria. Con gli attuali chiari di luna finanziari anche un 3%, stampato nero su bianco, ingenera illusioni e facilita gli inganni.

Ma soprattutto il problema è a monte, per cui il discorso trascende il caso segnalatomi e riguarda praticamente tutte le assicurazioni rivalutabili, attualmente vendute a tutto spiano da Banca Intesa, dalle Generali, dalle Poste ecc. Molti italiani se le sono lasciate rifilare, alla ricerca disperata di qualcosa di redditizio, ingannati appunto dai rendimenti fatti balenare (e magari garantiti a voce da interlocutori imbroglioni).

Fatto sta che per tutto l'anno scorso l'Ivass ha permesso e anzi imposto il 4% per i cosiddetti "progetti esemplificativi", come vengono anche chiamate le simulazioni per le forme assicurative. Quel tasso ha aiutato banche, agenti e sedicenti consulenti a intrappolare i clienti in tali polizze. Ma un'ipotesi del 4% era gonfiata nel 2015, come è gonfiato il rendimento del 3% prescritto dall'Ivass da inizio 2016 (gli assicuratori ringraziano!).

Esso può valere per titoli già posseduti e anche lì sarebbe tutto da vedere. Però le gestioni separate, cioè i portafogli cui sono agganciate le polizze vita rivalutabili, sono quanto vi sia di più oscuro lungo l'orizzonte plumbeo del risparmio gestito. Peggio persino dei fondi pensione, che è tutto dire.

Ma un 3% per i prossimi dieci anni non sta proprio in piedi. I Btp 10-ennali rendono ora sull'1,3% annuo e i 20-ennali il 2,2%. Non parliamo poi dei titoli di stato tedeschi: per sfiorare lo 0,5% annuo, bisogna caricarsi sul groppone quelli con durata fino al 2046 (!).

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

E' un luogo comune che nell'ambito degli investimenti con grossi capitali si avrebbe accesso a soluzioni migliori, ci sono tuttavia alcune eccezioni.

Con l'inizio del 2014 sono dieci anni esatti dalla soppressione del credito d'imposta sui dividendi. Un istituto di equità fiscale che si sono ben guardati dal ripristinare i governi da allora succedutisi, di destra, sinistra o più o meno larghe intese.

Rifilando prodotti azionari si guadagna più del doppio. Ecco perché gestori, banche, promotori finanziari ecc. spingono verso le azioni, e le loro previsioni sono quasi sempre ottimistiche.

In tempi di tassi bassi, qualcuno propone titoli a tassi allettanti in valuta straniera che però espongono a rischi elevati di svalutazione.

Beppe Scienza, in Indicazioni di investimento

Offerta delle azioni di Poste Italiane: un'ingiustizia per i normali risparmiatori e il brutto precedente di Finmeccanica.

Beppe Scienza, in Attualità

Senza dire che fosse prevedibile, di certo il debutto negativo in Borsa si spiega.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».