Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®


×


Capire o inveire? Forse i tedeschi non hanno tutti i torti:
“Coronabond, perché la Germania non li vuole”.
post di Beppe Scienza del 1-4-2020 nel blog del Fatto Quotidiano.

Fuggire dai fondi comuni

Pubblicato venerdì 30 aprile 2010

Vivere (aprile 2010 p. 69), mensile delle Edizioni San Paolo.

Sono prodotti poco trasparenti e conti alla mano hanno reso meno dei titoli di Stato. Secondo Mediobanca tra il 1984 e il 2007 i rendimenti di lungo periodo di questi strumenti sono stati mediamente inferiori a quelli dei Bot a 12 mesi. Ecco perché è meglio evitarli!

I fondi comuni di investimento sono stati introdotti in Italia nel 1984. Esistono quindi ormai da oltre un quarto di secolo. Peccato che abbiano sempre reso regolarmente meno nei mercati finanziari dove hanno investito. Addirittura meno dei tanto vituperati Bot, come testimoniano i dettagliati rapporti dell’Ufficio studi di Mediobanca. Potrebbe stupire quindi che, dopo vari anni in cui molti clienti abbandonavano i fondi, oggi ci sia un’inversione di tendenza. Nel dicembre scorso vi è stato un saldo positivo di 1,6 miliardi di euro fra somme investite e riscattate. Perché così tanti risparmiatori affidano ancora i loro soldi ai fondi comuni, a dispetto di ripetute prove di inefficienza? Due sono le spiegazioni fondamentali di tale comportamento, di fatto autolesionista. In primo luogo gioca l’abilità di venditori senza scrupoli che sanno nascondere i dati negativi e offrire, a parole, garanzie prive di riscontro nei prospetti informativi, che però quasi nessuno legge. Infatti, quasi sempre ci si fida dell’impiegato della banca, delle Poste o del promotore finanziario. I risparmiatori sono poi manipolati da un’informazione che sovente sconfina nella pura e semplice pubblicità. Al di là dei rendimenti, che qualche rara volta possono anche risultare soddisfacenti, conviene stare alla larga dai fondi, e più in generale dal risparmio gestito, perché si tratta di prodotti poco trasparenti.

A parte poter conoscere ogni giorno il valore della quota del fondo, non posso sapere cosa davvero viene fatto con i miei soldi: che titoli il gestore compra, a che prezzi, quando li rivende, a che prezzi eccetera. È come se l’amministratore del mio condominio ogni anno comunicasse il totale di tutte le spese, rifiutandosi di specificare quanto dovuto per il riscaldamento, quanto per la pulizia delle scale... e senza portare mai nessun documento giustificativo. Anche sui cosiddetti fondi etici sono molto scettico. Magari, per fare un esempio, non investono in fabbriche di armi, però i meccanismi restano gli stessi e i rischi di irregolarità pure. Purtroppo il discorso è generale. Non dico che i controlli della Banca d’Italia e della Consob siano inutili, ma i modi per aggirarli sono tantissimi. Comunque la si metta, è innegabile che con i fondi comuni subire danni è la regola.

Il mio consiglio per chi ha soldi nei fondi è quindi molto semplice: disinvestirli e impiegare da sé i propri risparmi. Per esempio, comprando titoli di Stato o Buoni fruttiferi postali indicizzati all’inflazione. Oppure, rischiando di più, acquistare direttamente anche un po’ di obbligazioni o azioni. L’importante è che siamo noi a decidere cosa comprare e cosa no; quando rivendere un titolo e quando no. Solo così sapremo dove esattamente sono investiti i nostri quattrini.

Testo raccolto da Eugenio Arcidiacono

Secondo Mediobanca tra il 1984 e il 2007 i rendimenti di lungo periodo di questi strumenti sono stati mediamente inferiori a quelli dei Bot a 12 mesi


Potrebbero interessarti

L'indagine di Mediobanca su fondi comuni, fondi pensione italiani, evidenzia una distruzione di valore pari a circa 86 miliardi di euro nell’ultimo quindicennio, quattrini portati via ai risparmiatori e finiti nella tasche di venditori, gestori, intermediari ecc. La ricerca è frutto dell'iniziativa e dell'impegno di Fulvio Coltorti, un economista onesto e competente, per decenni responsabile dell'area studi del gruppo Mediobanca.

I crac di Argentina, Cirio e Parmalat, Lehman Brothers, banche Islandesi e Grecia hanno provocato perdite stimabili sui 12-13 miliardi di Euro. Il danno causato dai fondi comuni, fondi pensione, ecc... ammonta a 25 miliardi all'anno.

L'edizione 2015 di 'Dati di 961 fondi e sicav italiani (1984-2014)' dell'ufficio studi di Mediobanca, unica analisi onesta e approfondita del settore, presentata diversamente dagli altri giornali.

In ritardo ma sempre spietata, l'annuale ricerca dell'area studi di Mediobanca sui fondi comuni.

Per la 26-esima volta l'indagine annuale di Mediobanca dimostra che la regola dei fondi comuni è trasformare guadagni in perdite per i risparmiatori

I fondi comuni italiani o esteri, sono macchine per trasferire ricchezza dai risparmiatori alle tasche dei banchieri, gestori, venditori. Video

Beppe Scienza, in Video e podcast
Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob contante conti deposito conto arancio corriere della.. covip default diamanti dividendi economia educazione fin.. edufin enel euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».