Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

Le banche? Fanno quello che vogliono

Pubblicato giovedì 13 marzo 2014

Valori, la rivista della Banca Etica, sul numero di febbraio-marzo 2014 intervista Beppe Scienza sulle storture della legge sull'usura, che permette alle banche di far salire senza limiti i tassi degli interessi addebitati ai clienti; il nuovo metodo di calcolo penalizza i mutui casa a tasso variabile.

«Il sistema odierno? È autoreferenziale e, come tale, consente alle banche di fare in definitiva ciò che vogliono». Parola di Beppe Scienza, docente di Matematica finanziaria presso l'Università di Torino, che da anni si occupa di risparmio e previdenza. Il problema, sostiene, risiede proprio nella logica a monte della normativa, che prende come punto di riferimento i tassi bancari di mercato. Una scelta, ha spiegato a Valori, carica di conseguenze per i clienti.

La legge sulla soglia di usura si basa sulla rilevazione del tasso medio attribuendo di fatto un potere di intervento alle banche. È un errore di impostazione?
C'è per cominciare un errore teorico, perché i tassi andrebbero confrontati per differenza e non per rapporto. Già la vecchia normativa calpestava questo principio, stabilendo che la soglia, cioè il massimo consentito, si ottenesse partendo dal tasso di interesse medio e aumentandolo della metà. Le modifiche successive non hanno eliminato questo problema.

Le modifiche del 2011 introducono il criterio "1/4 + 4 punti percentuali" e il limite del +8%. Hanno migliorato, anche se in parte, la situazione?
Hanno mitigato gli eccessi più gravi, fun-gendo da calmiere quando il tasso medio rilevato è superiore al 16% annuo, come per le carte di credito revolving. Ma hanno peggiorato la situazione per i tassi relativamente bassi, come per i mutui per la casa in particolare a tasso variabile. Con un tasso medio del 4%, con la vecchia normativa l'usura scattava dal 6% in su, ora solo sopra al 9%. In ogni caso resta il criterio del livello medio dei tassi applicati, che consente al sistema bancario italiano di alzare progressivamente i tassi senza limiti.

Come, ad esempio?
Prendiamo il caso di Intesa Sanpaolo: nel 2012 comunicò che a fronte degli scoperti di conto corrente, senza od oltre il fido, avrebbe applicato il tasso soglia del trimestre precedente diminuito del 2%. Quindi se per esempio il tasso medio sugli scoperti è il 16%, la soglia d'usura risulta al 22% e la banca applica il 20%. Ma se molte banche si comportano analogamente – e perché non dovrebbero farlo? – il tasso medio tende al 20%. Ciò eleva il tasso soglia al 28% e Intesa Sanpaolo applicherebbe il 26% e così via a salire, senza limiti.

Che forma dovrebbe avere la legge per garantire l'applicazione di tassi equi?
Il discorso ovviamente è complesso. Come indicazione direi che bisognerebbe tenere conto anche di altri tassi, quali l'euribor, quelli applicati dalla Banca Centrale Europea eccetera. L'euribor è ai minimi, vicino allo 0,20%, le banche ottengono soldi dalla Bce allo 0,25%, anche i rendimenti a breve dei titoli di stato sono scesi, eppure abbiamo tassi soglia per l'usura anche superiori al 24%. C'è qualcosa che non va, anzi che va troppo bene per le banche italiane.

IL CALCOLO DELLA SOGLIA DI USURA

La legge 108 del 7 marzo 1996 collocava la soglia di usura a un livello pari al tasso medio di mercato rilevato trimestralmente dalla Banca d'Italia aumentato della metà. La legge 106 del 12 luglio 2011 ha modificato il criterio calcolando il limite consentito come tasso medio aumentato di 1/4 e sommato ad altri 4 punti percentuali. La differenza tra tasso medio e tasso limite non può in ogni caso superare gli 8 punti. In un mercato dei mutui con un tasso medio del 5%, ad esempio, il tasso soglia secondo la vecchia legge si sarebbe collocato al 7,5%. Con la nuova norma il limite sale invece al 10,25% (5 + 1,25 cioè un quarto di 5 + 4 punti). Nel caso delle carte di credito revolving, con un tasso medio al 17%, la vecchia regola avrebbe collocato il tasso soglia al 25,5%. Con la nuova legge il tasso soglia scende invece al 25% (17 + 4,25 + 4 = 25,25 che viene però ridotto a 25 per non superare il divario massimo di 8 punti percentuali tra tasso medio e tasso soglia).

 

Allegati


Potrebbero interessarti

La legge sull'usura permette alle banche di far salire senza limiti i tassi degli interessi addebitati ai clienti, Beppe Scienza lo spiega a Radio 24, intervistato da Oscar Gianino.

Beppe Scienza sll'usura nel programma L'ultima parola condotto da Gianluigi Paragone

Beppe Scienza, in Video e podcast

Le banche concedono mutui con più difficoltà rispetto al passato, freferendovi impieghi più sicuri e remunerativi.

Beppe Scienza, in Attualità

Il termine previdenziale viene spesso usato per semplice accumulazione di risparmi.

Beppe Scienza ospite di Giulia Cazzaniga all'AnteprimaWeb dell'UltimaParola del 25 gennaio 2013, interviene su redditometro, uso del contante, riserve auree, usura bancaria, previdenza ecc.

Alcuni consigli per difendersi dai rischi dell'inflazione: titoli di stato e buoni postali indicizzati e il vecchio, vituperato ma sempre valido TFR.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».