Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Metodi per le scelte finanziarie e previdenziali»: corso semestrale, quest'anno on line, per la laurea in Matematica all’Università di Torino: Inizia a breve. Può iscriversi, nel limite dei posti, anche chi non è studente universitario

Unit linked, attenti alle assicurazioni ad alto rischio che non assicurano

Pubblicato lunedì 14 maggio 2018

il Fatto Quotidiano del 14-5-2017 pag. 18

La difesa del risparmio non sarebbe compito della Corte di Cassazione. Finisce invece che vi provveda indirettamente lei, anziché chi vi è preposto o chi ogni giorno si vanta di tutelare consumatori e risparmiatori.

Ha avuto una notevole eco una recente sentenza (30 aprile 2018, n. 10333) riguardante le polizze vita dette unit linked, cioè quelle collegate alle quote (unit) di uno o più fondi, che da parecchi anni banche, assicurazioni e sedicenti consulenti finanziari rifilano a tutto spiano. Essa ha infatti stabilito che le polizze vita sono da considerarsi tali solo se garantiscono la restituzione del capitale investito, altrimenti sono normali investimenti finanziari. Applicando tale principio, le unit linked perderebbero l’esenzione dall’imposta di bollo e di successione, di cui ora immeritatamente godono (e così non permetterebbero più di eludere le tasse sull’eredità).

In effetti si tratta di vere e proprie prese in giro per i risparmiatori, perché garantiscono non una cifra, bensì un numero di quote, coi venditori che blaterano che “un fondo non può fallire”. Già, anche i fondi pensione o i fondi comuni formalmente non possono fallire, ma uno può perdere anche il 95%. In passato ci fu un fondo che perse addirittura più del 100% (sic).

Da anni sarebbe potuto intervenire l’organo di vigilanza (prima Isvap e poi Ivass) e non l’ha fatto. Inoltre tali prodotti hanno goduto degli atteggiamenti benevoli di varie associazioni di consumatori e ovviamente del portale governativo dell’educazione finanziaria (Quellocheconta.it), così come hanno collezionato applausi (infondati) da parte del giornalismo economico.

Praticamente nessuno spiega che sono pseudo-polizze dove, salvo tutt’al più per una componente minima, gli assicuratori non assumono nessun rischio e quindi non fanno gli assicuratori. Un evviva quindi alla Suprema Corte, se la sua sentenza riuscirà a mettere i bastoni fra le ruote delle compagnie di assicurazione. Ma grazie alla Cassazione anche per altro. Un articolo sul FQ (8-2-2016 p. 18) segnalava le enormi difficoltà per un lavoratore, se l'azienda tralascia i versamenti dovuti al fondo pensione. Ma se essa addirittura fallisce? Proprio un’altra sentenza (Sezioni Unite, 20 marzo 2018, n. 6928) ha chiarito che i crediti per i versamenti a fondi pensione non sono crediti privilegiati nei fallimenti. Lo è invece il TFR, per di più garantito dall'INPS. Emerge dunque un altro punto a sfavore della previdenza integrativa. E quindi un ulteriore motivo per non aderirvi.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

L'imbroglio sui diamanti realizzato grazie all'appoggio del giornalismo economico italiano. L'oro non è poi tanto sicuro. Le polizze vita per investimento da evitare. Intervista a Beppe Scienza su Radio Marconi

Nessuna speranza per chi da retta a Debora Rosciani, conduttrice de 'Il Salvadanaio' in onda su radio 24

Esaminiamo 'Sicuramente' la proposta assicurativo previdenziale di Genertel Life

Da anni banche, assicuratori e finti consulenti volevano che l'Inps inviasse la busta arancione, per incastrare più risparmiatori nelle loro trappole.

C'è un imbroglio di fondo dietro alle polizze rifilate ai risparmiatori: proprio il fatto che sono spacciate per assicurazioni e invece non lo sono.

Tito Boeri (Inps) lancia un allarme sulle pensioni fra 45 anni (!). Qual è il l'obiettivo: più stato sociale o più guadagni per gestori e assicurazioni a danno dei risparmiatori?

Beppe Scienza, in Attualità | Danni del risparmio gestito
Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».