Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Btp Futura, parte l’emissione. Bel nome, poco rendimento e parecchio rischio»
mio post sui nuovi titoli del Tesoro con collocamento previsto dal 6 al 10 luglio 2020. Nel blog del Fatto Quotidiano.

Ora al Tesoro puntano sulla fantasia: i Btp in dollari, di cui non c'era bisogno

Articolo di Beppe Scienza sul Fatto Quotidiano di mercoledì 30 ottobre 2019 a pag. 21

La settimana scorsa il Tesoro ha collocato nuovi Btp Italia. Una decina di giorni prima titoli in dollari, che non emetteva da dieci anni. Due prestiti accolti con commenti entusiastici. In realtà per i cittadini italiani non c’è niente da festeggiare quando lo Stato aggiunge debiti ai tanti che ha già. Ci sarebbe semmai da dolersi

In particolare i nuovi titoli nella valuta Usa, dalla stampa subito battezzati Btp in dollari, hanno riscosso applausi scroscianti, silenziando le critiche condivise dagli esperti della materia, ma sgradite al potere. Non è mica scontato che a conti fatti risulti conveniente per la finanza pubblica indebitarsi in dollari, come invece viene dato per certo. Potrebbe benissimo capitare il contrario

Prendiamo i titoli decennali. Per la precisione si tratta delle Italy 2,875% 17-10-2029 con codice Isin US465410BY32 e quotate anche al Mot. Sono state collocate a un rendimento sul 3% annuo, corrispondente a circa l’1,5% sopra i tassi dei corrispondenti titoli americani. Una differenza analoga allo spread sull’euro coi titoli di Stato tedeschi

È stato sottolineato che il Tesoro non si è assunto rischi per un’eventuale salita del dollaro, coprendo subito l’alea del cambio. Il meccanismo dell’operazione è complesso, ma comunque ora come ora essa abbassa il costo complessivo del finanziamento dal 3% a circa l’1%, quindi grosso modo allo stesso livello dei tassi dei Btp in euro. Peccato che le condizioni di mercato possano cambiare anche radicalmente nei prossimi anni; e il giochetto potrebbe non funzionare più così bene. Col che l’operazione si ritorcerebbe a danno del Tesoro, cioè dei contribuenti italiani

Gestire il debito pubblico italiano dev’essere anche noioso. Quindi psicologicamente si comprende che i burocrati del Tesoro si dilettino di ingegneria finanziaria. Lo si vide anche in passato con la stipula di così tanti contratti derivati. Non è un precedente che faccia ben sperare

Passando poi sul versante degli investitori, si è letto che per sottoscrivere i cosiddetti Btp in dollari si sarebbero formate lunghe code in banca. Un’altra esagerazione. Il risalto dato all’emissione ha però spinto parecchi a chiedersi se meriti investire in tali titoli. Ma siamo sempre allo stesso punto come con le obbligazioni in lire turche, rand sudafricani ecc. Bisogna non perdere col cambio più di quanto si guadagna coi maggiori rendimenti nominali dei titoli nella valuta estera. Cosa del tutto imprevedibile. Un risparmiatore prudente farà bene a non schiodarsi dai Btp Italia o Btp-i

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Qualche riflessione sugli ultimi BTP Italia ottobre 2020. E una domanda: è diventato più tirchio il Tesoro o più generosa la Cassa Depositi e Prestiti, emittente dei Buoni fruttiferi postali?

La corsa al Btp Italia corona il successo del titolo di Stato anti inflazione. Le caratteristiche e i difetti del titolo di via XX Settembre secondo Beppe Scienza

Al BTP Italia tanto reclamizzato ci sono diverse alternative che offrono maggiore sicurezza.

Ovviamente nessun giornalista economico e nessun preteso esperto di reddito fisso se n'è accorto, impegnati solo a ripetere come pappagalli i comunicati stampa degli emittenti qualsiasi siano, una volta l’Enel, un’altra volta Lehman Brothers (sino a qualche anno fa), un’altra ancora il Tesoro.

Beppe Scienza, in Attualità

I nuovi Btp Italia presentano diversi difetti e il successo del collocamento (7,3 miliardi di euro) è dovuto ad alcune trovate commerciali.

I titoli del Tesoro, i limiti della sicurezza e il giornalismo economico sempre più scadente.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».