Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Metodi per le scelte finanziarie e previdenziali»: corso semestrale, quest'anno on line, per la laurea in Matematica all’Università di Torino: Inizia a breve. Può iscriversi, nel limite dei posti, anche chi non è studente universitario

Il flop del risparmio gestito, meglio disinvestire

Pubblicato mercoledì 4 gennaio 2017

Articolo su Il Fatto Quotidiano del 4-1-2017 a pag. 17

Gli sfasciacarrozze del risparmio gestito pensavano di averla farla franca. Dal 1999 era sempre uscita entro l’estate la ricerca dell’ufficio studi di Mediobanca sui fondi comuni di diritto italiano, aggiornata al precedente 31 dicembre; e regolarmente li faceva a pezzi. L’anno scorso no.

Qualche potere forte aveva convinto il nuovo direttore dell’area studi di Mediobanca, Gabriele Barbaresco, ad affossare l’iniziativa voluta da Fulvio Coltorti? Per fortuna questa volta la dietrologia era fuori luogo. Anzi, all’assemblea degli azionisti di Mediobanca del 28 ottobre scorso il testo era già stato messo a disposizione dei partecipanti, che però non ci avevano fatto caso o avevano sperato che la cosa finisse lì. Invece è ora finalmente accessibile anche on line l’indagine “Dati di 1003 fondi e sicav italiani (1984-2015)”. Frutto del lavoro di analisi coordinato da Matteo Pizzingrilli, è l’unica ricerca sui fondi comuni italiani, che non sia pubblicità mascherata o manipolazione bell’e buona, come le tante classifiche, rating e insulse stelline, sfornate da soggetti in conflitto d’interesse (o peggio).

La pubblicazione di Mediobanca evidenzia molte magagne dei fondi comuni e dei fondi pensione (le sicav, citate per completezza nel titolo, in Italia sono una realtà marginale). Ma è anche una banca dati, utile per opportuni approfondimenti. Ci limiteremo a due ambiti: la previdenza integrativa e i costi totali del sistema.

Prendiamo dunque i rendimenti medi dell’insieme dei fondi pensione negli ultimi 15 anni (2001-2015). Abbiamo un 30,4% per quelli aperti, rifilati da banche, assicuratori e sedicenti consulenti, e quindi molto meno del 44,7% del TFR.

Ma grida vendetta anche la performance dei fondi negoziali, cioè di Cometa, Fonchim, Fonte, Fopen ecc. In apparenza un 59,3% è buono. Ma non solo esso “beneficia delle buone performance dell’ultimo quadriennio”, come commenta Mediobanca. Andando a vedere i titoli obbligazionari e in particolare quelli di Stato italiani, scopriamo un 135% lordo pari al 112% netto complessivo per i tre lustri esaminati. Morale, i fondi pensione sindacal-padronali si sono persi gran parte dei vantaggi del calo dei tassi e per altro ora sono pieni di obbligazioni dai rendimenti irrisori, che pongono una grave ipoteca sui risultati futuri.

Altra questione, le commissioni complessive di 3,5 miliardi nel 2015 che sommate già solo a quelle del 2014 fanno 6,4 miliardi. Ovvero circa quanto potrebbe bastare per salvare il Monte dei Paschi di Siena. Per di più è da prendere come una stima per difetto, per forte difetto.

Primo, perché non comprende le gestioni spostate all’estero per applicare clausole capestro, in Italia proibite. Secondo, mancano tutti i costi di sottoscrizione, molti oneri d’intermediazione ecc. e ovviamente tutte le creste, malversazioni, ruberie ecc. possibili e anzi probabili in assenza di trasparenza.

Assogestioni, associazione di categoria, vantava un patrimonio gestito dall’intero sistema di 1.833 miliardi di euro rispetto ai 292 miliardi dei soli fondi di diritto italiano, esaminati da Mediobanca. Se tanto mi dà tanto, la ricchezza sottratta ai clienti nel solo 2015 ammonterebbe a 22 miliardi. Sono conti a spanne, ma sufficienti per evidenziare la gravità della situazione. Conclusione, un normale risparmiatore è bene che faccia d’ogni erba un fascio. Cioè disinvesta qualunque fondo comune o gestione, senza andare troppo per il sottile. Si può scommettere che nel 99% delle volte è la scelta giusta. Per sé e per l’economia italiana.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

L'indagine di Mediobanca su fondi comuni, fondi pensione italiani, evidenzia una distruzione di valore pari a circa 86 miliardi di euro nell’ultimo quindicennio, quattrini portati via ai risparmiatori e finiti nella tasche di venditori, gestori, intermediari ecc. La ricerca è frutto dell'iniziativa e dell'impegno di Fulvio Coltorti, un economista onesto e competente, per decenni responsabile dell'area studi del gruppo Mediobanca.

I fondi comuni sono prodotti poco trasparenti e conti alla mano hanno reso meno dei titoli di Stato. Ecco perché è meglio evitarli!

I crac di Argentina, Cirio e Parmalat, Lehman Brothers, banche Islandesi e Grecia hanno provocato perdite stimabili sui 12-13 miliardi di Euro. Il danno causato dai fondi comuni, fondi pensione, ecc... ammonta a 25 miliardi all'anno.

L'edizione 2015 di 'Dati di 961 fondi e sicav italiani (1984-2014)' dell'ufficio studi di Mediobanca, unica analisi onesta e approfondita del settore, presentata diversamente dagli altri giornali.

Per la 26-esima volta l'indagine annuale di Mediobanca dimostra che la regola dei fondi comuni è trasformare guadagni in perdite per i risparmiatori

I fondi comuni italiani o esteri, sono macchine per trasferire ricchezza dai risparmiatori alle tasche dei banchieri, gestori, venditori. Video

Beppe Scienza, in Video e podcast
Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».